Tante attività dei Carabinieri; arresti e denunce tra Coreglia, Borgo a Mozzano, Barga e Altopascio

- 1

Sempre più intense le attività di controllo del territorio da parte dei carabinieri del Comando Compagnia di Castelnuovo Garfagnana.

Tra i tanti risultati conseguiti, a Coreglia Antelminelli c’è stato l’arresto di una donna 32enne del posto gravata da un provvedimento di esecuzione di un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Sorveglianza di Firenze in data 21 mar 2019. Doveva  espiare la pena 10 mesi per calunnia continuata in concorso nei confronti del proprio legale accusato falsamente di patrocinio infedele.

E’ poi stato denunciato per il reato di guida in stato di ebbrezza un uomo 51enne di nazionalità straniera con precedenti di polizia, controllato alla guida dell’autovettura della moglie convivente a Borgo a Mozzano, in località Mao (patente di guida  ritirata; un uomo 31enne di nazionalità straniera alla guida della propria autovettura, che a Ghivizzano, è rimasto coinvolto in un sinistro stradale con feriti (l’alcotest ha evidenziato un tasso alcolemico pari a 1,10 g/l).

Inoltre ad Altopascio è stata arrestata  una donna 27enne originaria di Messina e residente a Altopascio, con precedenti di polizia, poiché gravata da un ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso per condanna passata in giudicato per tre anni di reclusione per il reato di concorso in rapina aggravata continuata. Il reato è stato commesso nell’aprile 2013 insieme ad una complice ai danni di una persona anziana, all’epoca 79enne, di Lucca. Le due donne avevano portato con alcune scuse l’uomo in zona Ponte a Moriano, in un luogo appartato, facendogli consumare un aperitivo in auto; con lo stesso convinto dalla disponibilità di una delle due a consumare un rapporto sessuale. All’alba del giorno seguente, a Borgo a Mozzano lungo la via per San Romano di Motrone, un automobilista aveva poi notato l’anziano che vagava a piedi in stato confusionale dando l’allarme al 112: era stato derubato dei soldi che aveva nel portafoglio. L’attività d’indagine condotta dai militari del Nucleo Operativo congiuntamente a quelli della Stazione di Borgo a Mozzano, ha consentito di ricostruire la dinamica dei fatti e raccogliere, già poco dopo tempo, inconfutabili elementi a carico delle due donne: si è scoperto che avevano versato nel bicchiere dell’uomo una sostanza narcotizzante – mischiata con la bevanda – che lo ha stordito facendolo addormentare, consentendo così alle donne di derubarlo facilmente della somma di 80o. Di seguito le rapinatrici hanno abbandonato la vittima a bordo della sua autovettura parcheggiata ai margini della strada della zona isolata.

A Barga inoltre, è stato denunciato un cittadino extracomunitario della Liberia, 41enne, disoccupato e pregiudicato, perché sottoposto ad un controllo di polizia nei pressi del centro cittadino esibiva una carta d’identità rilasciata dal Comune di Lucca all’inizio del 2019: Un approfondimento ha permesso di accertare che il documento d’identità era stato ottenuto  mediante attestazione di una denuncia di smarrimento che il soggetto ha presentato nel novembre d 2018 presso il Commissariato di P.S. di Viareggio; dove aveva dichiarato falsamente di aver smarrito la sua carta di soggiorno, senza mai esserne stato in possesso poiché, in realtà, loo stesso è risultato privo di permesso, scaduto da anni e non più rinnovato. KL’uomo non potrà fare ritorno nel territorio del comune di Barga per tre anni.

Tag:

Commenti

1


  1. Perche’ non rimandarlo nella nazione di origine?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*