SULLE LISTE DI ATTESA INTERVIENE L’AZIENDA USL 2

-

Secondo l’azienda ci sono già stati risultati interessanti grazie agli interventi attuati

Sulla questione delle liste d’attesa e del personale in Valle del Serchio, che è stata affrontata anche con i sindaci del territorio, si registrano dei problemi ma l’Azienda USL 2 ha già effettuato degli interventi che stanno producendo i primi importanti risultati.

In particolare per la prima ecografia i tempi d’attesa sono ad oggi entro i 30 giorni.

Per quanto riguarda l’ambulatorio della tiroide, una problematica questa molto sentita in Valle del Serchio, da tempo l’Azienda ha in atto un rapporto di collaborazione con l’Università di Pisa, che mette a disposizione due specialisti. Alla prima visita si accede attualmente entro i 30 giorni. Ci sono stati alcuni ritardi nelle visite di controllo, ma questo non succederà più perché d’ora in poi questi accessi saranno gestiti direttamente dagli specialisti che prenoteranno direttamene la prestazione successiva per il cittadino.

Per quanto riguarda la Radiologia si è intervenuti in queste settimane con l’assunzione di un radiologo. Per implementare ulteriormente il servizio è già previsto l’ingresso di un altro medico specialista attualmente in servizio in altra Azienda che potrà iniziare l’attività entro maggio. In questo stesso periodo arriverà per mobilità regionale un tecnico proveniente da un’altra Azienda toscana.

Per poter ottemperare alle necessità di questi tre mesi l’Azienda sta verificando la possibilità di un apporto esterno che garantisca almeno una seduta aggiuntiva di Tac.

Per la Nefrologia di Castelnuovo è stato fornito un potenziamento con uno specialista nefrologo, mentre per Barga si sta verificando la disponibilità di un altro nefrologo prima del pensionamento di un medico attualmente in servizio nella struttura.

Infine per le problematiche degli interventi ortopedici, le difficoltà derivano dalle dimissioni volontarie di un anestesista che si è spostato in un’altra regione. L’Azienda sta verificando in tutti i modi la possibilità di individuare un professionista disponibile, che ancora non è stato possibile reperire.

Nella foto una veduta dell’ospedale di Barga.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*