Ad un anno dalla scomparsa le sue foto ci ricordano Massimo Pia

- 1

BARGA – Era il 15 dicembre del 2020 quando veniva improvvisamente e prematuramente a mancare il fotografo barghigiano Massimo Pia. Per decenni ha collaborato con l’Amministrazione Comunale per raccontare i fatti, gli avvenimenti, lo spirito di Barga e di tutta la comunità barghigiana. Giornalista pubblicista, è stato anche collaboratore del nostro giornale, ma le sue fotografie sono arrivare sulle riviste e sui giornali di tutto il mondo, raccontando sempre di Barga.

Per lui la fotografia non soloobiettivo per raccontare Barga, ma anche una forma d’arte verso la quale aveva indubbiamente grande passione ed anche talento.

La mostra in suo ricordo, organizzata dalla Fondazione Ricci e dal Comune di Barga con il supporto del nostro Giornale, ha voluto ricordare quello che era Massimo attraverso le sue fotografie, ma anche, umanamente e sinceramente, con le parole di coloro che sono intervenuti, dagli ex s9indaci Sereni e Bonini prima, fino alla prima cittadina Caterina Campani, al nostro direttore, alla presidente della Fondazione Ricci Cristiana Ricci, principale fautrice dell’esposizione apertasi ieri.

Assieme a quelle del babbo Renzo, non sono state parole di circostanza quelle pronunciate negli altri interventi ascoltati nelle stanze della Memoria dove la mostra è ospitata a sarà visibile finoal 6 gennaio; una esposizione dove dal 15 dicembre, primo anniversario della sua morte, viene  ripercorsa la vicenda umana ed artistica di Massimo che indubbiamente ha lasciato in chi l’ha conosciuto ed ha avuto modo di collaborare con lui un ricordo indelebile; più forte di quello che ognuno di noi si sarebbe forte assaettato. Massimo manca, ma ci consola ora il fatto che Massimo c’è ancora e ci parla dalle sue foto.

 

Commenti

1


  1. Caro Massimo continua da lassù in cielo ad immortalare con la tua macchina fotografica tutti i tuoi amici che ti hanno voluto e ti vogliono ancora bene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.