Tag: trote

- di Redazione

Una Turrite Cava sempre più vocata alla trota fario

FABBRICHE ID VALLICO – “Dopo la recente notizia dell’apertura di una “Zona a regolamento specifico no kill” (nella zona denominata Mulini e una tratta che attraversa l’abitato di Fabbriche di Vallico) anche i proprietari delle centrali idroelettriche, in accordo col comune di Fabbriche di Vergemoli si sono mossi per ripopolare l’alveo del torrente nella parte non coperta da riserva, con diverse decine di kg di Trote Fario e Avannotti”. Lo dichiara il vicesindaco Mariani. “Siamo in costante contatto coi proprietari delle centrali idroelettriche che hanno sempre avuto un rapporto cordiale con l’amministrazione comunale e di rispetto del torrente – specifica Mariani – Quando abbiamo spiegato loro il progetto hanno subito voluto contribuire. Sono molte le persone che mi hanno contattato chiedendo chiarimenti sulla ZRS – continua poi l’assessorei – Sul sito internet www.pescareingarfagnana.it si possono trovare tutte le informazioni necessarie. Comunque sia siamo soddisfatti per una Turrite Cava sempre più fishing friendly; dove sempre più la Trota Fario è protagonista…

- di Redazione

Cinquecento chili di trote nel lago di Gramolazzo

Come annunciato lo scorso autunno, in seguito alle problematiche di idraulicità sull’asta del Serchio che avevano causato scarsità di acqua anche nel bacino di Gramolazzo, nel territorio comunale di Minucciano, Enel Green Power ha effettuato questa mattina un importante intervento di semina straordinaria per l’integrazione della fauna ittica a Gramolazzo. Dopo che a febbraio era stata fatta una prima semina con l’inserimento di 200 kg di trote iridea, oggi altri 500 kg di trote della stessa famiglia hanno ripopolato il lago di Gramolazzo che tra l’altro è stato oggetto negli ultimi anni di importanti lavori per il rifacimento delle sponde che hanno reso l’area molto bella e fruibile dal punto di vista ambientale e turistico. A settembre seguirà un ultimo intervento con ulteriori 250 kg di trote iridea e 250 kg di trote fario che andranno a completare le operazioni di integrazione della fauna ittica previste. I pesci provengono da un allevamento di qualità di Castelnuovo Garfagnana.   Questa mattina,…

- di Redazione

Al Rio Villese parte l’operazione per ripopolare i nostri fiumi con le trote autoctone della Valle del Serchio

E’ ormai da 6 anni che nei territori dell’Unione Media Valle Serchio si svolgono studi ed azioni concrete per la tutela e per la valorizzazione delle trote native, quelle cioè autoctone del Fiume Serchio e dei suoi affluenti in collaborazione con il Mediterranean Trout Research Group, gruppo che unisce ricercatori in campo ittiologico ed ambientale. Di fatto questa nuova campagna di attività è il frutto dei risultati ottenuti dal lavoro conoscitivo realizzato dal 2006 al 2008 all’interno del “Progetto per la produzione di Trota Fario Mediterranea (Salmo trutta macrostigma) per il ripopolamento delle acqua pubbliche vocate a salmonidi della Comunità Montana Media Valle del Serchio”, nel quale è stato sviluppato un importante studio di monitoraggio genetico delle naturali popolazioni di trota presenti in queste acque. “L’investigazione del DNA dei pesci campionati nelle varie aste torrentizie della Valle del Serchio – spiega l’esperto Paolo Gibertoni – ha permesso di determinare lo stato di salute delle popolazioni presenti. Il grado di ibridazione…

- di Nicola Bellanova

Trote fario nei corsi d’acqua della media valle

Un progetto di ripopolamento dei corsi d’acqua della zona, che in tre anni ha portato ad un cospicuo aumento degli esemplari di trota “fario”, pregiato salmonide che costituisce un patrimonio ittico che rischiava di andare perduto. Di questo e molto altro si parlerà stasera a partire dalle 20.30 presso la sala del consiglio della Comunità montana Mediavalle nel corso di un convegno aperto alle amministrazioni locali, aziende ittiche e appassionati di pesca locali.L’incontro, intitolato “La trota mediterranea e la gestione delle acque vocate a salmonidi nella Comunità montana della Mediavalle”, fornirà un primo importante bilancio di un progetto avviato tre anni fa dall’ente montano che, assieme agli allevamenti Giovannetti di Val Fegana, hanno portato al ripopolamento della rinomata specie ittica nei torrenti del circondario. Dopo il saluto del presidente Marco Bonini e l’introduzione dell’assessore Pietro Onesti, il corpo della serata sarà incentrato sulla relazione del dottor Pierpaolo Gibertoni, biologo dell’associazione “Mediterranean Trout research group” che ha curato la parte squisitamente…