All’ISI l’incontro con il poeta Ennio Cavalli

-

Alla presenza delle classi quinte dell’ISI Barga si è tenuto ieri, nell’Aula Magna, un incontro promosso dalla Fondazione Giovanni Pascoli all’interno della XXV edizione del Festival letterario LuccAutori. Ospite della nostra città è stato Ennio Cavalli, per anni giornalista e collaboratore della RAI, scrittore e poeta che ha ricevuto numerosi riconoscimenti a livello nazionale. A introdurre la mattinata sono stati Demetrio Brandi, Presidente di LuccAutori, l’assessore Tonini per il Comune di Barga, il Presidente della Fondazione Pascoli Adami e la dirigente scolastica Iolanda Bocci.
Cavalli, partendo da alcuni versi del poemetto di Pascoli “Italy” (come “il peso d’una galla” o “mangiare pane e coltello”) ha ricostruito la genesi di certe espressioni pascoliane, il forte legame tra natura e poesia, l’idea del poeta come fanciullino, il continuo lavoro sui versi, e soprattutto come egli stesso ha vissuto questi aspetti nella propria poesia.
Non sono mancati riferimenti pascoliani alle proprie esperienze di vita, come quando andò a visitare a Cesenatico lo scrittore Marino Moretti che gli mostrò una delle prime edizioni di Myricae, raccontandogli di essere stato a Castelvecchio, alla casa del poeta (che Cavalli ha visitato in questa occasione) dove aveva incontrato Mariù, o la scoperta di aver condiviso con Pascoli (così come con personaggi illustri quali Zavoli e Fellini) l’esperienza scolastica al Liceo di Rimini.
Una esperienza che poi ha preso una strada diversa, quella del giornalismo: Cavalli ha concluso la mattinata ricordando la drammatica esperienza di inviato RAI durante gli Anni di Piombo.

Tag: , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*