Nel giorno del ricordo

-

Tante iniziative a cura dell’Amministrazione Comunale di Barga per celebrare il “Giorno del ricordo”, la data dove in Italia si celebrano le vittime delle Foibe e gli esuli italiani scacciati da Tito dall’Istria e dalla Dalmazia.Il momento clou ieri mattina con l’inaugurazione del nuovo parcheggio intitolato a Don Francesco Pockaj, in via del Sacro Cuore. Una intitolazione simbolica come ha spiegato il primo cittadino di Barga, Marco Bonini, perché il 10 febbraio è il Giorno del Ricordo e Don Francesco arrivò a Barga proprio da Fiume. Fu uno dei tanti sacerdoti dell’Istria e della Dalmazia che, per evitare l’incarcerazione e forse anche la morte, abbandonarono quei luoghi di tragedia trovando rifugio ed accoglienza nella Diocesi di Pisa: “Era per la nostra Amministrazione doveroso dedicargli in questo giorno una nuova opera che si trova proprio nelle immediate vicinanze della chiesa e dell’Oratorio del Sacro Cuore ai quali Don Francesco ha dedicato la
vita – ha detto Bonini durante la cerimonia – Tanto ha fatto per Barga e per tanti giovani che in lui hanno trovato un esempio da seguire”.
Assieme a Bonini a ricordare don Francesco è stato il presidente della Comunità Montana Nicola Boggi e la consigliere comunale Giovanna Stefani ed infine l’amico del sacerdote Paolo Pieri, peraltro cresciuto all’ombra di quell’oratorio voluto da don Francesco dove si formarono e crebbero tante generazioni di barghigiani
Il nuovo parcheggio, una ventina di posti distribuiti parte a lisca di pesce e parte in linea, si trova in Via del Sacro Cuore. Alla cerimonia inaugurale sono intervenuti in gran numero i bambini della vicina scuola elementare. E’ stato il proposto di Barga, don Stefano Serafini a benedire la nuova area, mentre mons. Ruggero Bencivenni ha tagliato il simbolico nastro inaugurale.
L’Amministrazione ha anche voluto far precedere l’inaugurazione da due momenti sempre legati al Giorno del Ricordo: alle ore 10 verrà deposta a Ponte all’Ania una corona di alloro a Ridano Marsigli di Ponte all’Ania, martire delle Foibe; di seguito, nel Cimitero di Loppia è prevista la sistemazione di un mazzo di fiori sulla tomba di Don Giuseppe Stagni, anche lui sacerdote arrivato a Barga come Don Pockaj.
Dopo la cerimonia di via del Sacro Cuore, l’Amministrazione ha posto un mazzo di fiori presso la tomba del sacerdote, presso il cimitero di Sigliari.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.