La Befana vien di notte. Tradizione di poeti, musici e cantori a Piazza al Serchio

-

PIAZZA AL SER5CHIO – L’anno nuovo si apre celebrando una delle figure tipiche della tradizione italiana, la Befana, e il Museo Italiano dell’Immaginario Folklorico organizza per l’occasione una serata dedicata all’Epifania: giovedì 9 gennaio alle 21 presso il Teatrino Comunale in via G. Marconi 6 a San Michele di Piazza al Serchio, verrà presentato il libro La befana vien di notte in Garfagnana. Tradizione di poeti, musici e cantori (Unione dei Comuni della Garfagnana, Identità e Memoria, 2019) del ricercatore Mariano Balducci.

La Befana, assimilata nella tradizione ad una vecchietta dal naso adunco, con pochi denti, adornata da abiti stracciati e scarpe rotte va girovagando la notte del 5 gennaio, sostenendosi zoppicante ad una lunga scopa che talvolta le serve da bastone e talvolta da propulsore aereo. Ma chi è realmente e qual è la sua storia? Ogni bambino si è posto queste semplici domande alle quali il libro di Balducci cerca di dare una risposta dal punto di vista etnologico, antropologico, storico, culturale e folcloristico. Il volume infatti è dedicato alle befanate di questua nel territorio della Garfagnana e raccoglie minuziosamente testi e armonie di alcuni del canti che vengono celebrati ogni anno durante la sera del 5 gennaio. Il libro è dunque un notevole contributo alla cultura della Garfagnana, in quanto offre la possibilità di comprendere l’importanza per questi territori del canto della befana, che non è solo un canto di questua ma rappresentava, e rappresenta ancora oggi, un modo per augurare salute alla famiglia e fecondità al territorio.

La serata si concluderà con l’esibizione di vari gruppi di cantori provenienti da alcune località della Garfagnana, fra cui Vagli di Sopra, Camporgiano, Piazza al Serchio e Calomini.

Tag:

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*