Contratto lavoro industria metalmeccanica. Siglata l’ipotesi di accordo. FIOM: “Ora la parola passa ai lavoratori”

-

LUCCA – Come scrive Mauro Rossi, Segretario Generale Fiom Cgil Lucca, dopo un anno di trattativa è stata firmata l’ipotesi di accordo per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro dell’industria metalmeccanica. Una trattativa lunga e difficile per l’importanza del contratto  ma anche per la difficile situazione sanitaria ed economica che caratterizza il nostro paese.

“Nella nostra provincia sono oltre 8.000 i lavoratori interessati e decine e decine le Aziende coinvolte – dice Rossi –  I temi che maggiormente caratterizzano questo rinnovo sono sicuramente gli aumenti salariali e la riforma dell’inquadramento.

L’aumento salariale ottenuto per i metalmeccanici sui minimi tabellari, nella vigenza del contratto, sarà di 112 € al 5° livello ( 100 € al 4° ). Una cifra che è circa il doppio  dell’inflazione prevista nello stesso periodo.

E’ stato completamente rivisto l’inquadramento professionale ( che risaliva al 1973 ) per adeguarlo alle profonde novità nel frattempo emerse, con la totale equiparazione tra operai ed impiegati e l’eliminazione del 1° livello ( il più basso ).

Altre importanti novità riguardano la formazione, la salute e la sicurezza e speciali norme di protezione per le lavoratrici vittime di violenza di genere.

Nelle prossime settimane saremo impegnati ad illustrare questa ipotesi di accordo, nelle apposite assemblee che convocheremo, per dar modo alle lavoratrici ed ai lavoratori di potersi esprimere con il voto”.

Tag:

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.