Tempo di bilanci per l’emergenza incendi. Ecco il rapporto

-

E’ stato presentato mercoledì 19 settembre il programma per l’edizione barghigiana della manifestazione Puliamo il Mondo2009, che quest’anno includerà anche la manifestazione Non Scherziamo col Fuoco. A questo proposito, l’assessore alla protezione civile della Comunità Montana Media Valle Pietro Onesti ha illustrato i dati raccolti dall’ufficio foreste e antincendio boschivo sugli interventi durante l’anno in corso.
Ne emerge che gli uomini dell’ ente sono intervenuti (fino al 31agosto scorso) 19 volte sul territorio della Comunità Montana (Comuni di Barga, Borgo a Mozzano, Coreglia, Fabbriche di Vallico, Pescaglia e Villa Basilica) e 30 sul territorio dei comuni limitrofi (Altopascio, Bagni di Lucca, Camaiore, Capannori, Lucca, Montecarlo, Stazzema, Pescia), per un totale di 49 interventi. Più di 350 ettari di verde sono andati in fumo, con forti danni nel comune di Pescaglia (130 ettari andati in cenere), Stazzema (ancora 130 ettari inghiottiti dalle fiamme) e Bagni di Lucca (37 ettari); sempre secondo i dati raccolti dall’ufficio foreste, il tipo di vegetazione maggiormente colpita dal fuoco è quella rappresentata da alberi quali il castagno, il pino, l’acacia ed i prati a pascolo. I mesi più critici dell’anno sono stati febbraio, con una superficie percorsa dal fuoco di più 250 ettari e agosto con 50 ettari di terreni bruciati.
Ma chi ha segnalato gli incendi? Sui 49 incendi trattati dalla comunità montana, 8 volte sono stati i cittadini a dare l’allarme e 8 la Comunità Montana stessa, e nella maggior parte dei casi il Centro operativo provinciale (14 segnalazioni) e la Sala Unificata Operativa Permanente (13 incendi).
Finalmente, viste le mutate condizioni metereologi che, la stagione a rischio può ritenersi conclusa, e quindi, anche se i dati per ora forniti sono parziali, possono essere considerati comunque attendibili.

Tag: , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.