Degrado in via del Molino, sopralluogo del Comune

- 1

Per il degrado di via del Molino a Ponte all’Ania dopo anche le segnalazioni degli abitanti si è mossa nei giorni scorsi anche l’Amministrazione Comunale insieme a Valfreddana Recuperi, gestore del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. Era presente nell’occasione l’assessore all’ambiente, Giorgio Salvateci ed al sopralluogo ha preso parte anche la Polizia Municipale.

Gli abitanti, hanno fatto notare la presenza di rifiuti lungo la strada  e nei campi circostanti, dove in alcuni casi si sono formate delle piccole discariche. Questa non è un ‘area servita quotidianamente dal servizio di spazzatura delle strade, con il passaggio quotidiano anche del camion che pulisce la strada come avviene a Barga e Fornaci, ma la presenza invece quotidiana di TIR che staziona in attesa dell’ingresso alla cartiera che si trova in fondo alla strada rende questa area invece fortemente frequentata ed utilizzata e quindi bisognosa di più attenzione. . Il Comune ha richiesto a Valfreddana di installare proprio in questi giorni un bidone per la raccolta di carta, bottigliette e altri rifiuti nei pressi del parcheggio della cartiera e provvederà, grazie alla disponibilità di Valfreddana Recuperi, alla pulizia della strada; promettendo più frequenti passaggi ed informando anche i proprietari dei campi a procedere a loro volta ad una rimozione dei rifiuti presenti.

Gli abitanti hanno anche segnalato al Comune la problematica di un vecchio canaletto di scarico che costeggia tutta via del Molino; una volta era un canale di scolo delle acque meteoriche, ma adesso, oltre ai rifiuti superficiali, è percorso da in liquido putrescente e puzzolente, simile ai liquami delle fognature

L’Amministrazione ha richiesto l’intervento di Gaia per approfondire il problema, ma a quanto pare non ci sarebbero perdite dai condotti fognari. L’assessore Salvateci ha così deciso, nei prossimi giorni, d’intesa con Valfreddana Recuperi, che si procederà ad un’accurata pulizia del canaletto, rimuovendo lo strato di rifiuti e melma che si è formato, così da poter approfondire la ricerca della causa del problema.

Tag: ,

Commenti

1


  1. La prima cosa da fare è coinvolgere la Cartiera e i suoi respondabili. Anche per intervengano economicamente alla pulizia del sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.