Ghiviborgo crisi infinita, battuto 2-0 dal Bra

-

SERIE D – Non basta la cura Lavezzini per scuotere il Ghiviborgo dalla crisi profonda che non lo vede pervenire alla vittoria dal 6 ottobre scorso. Allo stadio delle Terme di Bagni di Lucca i biancorossi escono sconfitti per due a zero dai Piemontesi del Bra, che scendevano in Toscana con 18 punti in classifica, uno in più rispetto ai padroni di casa.

Arbitra il signor Verrocchi di Sulmona, che al termine del match verrà apostrofato e non poco dai supporters locali.

Il primo tiro in porta della partita parte dai piedi di Felleca che calcia in area dalla destra ma la difesa ospite devia in angolo. Bra che si fa vedere al quinto, impegnando il giovane portiere Scatena che però si fa trovare pronto salvando la propria porta in acrobazia. All’ottavo Ghiviborgo sfortunato: La botta al volo di Bartolini finisce sulla schiena di Nezha. Al dodicesimo ancora padroni di casa in avanti con Nezha che di testa manda alto. Al 22 però gli ospiti passano: angolo dalla destra di Petracca, palla sfiorata da Brancato che carambola sul corpo di Rossi che sorprende Scatena da sotto misura. Al 32 ancora ospiti in gol, ma il direttore di gara annulla per una posizione di fuorigioco di Rossi. Si va al riposo con questo tiro di Subbicini deviato sulla linea di porta.

Dopo nove minuti dall’inizio della ripresa, il raddoppio del Bra: azione fotocopia del gol annullato nel primo tempo: Brancato calcia da distanza ravvicinata, Scatena non blocca e la palla torna sui piedi di Brancato che serve Campagna che insacca sul secondo palo. 2 a 0 e proteste dei padroni di casa contro l’assistente per il presunto fuorigioco di Campagna. All’undicesimo, episodio dubbio in area del Bra: Brancato mette giù Felleca al limite dell’area ma per il direttore è tutto regolare. Al 39 poi lo stesso Felleca si innamora del pallone in area e la difesa piemontese libera. Termina dopo 5 minuti di recupero. Adesso il Ghiviborgo è ultimo in classifica insieme al Ligorna. E il prossimo turno vede il derby contro la Lucchese.

Tag:

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*