The Fettuccinis swing band al Barga Jazz Club

-

BARGA – L’Associazione Culturale Barga Jazz Club per la prima volta, da quando è nata, si ritrova ad aprire le sue porte con un pezzo in meno. Perchè se ogni fine settimana sul piccolo palco di Via del Pretorio possiamo godere di ottimi live è anche grazie a una figura che proprio questa settimana ci ha lasciati: Giancarlo “Jack” Rizzardi.

Il Barga Jazz Club nacque come ideale proseguimento invernale del Barga Jazz Festival da lui fondato e portato avanti per anni; molti dei soci che fanno oggi parte dell’associazione si sono avvicinati al jazz, ma più in generale alla musica grazie a lui. Il dolore è enorme, ma quel che è più grande è la gratitudine che l’associazione nutrirà sempre nei suoi confronti.

Nonostante questa grave perdita il Barga Jazz Club ha dunque pensato che il miglior modo per celebrarlo e ricordarlo sia proprio la musica, per questo non sospenderà la sua attività perchè sicuramente Giancarlo avrebbe voluto così.
Venerdì 29, quindi, dalle 21,30, arriva lo Swing con i THE FETTUCCINIS SWING BAND.
The Fettuccinis sono un gruppo swing di recente formazione con un sound vintage ispirato ai meravigliosi gruppi vocali degli anni 30-40. Contrabbasso, chitarra e batteria accompagnano tre voci femminili arrangiate “Close Harmony” in un impasto retrò divertente di fronte al quale non si può rimanere fermi. Proporranno ai soci dell’Associazione culturale i classici dello swing americano, qualcosa di nuovo e una scaletta dedicata al loro gruppo di riferimento, le mitiche The Puppini Sisters.
La band è composta da: Michela Fambrini alla voce, Elisa Pietrasanta alla voce, Marta Pietrasanta -alla voce, Sabatino Amoriello al contrabbasso, Tommaso Belfiore alla chitarra e Simone Nieri alla batteria
Si ricorda che l’ingresso è riservato ai soci ACSI e che per ogni info è possibile contattare: segreteria@bargajazzclub.com.

Tag: ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*