Il ricordo del IV Novembre 1918 a Barga

-

Si sono concluse con la mattina di domenica 9 novembre le celebrazioni indette dal Comune di Barga, d’intesa con le associazioni di categoria, Alpini, Marinai e Carabinieri, per ricordare il IV novembre, un giorno importante legato alla nostra storia perché segna la fine della Prima Guerra Mondiale.

II 4 novembre 1918 terminava infatti la Grande Guerra,
evento che ha segnato in modo profondo e indelebile l’inizio del ‘900 e che ha determinato radicali mutamenti politici e sociali.
La data, che celebra la fine vittoriosa della guerra, commemora la firma dell’armistizio siglato a Villa Giusti (Padova) con l’Impero austro-ungarico ed è divenuta la giornata dedicata alle Forze Armate: è la fine di una guerra sanguinosa combattuta dall’Italia per l’unificazione con il regno del Trentino, l’Alto Adige, e la Venezia Giulia, prima sotto il dominio austro-ungarico. Una guerra costata un grosso numero di vite umane all’Italia: 650 mila deceduti e quasi un milione di feriti.
In questa giornata si intende ricordare tutti coloro che, anche giovanissimi, hanno sacrificato la vita per un ideale di Patria e di attaccamento al dovere.
Per questo motivo a Barga, nella mattina di questa domenica, sono state poste corone di alloro alle targhe che in via Giuliani e in via Pascoli ricordano il sacrificio di alcuni eroi barghigiani:Leo Giuliani e dei Fratelli Leo e Corrado Lombardini.
Di seguito un corteo, aperto dalla Banda “Gaetano Luporini” ha raggiunto piazza della Vittoria dove un’altra corona è stata posta, prima della celebrazione della santa messa, presso il monumento ai caduti. La mattinata si è conclusa con l’apposizione di una corona, per volere della locale associazione degli Alpini, al monumento degli Alpini che si trova presso via della Crocetta.

Tag: , , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*