Per il Giorno della Memoria Gilberto Salmoni a Barga

-

L’Amministrazione Comunale in occasione della Giornata della Memoria propone tre eventi estremamente importanti per non dimenticare l’eccidio di un popolo, quello ebraico. Le iniziative dedicate alla Memoria della Shoah sono realizzate grazie alla collaborazione di Prospettivaeditrice.Il via domani, 22 gennaio, quando sarà a Barga l’ultimo dei sopravvissuti del campo di sterminio di Buchenwald. Gilberto Salmoni, che oggi vive a Genova, a Barga (ore 11 presso il Cinema Roma) racconterà a studenti e cittadini la sua incredibile storia. Gilberto Salmoni è stato arrestato dalla Guardia della Repubblica di Salò, il 17 aprile 1944, al Passo della Forcola (SO), da cui stava per raggiungere la Svizzera, in fuga con padre, madre,
sorella e fratello, in quanto ebrei.
Carcerato in Valtellina, nella Caserma di Cancano, nel Carcere di Bormio, nella Gendarmeria SS di Tirano, a Como, nel Carcere di San Donnino e a Milano, nel Carcere di San Vittore subì la deportazione prima nel Lager nazista d’Italia a Fossoli e poi in Germania, a Buchenwald, matricola n. 44.573. Da Buchenwald, dove fu deportato con il fratello, verrà liberato l’11 aprile 1945, grazie all’intervento dell’esercito americano. Padre, madre e sorella furono uccisi ad Auschwitz
Per ascoltare un’altra voce della Shoah, lunedì 24 Gennaio alle ore 17.00, la Sala Consiliare di Palazzo Pancrazi ospiterà la presentazione del libro “L’Interprete” di Arminio Wachsberger, a cura di Clara e Silvia Wachsberger, sulla vicenda umana di loro padre, prima vittima della razzia degli ebrei, il 16 ottobre 1943 a Roma, e poi sopravvissuto al campo di concentramento di Auschwitz. Una forte testimonianza dell’orrore dei campi di sterminio. L’incontro è aperto a tutti.
Venerdì 28 gennaio invece l’Amministrazione Comunale intitolerà una Via al campione del ciclismo Gino Bartali. Bartali sarà ricordato non solo come campione del ciclismo, ma soprattutto per la sua grande generosità: grazie al suo coraggio si adoperò in più occasione per aiutare famiglie di ebrei perseguitati durante la seconda guerra mondiale. Saranno presenti i figli, Andrea e Bianca Maria, che l’Amministrazione riceverà ufficialmente alle ore 11 nella Sala Consiliare di Palazzo Pancrazi. A seguire una pedalata storica da Piazza del Comune fino a Via Gino Bartali. Alle 12 la cerimonia di intitolazione della Via, presso la via Bruno Cordati vicino allo stadio comunale.

Tag: ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.