Ecco la nuova serie D; prego signori…si cambia

-

Il campionato di serie D scatterà il 19 settembre e si concluderà a maggio del 2022. Con la Lucchese ormai virtualmente ripescata in serie C saranno ancora 3 le squadre che difenderanno i colori della provincia di Lucca: Ghiviborgo, Real Forte Querceta e Seravezza.

Il campionato è ancora lontano, inizierà domenica 19 settembre e di giorni ne mancano la bellezza di 53. Insomma, l’avvio del torneo di serie D 2021/2022 non è proprio dietro l’angolo e molte squadre infatti non hanno ancora iniziato la preparazione. Intanto si ridimensionano il livello e il blasone di un campionato che non avrà la Lucchese, virtualmente ripescata in serie C. Saranno dunque ancora tre le nostre rappresentanti intese come realtà provinciali, quelle di un anno fa: Ghiviborgo, Real Forte e Seravezza, anche se profondamente rinnovate. Intanto tutte e tre hanno cambiato allenatore. Il Ghiviborgo si è affidato ad Alessio Bifini, il Real Forte a Vitaliano Bonuccelli e il Seravezza ad Alberto Ruvo che hanno preso il posto di Venturi, Amoroso e Vangioni. Ma non solo movimenti in panchina ma anche sulle rose che in taluni casi cambieranno e stanno cambiando in modo radicale. E’ il caso del Ghiviborgo che manterrà in organico ben pochi elementi dello scorso anno, qualcuno sussurra addirittura nessuno. Finora è stato preso (manca solo la conferma ufficiale) il forte difensore Alessio Grea. Diverse conferma ma anche rinforzi di livello per il real Forte che dopo il nono posto di un anno fa aspira ad un campionato da protagonista o perlomeno a ridosso della zona playoff. Dal Ghiviborgo il forte mediano Bartolini, Cintoi dal Casale e poi l’esterno Della Pina. Da seguire con curiosità il Seravezza che ha cambiato allenatore dopo un lustro che di questi tempi sono davvero un’eternità. Lorenzo Benedetti, Lagomarsini, Galloni, Da Pozzo, Diana e Cavalli sono buoni innesti per una squadra che non vuol soffrire. Obiettivo comune una salvezza tranquilla per tutte e tre.

Tag: , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.