USL: L’ARTICOLAZIONE ZONALE APPROVA GLI INVESTIMENTI SOCIALI

-

La riunione prevista per il 29 febbraio

Tra i punti all’ordine del giorno dell’articolazione zonale della Conferenza dei Sindaci della Valle del Serchio, in programma venerdì 29 febbraio a Castelnuovo Garfagnana, c’è anche l’approvazione del Piano Investimenti Sociali del 2007.

Nel corso della seduta, che sarà presieduta da Umberto Sereni, presidente dell’articolazione zonale, sarà infatti definito il quadro complessivo degli interventi per i quali verrà richiesto un contributo (fino al 50% dell’importo del progetto) alla Regione Toscana.

Il Piano 2007 sarà caratterizzato da un forte impulso verso il potenziamento e la riqualificazione di servizi sociali e socio-sanitari presenti sul territorio.

Dopo le recenti inaugurazioni di strutture e attività all’interno degli stabilimenti ospedalieri, emergono quindi con forza l’interesse e l’impegno delle amministrazioni comunali e dell’Azienda USL 2 a implementare i servizi territoriali.

Tra i progetti presentati finora dai Comuni e dall’Azienda sanitaria ci sono la realizzazione e il completamento di varie strutture: aree e centri polifunzionali per scopi socio-ricreativi, case di accoglienza e solidarietà per persone disabili o comunque fragili, percorsi benessere per anziani e diversamente abili, residenze e centri diurni di socializzazione per anziani autosufficienti e non. E’ inoltre prevista la riqualificazione delle RSA aziendali.

Dopo l’approvazione del piano da parte dell’articolazione zonale, potranno essere meglio dettagliati i singoli progetti, che verranno presentati in Regione per ottenere i finanziamenti.

Grazie al Piano Integrato Sociale Regionale 2007-2010 sarà poi possibile dare continuità agli interventi per il periodo di validità del piano e quindi programmare investimenti rilevanti da sviluppare anche su progetti pluriennali.

Nella foto il direttore generale dell’ASL 2, Oreste Tavanti, assieme all’assessore regionale Enrico Rossi ed all’on. Raffaella Mariani

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*