Soldi per la riqualificazione degli ospedali. Soddisfazione degli amministratori. A Barga anche 2,5 milioni per realizzare le cure intermedie

-

VALLE DEL SERCHIO –  Tanta soddisfazione degli amministratori della Valle del Serchio per la notizia degli importanti finanziamenti in arrivo in Valle del Serchio, dopo il via libera arrivato dal Ministero e dalla Conferenza Stato-Regioni per gli ospedali di Castelnuovo e Barga.

Gli investimenti sono in totale sull’ospedale di Castelnuovo di  6 milioni e 900 mila euro mentre sul presidio di Barga la spesa ammonterà a 5 milioni e 900 mila euro.

Per Castelnuovo questi ulteriori finanziamenti, fanno seguito agli interventi in corso di riqualificazione per circa 6 milioni euro. Sui tratta insomma di un secondo lotto di lavori, per un totale di 13 milioni,  che permetteranno di completare tutta la parte riguardante l’edilizia ospedaliera e l’adeguamento strutturale. Tanta la soddisfazione del sindaco di Castelnuovo Andrea Tagliasacchi, mentre a sottolineare il valore di importante riqualificazione  dei due presidi ospedalieri e della sanità ospedaliera di tutta la Valle è stata anche la presidente della conferenza zonale dei sindaci per la sanità, la sindaca di Barga Caterina Campani.

In un primo tempo i finanziamenti avrebbero dovuto riguardare il solo consolidamento antisismico invece a Castelnuovo saranno realizzati con questi fondi, grazie a interventi già realizzati in precedenza, anche un nuovo pronto soccorso, un nuovo Day hospital oncologico  e ampliato l’obitorio, saranno migliorati i locali che ospitano ortopedia, endoscopia e ambulatori, studi e guardia medica; sarà realizzato un nuovo ingresso e una nuova direzione sanitaria, l’adeguamento di impianti e sarà  demolito l’ex seminario per far posto ad un nuovo parcheggio. A Barga invece saranno migliorati ristrutturati e razionalizzati con la creazione anche di nuovi spazi, i padiglione E e B , tra cui anche la parte vecchia  dell’ospedale e dell’ex convento. Gli spazi in questione  accoglieranno ambulatori polispecialistici, il punto di primo soccorso, il medico di continuità assistenziale, il Cup, altri uffici, una foresteria per i medici di guardia e locali di supporto per le attività di pulizia. Saranno realizzati anche nuovi spogliatoi e adeguato il blocco operatorio.  Nell’ambito di questi interventi l’Amministrazione Comunale ha richiesto anche di predisporre gli spazi per una futura collocazione a Barga di una TAC, per la quale sono stati richiesti i finanziamenti.

Per Barga è invece già ufficiale anche l’arrivo, nell’ambito dei fondi del PNRR, di 2 milioni e mezzo che serviranno per l’adeguamento sismico e la trasformazione della palazzina che si trova proprio dietro all’ingresso con la nascita di 20 posti dedicati alle cure intermedie. Insomma anche al “San Francesco” dopo i 10 posti letto già disponibili a Gallicano, si creerà un ospedale di comunità in grado di dare una riposta più tempestiva a tanti cittadini che si trovano ad uscire dagli ospedali e che hanno però bisogno ancora di assistenza qualificata.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.