Un calendario per aiutare gli animali

- 4

E’ uscito il calendario realizzato da “L’Arca della Valle”, associazione nata nel comune di Barga per promuovere la difesa degli animali su tutto il territorio della Media Valle del Serchio. Il calendario, che riporta una serie di bellissimi scatti di gatti e cani adottati nei canili o trovati per strada, è stato pubblicato con il patrocinio del Comune di Barga e la realizzazione grafica gratuita di ArteImmagine Foto&Grafica di Fornaci di Barga.Naomi, Zeus, Castrol, Billy, Lara, Agata e tanti altri sono i simpatici animali che accompagnano i mesi del prossimo anno. Con il ricavato della vendita del calendario l’associazione rafforzerà il proprio impegno mirato alla difesa degli animali da qualsiasi forma di violenza.Il calendario lo si troverà durante tutte le manifestazioni natalizie del comune, a cominciare dal prossimo appuntamento con “Barga Cioccolato” dal 5 all’8 dicembre. Eè anche acquistabile nelle edicole.Per maggiori informazioni si può visitare il sito: www.arcadellavalle.it o scrivere a: info@arcadellavalle.it – arcadellavalle@virgilio.it

Commenti

4


  1. bravi!!!!!
    I miei più sinceri complimenti a tutti i componenti L’arca della Valle e a tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione di un calendario così bello!Ovviamente, il merito più grande va ai meravigliosi protagonisti dei dodici mesi!Che stars!!!!!!Auguri a tutti Angela Orsucci

  2. Franco Iacopetti


    Calendario 2010 Arca della Valle
    E’ un calendario veramente fantastico. Quelle foto in BIANCO e NERO dei nostri amici a 4 zampe riportano a ricordi di un tempo con tutto il loro fascino, ma che in realta’ sono il presente e il futuro dell’Associazione L’ARCA DELLA VALLE.

  3. Claudio Stefanini


    si, ma…
    Iniziativa molto simpatica, che riscuoterà buone critiche e farà pensare alle persone che acquisteranno il calendario di aver fatto del bene. Presumo però che con l’incasso si possa fare pochino, ma è solo una mia presunzione. Ci sono situazioni che invece meriterebbero più attenzione e invece non ce l’hanno.In qualità di Medico Veterinario, in agosto ho scritto al Sindaco di Barga dopo aver notato che, in occasione della fiera di San Rocco, a Barga venivano venduto animali vivi in cattive condizioni di salute. Ecco il tessto della mia lettera, per la quale a tutt’oggi non ho ricevuto risposta. Ricordo altresì che in Toscana, dal 20 ottobre 2009, è operativa una nuova legge piuttosto ben fatta sul benessere animale.Grazie per l’ospitalità su queste pagine.Dr Claudio Stefanini***Egregio Sindaco, ci conosciamo personalmente e, spero, ci stimiamo vicendevolmente. Ti scrivo per chiederti se il Comune a cui appartengo e dove vivo ha intenzione di fare qualcosa di concreto per l’annoso problema degli animali vivi venduti o rilasciati come premio nelle fiere di paese. Oggi16 agosto, S. Rocco, durante la fiera che si tiene a Barga ho visto un banco dove erano esposti per la vendita diversi animali, tra cui un cucciolo di cane e uno di gatto, visibilmente male in arnese per la detenzione; presumibilmente da tutto il giorno (erano già le 20 quando li ho visti io e stavano smontando) erano esposti al pubblico in gabbie piccole ed anguste, con scarse possibilità di difendersi dal caldo di questa stagione, avendo solo il riparo del furgone in cui erano ospitati. Il gatto presentava segni di malattia respiratoria in atto.So che sei anche personalmente sensibile al problema, e ciò non guasta. Mi chiedo come mai un Comune come Barga, moderno ed internazionale, gemellato con ben tre comuni europei, debba tollerare che nel suo territorio possano esercitare il commercio di animali domestici venditori ambulanti che sono il più delle volte non in regola con le leggi vigenti riguardanti appunto il commercio di animali e quasi sempre irrintracciabili una volta venduto l’animale.Molti Comuni italiani hanno già legiferato in proposito impedendo la vendita degli animali domestici da parte di venditori ambulanti ed anche il loro uso come premio per le fiere. Durante la mia professione mi sono trovato molte volte a curare le povere inconsapevoli vittime di questi individui, cure abbastanza spesso rivelatisi inefficaci in quanto la situazione di stress, sporcizia e malnutrizione a cui sono sottoposti provoca la recrudescenza di malattie spesso mortali in quel cuccioli di pochissimi mesi.Le leggi italiani vigenti sono piuttosto precise ad oggi, tutto sta nel farle applicare. Anche il vicino Comune di Borgo a Mozzano ha legiferato in merito da alcuni anni.Ti riporto la recente ordinanza del comune di Positano:ORDINANZA N. 25 del 23/07/09IL SINDACORavvisata la necessità di emanare disposizioni, al fine di tutelare gli animali oggetto di maltrattamento, di utilizzo improprio e d’incuria, nel rispetto delle normative vigenti in materia, che prevedono non solo sanzioni amministrative a carico dei responsabili, ma anche l’applicazione della sanzione accessoria della confisca dell’animale e del suo successivo affidamento a persona diversa dal proprietario;Vista la Legge 14/08/1991 n. 281 “ Legge quadro in materia di animali di affezione e di prevenzione al randagismo”;Vista la Legge 02/12/1998 n. 434 “ Finanziamento degli interventi in materia di animali di affezione e per la prevenzione del randagismo” (correlata alla L. 281/91);Vista l’Ordinanza del 21/12/2001 del Ministero della Salute “ Misure cautelari per la tutela dei cani e dei gatti domestici” (correlata alla L. 281/91)Viste le norme contro il maltrattamento degli animali previste dal Codice penale e dalla legge 20 luglio 2004, n. 189Visto il T.U.L.P.S art. 70;Visto il T.U.E.L. emanato con D. L. gvo . n. 267/2000 all’art. 54;Vista la Legge 07.08.1990 n. 241;Vista la Legge del 24/11/1981 n. 689 all’art. 11 e seguenti;Visto lo Statuto Comunale;Al fine di tutelare la vita e la salute degli animali, nonché la salute pubblica dalla vendita di eventuali animali malati.ORDINA1. Per il rispetto e la tutela degli animali e della salute pubblica è vietata la vendita di animali in fiere, sagre e mercati ambulanti, nonché su qualsiasi area pubblica in forma itinerante.2. Per il rispetto e la tutela degli animali e della salute pubblica è vietato, in tutto il territorio comunale, offrire animali di qualsiasi specie come premio di vincite di gare e giochi di qualsiasi natura o quale omaggio a scopo pubblicitario.Per le violazioni di cui sopra ai sensi dell’art. 7 bis del D.Lgs n.267/2000 è prevista una sanzione di Euro 200,00.La conciliazione in via breve potrà avvenire, a norma dell’art. 16 della Legge 24/11/1981 n. 689 versando la somma indicata nel Verbale di contestazione entro 60 giorni dalla data dell’avvenuta contestazione o notificazione.La Polizia Municipale attraverso i suoi Ufficiali ed Agenti di Polizia Giudiziaria e gli altri Organi, preposti per legge o regolamento alla vigilanza zoofila, sono incaricati di osservare e fare osservare correttamente la presente ordinanza e di applicare le relative sanzioni.A norma dell’art. 3 c. 4 della Legge 07.08.1990 n. 241, si avverte che, avverso la presente Ordinanza, chiunque vi abbia interesse potrà ricorrere al TAR della Campania Sezione di Salerno, per eccesso di potere, per incompetenza o per violazione di legge, entro 60 gg. dalla pubblicazione e notificazione.A norma dell’art. 8 della L. 241/90, si rende noto che il responsabile del procedimento è l’Ufficio Polizia Municipale, nella persona del Comandante sig. Ciro Guida.Dalla residenza Municipale, 23/07/09per assenza del SindacoIL VICESINDACOGaetano Marronehttp://www.positanonews.it/index.php?page=dettaglio&sez=POSITANO+VIETA+DI+VENDERE+ANIMALI+IN+PIAZZA.+UNA+SCELTA+DI+CIVILTA%C2%B4&id=26626Come vedi le leggi ci sono e basta applicarle. E’ una scelta di civiltà. Certo che questa mia non passerà inosservata, Ti saluto augurandoti buon lavoro e resto in attesa di una Tua risposta.Dr Claudio StefaniniMedico VeterinarioVia Provinciale 54, Fornaci di BargaViale Papa Giovanni XXIII, 21/C, Fornoli.Tel 3483860715058387476


  4. Arca della Valle … non solo calendari !!!!
    Gent. Dott Stefanini,rispondo come segretaria dell’Associazione L’Arca della Valle e vorrei informarLa che la costituzione della nostra associazione L’Arca della Valle non è stata fatta solo x vendere i calendari ma principalmente è stata fatta proprio per fare rispettare e fare applicare le leggi Italiane sul maltrattemento degli animali che sono attualmente in vigore di cui Lei fa riferimento.Per sapere di più su quello che stiamo facendo o che vorremo fare Le invito a leggere l’articolo pubblicato su questo sito a fine settembre relativa ai ns. scopi ed ai punti che abbiamo presentato proprio al Sindaco Bonini oppure di andare sul ns. sito http://www.arcadellavalle.it.Sono d’accordo con Lei quando dice “che ci sono situazioni che invece meriterebbero più attenzione e invece non ce l’hanno” e noi stiamo proprio lavorando su questi punti anche se sinceramente non è per niente facile in nessun comune della zona !A metà dicembre, dietro ns. richiesta, è stata fatta una riunione presso la Comunità Montana insieme a vari istituzioni parlando del maltrattamento degli animali e le relative leggi. Sarà convocata un’altra a breve. Il nuovo regolamento regionale, che è fatto benissimo dovrebbe entrare finalmente in vigore verso marzo e questo regolamento andrà a sostituire i vari regolamenti come quello del Borgo. Per questo motivo non abbiamo richiesto in questo periodo un regolamento comunale per Barga. Appena entrerà in vigore il regolamento nuovo faremo di tutto per farlo rispettare anche sul punto relativo alla vendita di animali ai banchetti ecc. Le leggi ci sono e vanno rispettati ed è questo il nostro principale obiettivo quindi se ci vuole dare una mano saremo immensamente grati.Ci può contattare a arcadellavalle@virgilio.itsalutiSonia ErcoliniArca della Valle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.