Tag: sanità

- di Redazione

Mercoledì il consiglio comunale

Si torna in consiglio comunale mercoledì 14 ottobre (ore 17,30). All’ordine del giorno 11 punti tra i quali, sicuramente polarizzeranno l’attenzione due interpellanze legate alle problematiche di attualità in questo periodo: la mozione presentata dal consigliere di opposizione Luca Mastronaldi sulla questione Kme e la richiesta avanzata dallo stesso al sindaco affinché fornisca al consiglio una relazione sull’incontro avvenuto con l’assessore regionale alla Sanità Stefania Saccardi ed i sindaci della Valle. Tra gli altri punti l’approvazione della convenzione di segreteria tra i comuni di Barga e Coreglia, l’affidamento della tesoreria comunale per il quinquennio 2016-2020, l’individuazione nel comune delle frazioni metanizzate o parzialmente metanizzate ed alcune variazioni di bilancio.

- di Redazione

Sanità, osservatorio deluso dai risultati della seduta congiunta dei comuni della Media valle

L’ Osservatorio della Sanità Valle del Serchio chiede ai nostri rappresentati nel Parlamento Nazionale ed in quello Regionale, ai Sindaci, ai Consiglieri Comunali della Valle di anteporre – finalmente – gli interessi dei cittadini alle logiche di partito, di anteporre la tutela della salute dei residenti ai bizantinismi della politica; di erigere un solido muro contro le decisioni del Presidente Rossi e dei vertici dell’ASL n. 2 di Lucca; di pretendere e di far attuare da subito progetti concreti di sviluppo e potenziamento dei due presidi ospedalieri di Barga e Castelnuovo, plessi che formano l’Ospedale Unico della Valle.Così si esprime l’Osservatorio di Barga dopo la riunione congiunta dei consigli comunali dell Media Valle del Serchio, avvenuta preso l’Unione dei Comuni nei giorni scorsi.Riunione al termine del quale è stato approvato un ordine del giorno che richiede la salvaguardia di due plessi ospedalieri e dei loro servizi. “Abbiamo partecipato alla riunione del 5 ottobre u.s. dei Consigli Comunali di Barga, Bagni…

- di Redazione

Oculistica Valle del Serchio. L’azienda: “In corso valutazioni, ma nessuna indicazione per diminuzione attività”

Si precisa che da parte della Direzione dell’Azienda USL 2 non c’è al momento alcuna indicazione per una diminuzione delle attività di Oculistica in Valle del Serchio.Sono in corso alcune valutazioni, ma l’orientamento dell’Azienda è sicuramente quello di mantenere l’attuale livello delle prestazioni. Così l’azienda USL di Lucac risponde all’allarme lanciato nei giorni scorsi sulla stampa dal consigiere comunale Umverto sereni, circa la volontà dell’azioenda di chiudere il servizio di oculistica nei due ospedali di Barga e Castelnuovo.

- di Redazione

Sereni, ora a rischio il servizio oculistica. Va avanti il piano di smobilitazione

Sulla vicenda sanitaria in valle del Serchio torna ad intervenire l’ex sindaco, capogruppo di opposizione a Barga, Umberto Sereni che lancia l’allarme per la situazione degli ambulatori di oculistica in valle del Serchio: “Ci risiamo. Dopo ginecologia arriva la mazzata oculistica e questa volta per non scontentare nessuno colpisce Castelnuovo e Barga. Che vedranno partire il servizio di oculistica. Lo sciagurato piano di smobilitazione degli ospedali va avanti – afferma Sereni – Perché non trova seri ostacoli in Valle. Il sistema politico amministrativo è come un colabrodo e non regge. In queste condizioni la fine degli ospedali è sicura e vicina. Da mesi, di fronte a questa sciagurata prospettiva, sollecito uno scatto di orgoglio della Valle: assemblea di tutte le istituzioni e rappresentanze politiche per stabilire un programma di azione che assicuri la difesa e il potenziamento dei servizi ospedalieri. Non è tempo di rimandare e ognuno si assuma le sue responsabilità

- di Redazione

In conferenza dei sindaci si è discusso della riorganizzazione dei servizi socio-sanitari

La riorganizzazione dei servizi socio-sanitari sul territorio dell’Azienda USL 2 di Lucca è stata l’argomento centrale della seduta della Conferenza dei sindaci che si è svolta oggi (mercoledì 23 settembre 2015) nella sede direzionale dell’Azienda a Monte San Quirico, alla presenza del commissario Maria Teresa De Lauretis, del responsabile della programmazione di Area Vasta Edoardo Majno e del vice commissario Joseph Polimeni. La riunione è stata aperta dal presidente della Conferenza, il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini, che ha evidenziato l’importanza del momento: cambiano gli interlocutori a livello locale e regionale ed è fondamentale che Lucca continui ad essere protagonista nell’area vasta tirrenica e a livello regionale. “Come Conferenza dei sindaci – ha detto Tambellini – dobbiamo lavorare sempre di più per migliorare la sanità territoriale e per incentivare l’integrazione tra questa e l’ospedale”. Tambellini ha anche rilanciato la candidatura di Lucca come sede della Direzione della nuova grande Azienda che sta nascendo, anche per la sua posizione baricentrica. Lucca,…

- 3 di Redazione

Una soluzione diversa per risolvere l’annosa questione degli ospedali della Valle: “Potenziare Barga”

Dopo il recente nuovo articolo di Sereni sento la necessità di esternare il mio personale punto di vista nella speranza che venga raccolto da chi ha la responsabilità di gestire questa importante fase. Sono d’accordo nello stabilire una tregua che dia garanzie ai due plessi per qualità dei servizi e qualità dei professionisti sia medico che infermieristico per i prossimi dieci anni in modo che la popolazione si senta più tranquilla; sono infatti già troppi i problemi che affliggono gli abitanti di questa zona del paese a prevalenza di anziani che almeno l’assistenza sanitaria sia un non problema. Poi però , dato che Dieci anni sono i tempi che ci vogliono per realizzare una nuova struttura, una politica LUNGIMIRANTE, io credo che dovrebbe convergere su una soluzione che io ritengo la più logica e la più economica. E cioè quella di abbinare accanto all’attuale edificio di Barga un nuovo monoblocco, fatto con criteri di efficienza, moderno, antisismico, in linea con…

- di Redazione

Barga si prepara alla manifestazione di protesta per ospedali e sanità. Ecco i perché della manifestazione

Barga rilancia la protesta in difesa degli ospedali e della sanità della Valle del Serchio. Lo fa con la manifestazione organizzata per sabato mattina 19 settembre dall’Osservatorio della Sanità Valle Del Serchio – Barga, con la collaborazione di associazione e comitati del luogo.. La manifestazione avrà luogo sabato con ritrovo alle 10 presso il giardino della Chiesa del Sacro Cuore in Via Roma a Barga e procederà con un corteo fino all’Ospedale S. Francesco. Ma quale è l’obiettivo di questa iniziativa? Lo abbiamo chiesto direttamente ai componenti dell’Osservatorio che spiegano: “Chiediamo che la Sanità in Media Valle e Garfagnana torni ad avere una sua dignità. Chiediamo lo stop immediato e definitivo ai tagli programmati dalla Regione e freddamente eseguiti dai direttori generali delle ASL. Chiediamo che, i nostri due ospedali, data l’assenza di una reale volontà di costruire un’alternativa seria e credibile ai presidi esistenti, tornino ad essere dei punti di riferimento per la Valle del Serchio. Chiediamo che sia…

- di Redazione

Comitato sanità. “Va abolita la Legge regionale 38, ma i sindaci sanno solo pigolare”

“Com’è noto, la legge regionale 28/2015 ha unificato in un solo, pachidermico agglomerato le precedenti Asl di Livorno, Pisa, Lucca, Viareggio e Massa, creando un mostro amministrativo nel quale le comunità locali hanno perso ogni potere decisionale; i sessantamila abitanti della Valle valgono oggi il minuscolo 3% di un’area immensa che supererà il milione di residenti, governata da un vero e proprio podestà: il ‘Direttore della Programmazione’ infatti, nominato direttamente da Enrico Rossi, avrà in mano un potere enorme sul nostro diritto alla Salute, senza efficaci bilanciamenti democratici” Così la pensa il Comitato per la sanità nella Valle del Serchio affinché la popolazione della Valle firmi il quesito referendario per abolire la Legge Regionale 28. “Annientata la sanità in Lunigiana e nell’Appennino Pistoiese, in favore dei nuovi megaospedali di Massa e Pistoia, la Regione Toscana vuole mettere in ginocchio anche Garfagnana e Mediavalle – afferma il Comitato – . Dopo l’annunciata chiusura della nostra area chirurgica per come la conosciamo…

- di Redazione

Sereni scrive all’Assessore Saccardi: “Si sgombrino le ombre sul futuro del punto nascita di Barga”

Ha scritto all’assessore regionale alla sanità Stefania Saccardi, il capogruppo di opposizione a Barga, l‘ex sindaco Umberto Sereni, che sollecita l’assessore a dare l’attenzione che merita alla situazione della sanità nella Valle del Serchio ed a fugare ogni dubbio sul futuro del punto nascita di Barga. Ecco la lettera inviata anche per conoscenza all’assessore regionale Marco Remaschi, ed ai consiglieri regionali Stefano Baccelli e Ilaria Giovannetti: “Sono sicuro che già nei pochi mesi dal suo insediamento questa situazione le sarà stata resa nota dal suo collega di Giunta, Marco Remaschi, e dai consiglieri Baccelli e Giovannetti. Non mi sfugge che nell’ambito della Regione Toscana e delle sue problematiche in termini di politica sanitaria la realtà della Valle del Serchio, uno spicchio di territorio all’estremo nord della provincia di Lucca, rappresenti oggettivamente una entità marginale, ma, sono altrettanto certo che il governo regionale sappia comunque valutare la rilevanza della questione sanitaria e la sappia comprendere nella sua effettiva essenza di questione…

- di Redazione

Reparto Maternità, le reazioni politiche. Forte la preccupazione

Tante le reazioni politiche alla notizia della sostituzione per dimissioni del dott. Vincenzo Viglione alla guida della struttura semplice di ostetricia e ginecologia dell’Ospedale San Francesco di Barga. Dopo la preoccupazione espressa per un avvicendamento che potrebbe dare il via libera al ridimensionamento del punto nascita di Barga, espressa ieri dal sindaco di Barga, Marco Bonini, interviene anche l’opposizione consiliare di Barga; il gruppo “Con Sereni per un nuovo inizio”, per bocca di Luca Mastronaldi chiede, nell’esprimere solidarietà al dott. Viglione, la convocazione di un consiglio comunale straordinario per affrontare l’argomento e le strade da percorrere ed attacca anche il sindaco Marco Bonini: “Le dichiarazioni del Sindaco Bonini ci lasciano basiti e se come dichiarato non è stato messo a conoscenza delle dimissioni e del suo allontanamento e ancora meno della nomina di un nuovo responsabile di reparto e addirittura nemmeno dell’incontro con il personale da parte dei responsabili ASL. Se le cose stanno così e non vi è motivo…

- 7 di Luca Galeotti

Solidarietà a Viglione. Barga insorge in difesa del reparto maternità

L’ennesimo colpo mortale inferto all’ospedale di Barga. A minare la sua sopravvivenza ormai da troppo tempo in bilico. Così tanta gente a Barga vede la vicenda che sta riguardando il dott. Vincenzo Viglione che si è dimesso dalla guida del reparto di ostetricia e ginecologia di Barga, prontamente sostituito dalla dirigenza ASL. Viglione rappresentava per la storia dell’ospedale di Barga un simbolo. Così come suo padre aveva fatto del reparto maternità un punto di riferimento a livello nazionale, uno dei fiori all’occhiello della sanità toscana, Vincenzo Viglione, in anni davvero difficili, di continui cambiamenti, ridimensionamenti, razionalizzazioni, continui attacchi ai nostri ospedali, era riuscito a tenere alto il livello qualitativo di questo reparto, a far sì che, tra mille sacrifici anche di tutto il personale con cui condivideva il suo lavoro, continuasse ad essere uno dei punti di forza per la salvaguardia anche dell’intero ospedale di Barga che da troppe parti, dalla Garfagnana, ma anche e forse ancora di più dalla…

- di Redazione

Il disegno del sindaco Tagliasacchi? Chiudere l’ospedale di Barga

Così la pensa l’Osservatorio per la sanità della Valle del Serchio che replica alle recenti dichiarazioni del Sindaco di Castelnuovo Andrea Tagliasacchi nel Consiglio Comunale in cui è uscita forte la volontà da parte del primo cittadino e del consiglio di procedere ad un trasferimento di tutte le specialità presenti a Barga verso l’ Ospedale S. Croce di Castelnuovo lasciando a Barga la sola attività ambulatoriale. “Tutti ricorderanno – scrive l’Osservatorio – come negli anni 1994/95 il sig. Tagliasacchi, quale responsabile provinciale della sanità nel suo partito (ora P.D. Partito Democratico ) si adoperò fattivamente per far disarticolare, compromettere, rovinare l’Ospedale S. Francesco di Barga (moderno, efficiente e apprezzato nosocomio a presidio della sanità nella Valle del Serchio ) che perse numerosi reparti che finirono nell’Ospedale di Castelnuovo senza alcuna ragione plausibile. Negli anni successivi questi reparti sono poi incorsi in un progressivo decadimento, nella perdita dei primariati fino a diventare fortemente ridimensionati e privi della risonanza e attrattiva che…