Tag: vino pascoliano

- di Redazione

La vendemmia del “Flos Vineae”

CASTELVECCHIO PASCOLI – Settembre è il mese della vendemmia e non sfugge a questa attività ormai da diversi anni a questa parte, anche e la chiusa di Casa Pascoli dove dal  2014 si è tornati a produrre il Flos Vineae, vino pascoliano;  proprio come quello che lui stesso produceva nelle vigne del suo giardino. Oggi con quel nome si produce, in piccole quantità, grazie alla bella vigna di Casa Pascoli sia un vino rosso (merlot e sirah le uve) che un bianco che peraltro è frutto dei vitigni di Albana, tipici dell’area romagnola da cui proviene il Pascoli, che furono donati a Casa Pascoli dal comune di San Mauro di Romagna nel 2012 in occasione del centenario pascoliano. A pensare alla vendemmia, ed in verità a tutto quello che serve per tenere, curare, far crescere il vigneto di casa Pascoli, fino ad arrivare alla produzione finale del vino, ci pensa un gruppo di volontari castelvecchiesi, che si sono presi la…

- di Redazione

Conclusa la vendemmia del vino pascoliano

Dal 2014, proprio come ai tempi in cui c’era Giovanni Pascoli, nella cantina di Casa Pascoli, a Castelvecchio, si è tornati a produrre il vino pascoliano; proprio come quello che lui stesso produceva nelle vigne del suo giardino, da lui stesso chiamato “Flos vineae”. Lo fanno un gruppo di volontari che si sono presi la briga di valorizzare l’antica vigna di Casa Pascoli, curata un tempo dal poeta. Tra i filari oggi si trova l’uva bianca romagnola Albana, ed anche, per fare il quello che il Pascoli chiamava il Flos Vineae, merlot, ciliegiolo e sirah. Parte di questa uva, l’Albana, è arrivata nel 2013, in occasione del centenario pascoliano, direttamente da San Mauro Pascoli, dalle terre del Pascoli, a rendere così ancora più genuina questa operazione che in questi anni ha dato buoni frutti. Nel senso che l’uva, curata con passione, è cresciuta bene ed il raccolto alla fine è stato più che soddisfacente, con un vino bianco ed il rosso…

- di Lu.Gal.

Riaperta la cantina di Casa Pascoli, nuovo tassello dell’operazione di valorizzazione della casa museo

Per la prima volta, forse dai tempi del Pascoli e sicuramente della sorella, Mariù, nella cantina di Casa Pascoli, a Castelvecchio, si tornerà a produrre il vino pascoliano; proprio come quello che lui stesso produceva nelle vigne del suo giardino, da lui stesso chiamato “Flos vineae”. Stamattina infatti, l’inaugurazione del restauro dei locali della cantina, inserita nel progetto di consolidamenti di Casa Pascoli finanziato da ARCUS .Un lavoro necessario, anche per dare maggiore stabilità all’intero edificio di Casa Pascoli, e che ha permesso di recuperare la cantina come era ai tempi del Pascoli; dove adesso fanno bella mostra anche le attrezzature che allora venivano utilizzate per la produzione del vino.Stamani, con l’inaugurazione della cantina restaurata e riaperta dopo decenni, alla presenza del senatore Andrea Marcucci, del sindaco di Barga, Marcio Bonini e del presidente della Fondazione Pascoli Alessandro Adami, anche la vendemmia del vigneto di Casa Pascoli; recuperato e valorizzato in questi ultimi anni grazie all’iniziativa della Fondazione Pascoli, della…

- di Redazione

Premio Slow Food al vino prodotto da Gabriele Da Prato

Solo qualche anno fa sarebbe stato impensabile riportare una notizia del genere ed invece oggi accade anche questo, grazie alla perseveranza di alcune persone che da sempre credono nell’importanza di valorizzare i prodotti locali. E’ successo che un vino locale ha ricevuto la prestigiosa “Chiocciola” della Guida Slow Wine 2014, che Slow Food riconosce ogni anno alle aziende vitivinicole che si sono distinte per il modo in cui declinano i valori ambientali nei loro prodotti e per l’ottimo rapporto qualità prezzo dei loro vini.Si tratta del vino prodotto dal Podere di Concori, in una scommessa avviata quindici anni orsono da Gabriele Da Prato, un tempo a capo dell’osteria pascoliana di Ponte di Campia ed erede della famiglia Lemetti che fu amica di Pascoli.Insomma, è successo chequasi quindici anni di lavoro ostinato e perseveranza, forte passione, professionalità e l’uso della biodinamica abbiano compiuto un miracolo.Quando Gabriele Da Prato ha deciso di cominciare a produrre vino nel 1999 nel Podere Concori a…