Ghiviborgo attende il Prato con la voglia di sentirsi grande

-

CALCIO D – Tra le partite in programma domenica prossima spicca senza dubbio Ghiviborgo-Prato. La gara che si giocherà allo stadio delle Terme costituisce una verifica importante per il Ghiviborgo di Fanani ma soprattutto per la squadra ospite reduce dalla sconfitta con la Lucchese.

E venne l’undecima come gracchiavano gli antichi cronisti della radio del tempo che fu. Una giornata nella quale tra i match più interessanti possiamo senza dubbio evidenziare Ghiviborgo-Prato. In effetti per la squadra di Pacifico Fanani sarà un bel test contro una delle corazzate del torneo che però viene dalla sconfitta interna con la Lucchese e che finora non è riuscita a fare la differenza e a staccare le rivali. Anzi, i lanieri sono invischiati più che mai in una classifica tanto corta quanto incerta dove si stenta a riconoscere un…padrone del campionato. Tabella alla mano dai 18 punti delle prime tre ai 13 del Borgosesia, quindi in una forbice di sole cinque lunghezze ci sono ben 12 squadre mica quisquiglie. Ciò significa che con una paio di vittorie sali in paradiso ma con altrettante sconfitte vedi l’inferno della zona retrocessione. Due vanno direttamente giù, dalle terz’ultima alla sest’ultima spareggiano. Prendete ad esempio il Ghiviborgo che non vince da un mese (6 ottobre 3-0 al Borgosesia) e che pure era partito fortissimo con 9 punti nelle prime tre giornate. Nelle successive sette gare di punti Borgia & c. ne hanno raccolti solo 6 che non sono media esaltante. Vero altresì che nessuno chiede alla squadra di Fanani di vincere il campionato. Anzi l’obiettivo più volte dichiarato e ribadito è quello di una salvezza tranquilla. Che poi nel Ghivi ci sia un elemento del calibro di Lucatti che con dieci reti è già in doppia cifra non è elemento affatto trascurabile. Quindi la parola d’ordine è di affrontare il Prato a viso aperto spendo che di fronte ci sarà un avversario forte, molto forte, ma non imbattibile. Il resto lo diranno i 90′ delle Terme.

Tag:

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*