Attualità

- 1 di ellegi

I ritardi delle poste? Spesso la colpa è nostra…

Abbiamo in questi mesi tanto criticato il servizio di recapito postale nel comune di Barga. Il problema è ormai arcinoto, ma una questione che non abbiamo mai analizzato, per cercare di dare una risposta al problema – o quanto meno di poter contribuire alla soluzione – è quella dell’inesattezza degli indirizzi a cui viene spedita la nostra posta.Spesso e volentieri gli indirizzi sono incompleti: manca il numero civico, oppure è solo specificato il paese, ma non la via. Spesso i numeri civici sono errati e spesso la corrispondenza ci viene inviata ad un indirizzo dove non abitiamo più. Se a tutto questo si aggiunge il problema del continuo avvicendamento dei portalettere sul territorio – con la conseguenza che spesso i postini non conoscono la propria area – il gioco è fatto. Lacorrispondenza non arriva o se arriva ci mette un bel po’ di più.Avviene anche che l’indirizzo sia corretto, ma i postini non trovino il destinatario in quanto sulla via,…

- 1 di Redazione

Aderisci a M’illumino di meno

Per il quinto anno consecutivo Caterpillar, il noto programma di Radio2 in onda tutti i giorni dalle 18 alle 19.30, lancia per il 13 febbraio 2009 M’illumino di meno, una giornata di mobilitazione internazionale in nome del risparmio energetico. Dopo il successo delle passate edizioni, i conduttori Cirri e Solibello chiederanno nuovamente ai loro ascoltatori di dimostrare che esiste un enorme, gratuito e sotto utilizzato giacimento di energia pulita: il risparmio. L’invito rivolto a tutti è quello di spegnere le luci e tutti i dispositivi elettrici non indispensabili questo 13 febbraio 2008 dalle ore 18.Nelle precedenti edizioni M’illumino di meno ha contagiato milioni di persone impegnate in varie forme di risparmio: cittadini, scuole, aziende, musei, gruppi multinazionali, società sportive, istituzioni, associazioni di volontariato, università, commercianti e artigiani hanno aderito, ciascuno a proprio modo, alla Giornata del Risparmio. In effetti basta fare poco: spegnere qualche luce che non sia strettamente necessaria; staccare gli elettrodomestici in standby, tenere aperto il frigo il…

- di Redazione

La lunga storia del Carnevale

In principio furono i riti dionisiaci greci ed i Saturnalia romani: momenti della durata di alcuni giorni, tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera, dedicati a una positiva follia collettiva durante i quali le parti sociali si capovolgevano: gli schiavi diventavano padroni ed i padroni schiavi e tutto, o quasi era lecito. Si scioglievano così, almeno temporaneamente gli stretti obblighi gerarchici abbandonandosi al gioco, allo scherzo, alla dissolutezza. Già al tempo era normale il travestimento o l’uso di maschere, per non essere riconoscibili mentre ci si lasciava andare e per avvicinarsi alla divinità.Nel medioevo queste manifestazioni persero il carattere mistico delle feste pagane ma continuarono ad essere ben tollerate dall’austera cultura cristiana, considerando il Carnevale uno sfogo prima del periodo della quaresima. In questa epoca le follie del carnevale si diffusero nelle città e nelle corti coinvolgendo tutti gli strati sociali, anche se rimaneva appannaggio dei nobili festeggiare a lungo e con sontuosi banchetti. A questo punto mascherarsi permetteva…

- di Maria Elena Caproni

A Fornaci è tempo di saldi

Gennaio, tempo di saldi. Sono iniziati in tutta Italia i ribassi di fine stagione, attesi da consumatori e commercianti per supplire ai sintomi della crisi economica che il mondo intero sta attraversando.Per quanto riguarda la Toscana, un regolamento regionale dispone che i saldi siano effettuabili dal 7 gennaio al 7 marzo, con libertà per i comuni di poter variare tali date, ma in ogni regione in molti hanno cominciato a scontare i capi in vendita già da dicembre, per permettere ai consumatori di fare acquisti natalizi più economici.Ci sono poi dei decreti legislativi che impongono un preciso comportamento dei commercianti nell’esporre la merce scontata: il capo deve infatti riportare sul cartellino il prezzo iniziale, la percentuale di sconto applicata ed il prezzo finale, per garantire la massima trasparenza al consumatore. Inoltre, anche un capo comprato “a sconto” deve poter essere cambiato entro due mesi dall’acquisto se richiesto dall’acquirente.Ma nel nostro comune come stanno andando le cose?I titolari di alcuni dei…

- di Maria Elena Caproni

L’anno che verrà

Benvenuti nel 2009. Sarà un anno testimone di anniversari importanti: ricorrerà il ventesimo anniversario della caduta del muro di Berlino e delle contestazioni studentesche a Pechino, rimaste tristemente note per i fatti di piazza Tienanmen; saranno passati quaranta anni dal mega festival rock di Woodstock, dallo sbarco del primo uomo sulla luna e della strage di piazza fontana, episodio che scosse l’Italia con l’uccisione di 17 persone e il ferimento di 88 a Milano.
Ma cosa ci riserva il futuro di quest’anno appena iniziato?Innanzi tutto il 2009 sarà l’Anno Internazionale dell’Astronomia (IYA 2009), proposto dall’Italia all’UNESCO e alle Nazioni Unite, con un accordo poi firmato da 99 nazioni e 14 organizzazioni internazionali per la comunicazione ed educazione scientifica.L’intento di questa celebrazione, che si svolgerà non a caso nel IV centenario delle prime osservazioni galileiane, è quello di condividere l’entusiasmo della scoperta e delle conoscenze astronomiche per creare una maggiore consapevolezza su ciò che, letteralmente, ci sovrasta.Gli appuntamenti saranno sia a livello…

- 4 di Redazione

La Morte solitaria

Con il termine giapponese kodokushi (letteralmente “morte solitaria”) si indica la morte in solitudine di una persona. In Giappone il fenomeno è diventato uno dei maggiori problemi nazionali. E’ così lontano il Giappone, eppure nella così tranquilla ed anche in linea di massima agiata Barga, succede anche questo. Una casa ce l’aveva, ma ha vissuto buona parte dei suoi 51 anni come un homeless che puoi trovare nelle grandi città. Quasi, o forse sicuramente, una scelta la sua. Nello stesso modo se n’è andato G.D.P. di Barga, ritrovato davanti l’uscio di casa senza vita dopo due giorni dalla morte avvenuta per cause naturali, forse per un infarto. Se n’è andato da solo come da solo ha vissuto buona parte della sua vita. A ritrovarlo un vicino di casa che dopo non averlo visto per qualche tempo girovagare per Barga, come era solito fare, si è recato verso l’abitazione fatiscente in cui abitava e lo ha trovato davanti alla porta di…