Scuola media di Gallicano, addio al tempo prolungato. La denuncia di Uniti per Gallicano

-

GALLICANO – Il gruppo consiliare di minoranza Uniti per Gallicano segnalala scomparsa del tempo prolungato alla scuola media di Gallicano.

“Fra l’indifferenza generale – scrive – è scomparso il tempo prolungato alla Scuola Media. Per il prossimo anno scolastico 2021/2022 i genitori non hanno avuto la possibilità di scegliere perché le classi prime saranno tutte a tempo normale.

Le prime criticità di non continuità dei due rientri pomeridiani si erano già manifestate da un paio d’anni e ciò purtroppo fa presagire la definitiva scomparsa di questa offerta formativa che era iniziata a Gallicano più di 30 anni fa, prima scuola nella Valle del Serchio a proporla.

Non vogliamo entrare nel merito di quello che la Scuola avrebbe potuto mettere in atto per preservare tale offerta, non spettano a noi ingerenze nell’organizzazione scolastica.

Quello che più ci sconcerta, però, è l’immobilità e il silenzio della maggioranza amministrativa di fronte alla situazione che si è creata e la mancanza di consapevolezza di quanto questa perdita potrà incidere nella crescita formazione culturale del nostro paese. Stare a scuola più ore per un/una ragazzo/a non vuol dire solo avere accesso a maggiori conoscenze o colmare lacune nelle varie discipline, soprattutto per gli alunni che vivono in ambienti di povertà culturale, ma anche far parte di una piccola comunità, la prima che si incontra nella vita, dove si impara a vivere insieme agli altri, il luogo in cui si creano dinamiche che portano a confronti e scambi, così da raggiungere a poco a poco quello spirito critico necessario a diventare futuri cittadini consapevoli. “

Il gruppo continua: “Incontriamo spesso genitori che si lamentano che i loro ragazzi/e passano i pomeriggi d’inverno e giornate intere d’estate con smartphone o tablet solo per giocare o chiacchierare con gli amici; d’altra parte, non c’è nessuna offerta di attività per il tempo libero nel nostro territorio, se non a pagamento e quindi stare più ore a scuola è senz’altro più proficuo.

E allora va attuata una politica scolastica di cui non abbiamo avuto sentore finora, mediante la quale la collaborazione fra Scuola e Amministrazione abbia un senso più ampio e duraturo e non si limiti a piccoli progetti fine a se stessi.

Insieme si possono promuovere incontri ed iniziative in cui il concetto di tempo pieno e prolungato venga illustrato e quale è il significato di stare più ore a scuola e non di meno. L’impoverimento culturale che si prospetta non si vedrà subito, come una strada sporca o un muretto che casca, ma lascerà segni e vuoti nella formazione generale.

I genitori, che vogliono per i propri figli il Tempo Pieno alle Elementari e il Tempo Prolungato alle Medie, sappiano che è un loro diritto e non si stanchino di chiedere quello che spetta loro anche se sembra non esserci ascolto. La Scuola è sempre stata un fiore all’occhiello del nostro Comune tanto da attrarre alunni dai territori limitrofi e dovrebbe continuare ad essere concepita come il fulcro della vita culturale del nostro paese.

Uno sforzo maggiore da parte dell’amministrazione servirebbe non solo a mantenere ma anche a migliorare il livello di qualità raggiunto dal nostro Istituto scolastico”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.