Storie di un calcio rivoluzionario. Ecco il calendario del Filecchio Calcio Femminile

-

FORNACI – Un bel pomeriggio di festa per le ragazze del Filecchio calcio femminile, per quelle della prima squadra e per le ragazze che compongono il settore giovanile. Sabato 21 dicembre è stato infatti presentato al pub Republic, l’originale calendario realizzato per il 2020, che porta il titolo “Storie di un calcio rivoluzionario”. Ogni mese è accompagnato dalla foto di una ragazza della prima squadra ed in ognuna delle foto Studio 110, che ha realizzato gli scatti, ha voluto mettere in evidenza un particolare del carattere di ognuna delle calciatrici, evidenziando così i vari aspetti, i vari punti di vista, quello della ricerca dell’adrenalina nello sport, del divertimento, dell’abnegazione, della passione, della libertà, della resilienza, dell’unione, del sacrificio e di tanto altro ancora. Tutto quello che nei sentimenti e negli intendimenti, esprimono le ragazze del Filecchio Fratres Calcio che hanno chiuso il girone di andata con il titolo di campionesse di inverno e che sono indubbiamente una importante realtà del calcio femminile.

A presentare il calendario insieme alle ragazze ed a Studio 110 c’erano naturalmente i dirigenti del Filecchio Fratres Calcio con in testa Elena Lucchesi e Vincenzo Passini, ma anche con i mister della prima squadra Francesco Passini, e delle giovanili Carolina Angeli e Mileto Bonini, c’era anche il sindaco di Barga Caterina Campani con vari assessori al seguito e le componenti della commissione Pari Opportunità di Barga oltre alla presidente dell’associazione Non ti scordar di te, Maria Stella Adami.

Proprio dalle istituzioni presenti è stato riconosciuto e sottolineato l’importante messaggio di promozione del calcio femminile e dello sport in generale che viene dalla società in rosa con sede a Filecchio. Società che, anche con il presidente Rolando Bellandi, punta a crescere ancora, punta molto in alto per gli anni a venire. Lo spirito giusto c’è sicuramente.

Tag: , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*