Una panchina rossa alla Villa di Riposo “Pascoli”

-

BARGA. Sabato 14 settembre a Barga è stata inaugurata la settantasettesima panchina rossa, simbolo dedicato alle donne vittime di violenza ed al ricordo di una di quelle vittime, la giovane Vanessa Sim,onini di Gallicano: uccisa il 7 dicembre di dieci anni fa da un uomo  che credeva amico

La numero settantasette, appunto, e la prima invece che viene inaugurata in una residenza per anziani privata, in questo caso la Villa di Riposo “G. Pascoli” di Barga.

Una iniziativa fortemente voluta dal direttore della struttura, , gestita dalla Società Benemerita “G. Pascoli”, Gabriele Giovanetti, perché: “Anche le donne anziane sono vittima di soprusi, fisici e anche psicologici, non meno umilianti e laceranti delle violenze sessuali. Questa Villa di Riposo – ha poi aggiunto –  è peraltro un luogo dove il 90% del personale è composto proprio da donne e quindi dove è più che mai significativo che si lanci un  messaggio forte  contro la violenza e nel rispetto dei diritti delle donne”.

Ad inaugurare insieme a Giovannetti ed a tutto il personale e gli ospiti della struttura la nuova panchina rosa, , anche la mamma di Vanessa Simonini, Maria Grazia Forli e la presidente dell’Associazione Non  ti scordar di te, Maria Stella Adami. Erano presenti anche le componenti della commissione pari opportunità di Barga.

Il ricordo di Vanessa è stato poi sottolineato sulla panchina dalle installazioni artistiche di Sandra Rigali che hanno reso unica questa panchina.

Alla cerimonia hanno anche partecipato i consiglieri Beatrice Balducci e Sergio Suffredini, a nome dell’Amministrazione Comunale e la consigliera  regionale Ilaria Giovannetti. Maria Stella Adami ha ricordato gli impegni e le battaglie dell’Associazione Non Ti scordar di te che a Ponte di Campia  gestiste un centro antiviolenza a supporto di tutte le donne in difficoltà e vittime di violenza

Purtroppo, ha fatto notare, la violenza di genere è un fenomeno in crescita: le richieste di aiuto sono cresciute, e nel solo 2019 a Ponte di Campia gli interventi sono già stati 16 contro i dieci in media del passato. Questo però, ha spiegato ancora, non vuol necessariamente dire che sono aumentati i casi di violenza dalle nostre parti perché è anche vero che adesso le donne  hanno più forza di portare avanti le denunce.

La giornata è stata arricchita anche dalla musica del gruppo a plettro “Le quote Rosa”, composto quasi esclusivamente da donne e dalle parole del personale femminile e delle ospiti della struttura che hanno letto alcuni dei diritti fondamentali riguardanti le donne. Il personale della Villa di Riposo ha dato vita anche un flash mob  molto ben riuscito.

Tag: , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*