Da venerdì 15 novembre l’obbligo di catene a bordo o pneumatici da neve

-

La Provincia di Lucca informa che da venerdì 15 novembre torna in vigore come ogni anno, a livello nazionale, l’ordinanza che prevede l’obbligo di catene a bordo di tutti i veicoli a quattro ruote (auto, mezzi pesanti e tir) o gli pneumatici da neve montati, su tutte le strade provinciali, regionali e statali sopra i 200 metri sul livello del mare. Il provvedimento, peraltro previsto dall’articolo 6 del Codice della strada, rimarrà in vigore fino al 15 aprile 2020.

L’ente di Palazzo Ducale ricorda che durante il periodo autunnale ed invernale, infatti, le viabilità provinciali e regionali di Lucchesia e Alta Versilia sono spesso interessate da neve e/o dalla formazione di ghiaccio, soprattutto nelle zone pedemontane e montane, indicativamente al di sopra dei 200-300 metri di quota.

L’ordinanza è pensata come forma di tutela della pubblica incolumità: un intervento di prevenzione per evitare il blocco del traffico in caso di nevicate

La Provincia di Lucca – con il proprio Servizio di neve e gelo attivato dall’inizio di novembre – garantisce, in caso di necessità, il pronto intervento dei mezzi spalaneve e spargisale sulle arterie di competenza ma chiede al contempo ai cittadini un’attenzione al senso civico e al rispetto delle normative per evitare che auto o camion, quando nevica o le strade si ghiacciano, finiscano per bloccare la circolazione.

Il provvedimento in vigore dal 15 novembre sarà reso visibile anche attraverso la segnaletica lungo le arterie del territorio. In caso di inosservanza delle direttive, le Forze dell’Ordine deputate al controllo della viabilità possono applicare una sanzione pecuniaria variabile: nei centri abitati la sanzione minima è di 41 euro, fino ad arrivare a 168 euro (come previsto dall’art. 7 e 14 del Codice della strada); fuori dai centri abitati, invece, su autostrade o strade extraurbane principali o assimilate, la multa minima è di 84 euro per arrivare fino a 335 euro.

 

Tag: , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*