Commenti

1


  1. Re: Monsignor Lino Lombardi commemora Morando Stefani
    Ora però, si esagera. Che si riduca la connivenza di un personaggio integrato col regime nazi-fascista (dunque con i rastrellamenti, le deportazioni, gli stupri, gli omicidi di massa) ad una questione di tarallucci e vino, non è comprensibile, e soprattutto non è accettabile: omaggi con prodotti locali alle mogli dei potenti? Barga, bucolica villeggiatura per i potenti romani?
    Oh, MA STIAMO SCHERZANDO???? Perché se è uno scherzo, certo è di pessimo, rivoltante gusto.

    Questo “scherzoso” (spero) oltrepassamento di ogni minima decenza umana mi ha fatto però riflettere.

    Oggi, con i miei inesperti 24 anni, non nutrirei nessun dubbio sul dover scegliere un’eredità valoriale e politica da accogliere e fare mia; ma è una riflessione che non necessita di grandi sforzi, proprio per il difforme spessore e valore delle alternative; alla fine, cioè, bisogna decidersi: se conservare la memoria di chi omaggia i dittatori o di chi li combatte fino sacrificare la propria vita per la libertà di noi tutti.

    Ognuno faccia la sua scelta. Io la mia l’ho fatta.
    Mi taccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*