A proposito di incentivi per la messa in sicurezza degli edifici colpiti dal terremoto

-

Un’iniziativa da guardare con favore, quella della quale ha parlato il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, per le zone colpite da eventi sismici. Rossi ha parlato, intervenendo nel corso di una manifestazione pubblica a Casola in Lunigiana, della possibilità di fondi aggiuntivi per finanziare il meccanismo degli ecobonus, le detrazioni fiscali di cui potrebbero beneficiare i proprietari delle case danneggiate dal terremoto, per realizzare gli interventi di ripristino e messa in sicurezza.
“Potrebbe essere un modo efficace di venire incontro alle esigenze dei residenti delle zone colpite dallo sciame sismico che ha interessato Lunigiana e Garfagnana”, è il commento di Oreste Giurlani, presidente di Uncem Toscana (Unione dei comuni ed enti montani). La proposta, che il presidente Rossi ha presentato anche al capo della protezione civile nazionale Franco Gabrielli, potrebbe essere accompagnata da misure per la messa in sicurezza delle aree ad alto rischio della regione, a prescindere dai recenti fenomeni tellurici, che dovrebbero essere inserite nella prossima legge finanziaria regionale. “Fa bene il presidente Rossi a pensare al fenomeno nella sua

complessità, svincolato anche dai fenomeni emergenziali – aggiunge Giurlani -. Sono davvero tante le zone a rischio, anche e soprattutto in località montane, ad avere bisogno di interventi sul patrimonio edilizio per evitare che eventuali eventi sismici possano creare conseguenze gravi sia per gli edifici sia per i cittadini. E ha ragione da vendere il presidente quando afferma che grazie agli ecobonus sarà possibile ristrutturare in breve tempo gli edifici danneggiati – conclude Giurlani – permettendo così alle persone evacuate di tornare nelle proprie abitazioni, rese sicure, e impedire l’abbandono della montagna, un fenomeno già in atto da anni, che eventi come questi possono pericolosamente accelerare”.
Temi che Giurlani ha affrontato e condiviso nei giorni scorsi con il Presidente dell’Unione dei Comuni montani della Lunigiana Cesare Leri con il quale sono in atto programmi di lavoro per il rilancio complessivo dell’area dal punto di vista economico e sociale.

Tag: , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*