Tag: diabete

- di Redazione

Lions Club Garfagnana  e la Lotta al Diabete di tipo II

BORGO A MOZZANO – Lions Club Garfagnana attivo per la lotta al Diabete Mellito di tipo 2. Una patologia che ha le dimensioni di un’epidemia globale, che colpisce uomini, donne e bambini di ogni età e che può causare danni al cuore, ai vasi sanguigni, agli occhi, ai reni, al sistema nervoso, all’intero organismo. Per tutto questo, e molto altro, il diabete è considerato un’emergenza sanitaria mondiale. Il diabete mellito può essere considerato una patologia “culturale”, espressione patologica di uno errato stile di vita, alimentazione, obesità e sovrappeso, sedentarietà. Una perdita del vitale equilibrio tra cultura e natura, tra organizzazione della vita quotidiana ed il corpo umano. Il diabete Mellito di tipo 2 può essere prevenuto con uno stile di vita corretto. Per questo,i Lions, sono impegnati nella diffusione del FINDRISC test e nella misurazione della glicemia. Tale questionario, basato sul metodo scientifico FINDRISC (Finnish Diabetes Risk Score) validato a livello internazionale, ha lo scopo di valutare il rischio di…

- di Redazione

Diabete, 20 ragazzi in cammino con la USL Toscana nord ovest al parco dell’Orecchiella

LIVORNO – Venti ragazzi di età compresa tra i 9 e i 14 anni parteciperanno al nuovo campo scuola finanziato dalla Regione Toscana e organizzato dalla Azienda USL Toscana nord ovest con la collaborazione della Azienda ospedaliero universitaria di Pisa (Aoup) e le associazioni di pazienti diabetici per i giovani insulino-dipendenti. Il campo, che si terrà dal 23 al 26 agosto al parco dell’Orecchiella in Garfagnana (Lucca), avrà come tema “In cammino con il diabete” e permetterà ai ragazzi di approfondire e affrontare insieme vari aspetti sia psicologici che clinici della malattia in un contesto divertente e informale. “I campi scuola – spiega Fabrizio Gadducci, direttore dell’Area Pediatrica della Azienda USL Toscana nord ovest e primario della Pediatria livornese che sarà presente al campo – rappresentano un passo fondamentale per lo sviluppo dell’autonomia dei ragazzi con problematiche di questo tipo. Sono considerati come uno dei programmi di educazione terapeutica tra i più efficaci per la gestione della malattia e per…

- di Adriana Montevero

Prendi un caffè con Weloveinsulina

L’associazione Weloveinsulina si occupa da anni di fare informazione sul diabete di tipo 1 in tutto il suo percorso, dalla diagnosi al vivere quotidiano con il diabete di tipo 1, patologia cronica autoimmune che colpisce prevalentemente da bambini e richiede iniezioni di insulina più volte al giorno e per tutta la vita. A differenza del più famoso diabete di tipo 2 (detto “dell’anziano” o “alimentare”) il diabete di tipo 1 non si può prevenire, ma si possono prevenire con una diagnosi tempestiva le sue conseguenze, che possono essere fatali, nel caso in cui venga individuata e trattata in ritardo. Weloveinsulina è un’associazione che fa informazione a 360 gradi prevalentemente tramite lo sport, in particolare il podismo, ma anche attraverso metodi che possano arrivare in tutte le case, specie in quelle dove il diabete di tipo 1 non si sa nemmeno cosa sia, in modo da fare informazione sui sintomi principali (tanta sete, tanta pipì, alito che sa di frutta, stanchezza)…

- di Redazione

Al rally degli Eroi per sostenere Weloveinsulina ed i bimbi con il diabete

“We love insulina… noi corriamo anche per questo… I sette piloti dell’Esercito correranno alla “La Grande Fuga 2016” al Rally degli Eroi portando il messaggio di “Weloveinsulina” sulla diagnosi precoce del diabete mellito tipo 1, malattia autoimmune che colpisce sempre di più i bambini”. Questo il testo pubblicato sulla pagina Facebook del Rally degli Eroi, che continua: “Correranno per abbattere i muri di ignoranza che precedono questa malattia, che non è il diabete degli anziani, non viene perché i bimbi mangiano male o troppi dolci, e se non diagnosticata tempestivamente può portare a danni irreversibili. Questi 7 eroi porteranno il nostro messaggio e noi li ringraziamo perché nessun bimbo si senta solo ed escluso, possono fare tutto quello che fanno gli altri, certo facendo insulina e controllando la glicemia. “Weloveinsulina” è un movimento che sostiene il Meyer Ospedale Pediatrico della Toscana, con il suo team corre in tutta Italia con i suoi podisti, per far conoscenza sui sintomi. l loro…

- di Redazione

Eccesso di peso per 40% dei lucchesi. E solo il 25% fa “buona attività fisica”

Nei giorni scorsi (sabato 14 giugno), nella sala di Rappresentanza di Palazzo Ducale a Lucca, all’interno del Palazzo Ducale, si è svolto il Convegno “GUADAGNARE SALUTE: costruire alleanze per rendere facili le scelte salutari” organizzato dal Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda USL 2 Lucca, insieme a Provincia e Ordine dei Medici.Tra le tematiche affrontate durante la giornata, in particolare, l’importanza sempre maggiore delle malattie cronico-degenerative per la salute pubblica e le iniziative di contrasto ai fattori di rischio che ne sono responsabili. Il costante invecchiamento della popolazione, infatti, obbliga i servizi sanitari a fronteggiare sfide sempre maggiori, come quella delle malattie croniche non trasmissibili (le patologie cardiovascolari, i tumori, il diabete e i disturbi respiratori cronici), che costituiscono ormai la causa dell’86% di tutti i decessi nell’Unione Europea. Ogni anno due milioni di persone muoiono di malattie cardiovascolari e si calcola che l’8% della popolazione soffra di diabete. È bene ricordare che molte di queste malattie riconoscono in alcuni comportamenti e…

- di Redazione

Iacopo Ortolani e la storia di Plinio all’ISI di Barga

A dimostrazione della continua volontà di essere parte attiva del mondo esterno e di tutto quello che non concerne strettamente il mondo della scuola, sabato 15 febbraio l’ISI di Barga dedicherà la tradizionale iniziativa ”Incontro con l’autore” a Iacopo Ortolani e al suo libro “La forza che ho dentro”, scritto per raccontare la storia di suo figlio Plinio, colpito da diabete mellito di tipo 1 a soli 19 mesi. La storia di Plinio e il dramma della famiglia, i presunti errori sanitari e la vicenda umana che ha vissuto e vive questo nucleo familiare.Scopo fondamentale del libro quello di sensibilizzare su una malattia sempre più diffusa quanto sottovalutata che, se non identificata e trattata tempestivamente, può portare a conseguenze irreparabili. La malattia è caratterizzata da sintomi chiari e facilmente riconoscibili per cui è importante informare le persone in modo che chiunque sia in grado di riconoscerla. Ma soprattutto è importante informare quelle famiglie dove il Diabete va a colpire i…