Lungo black-out elettrico nella montagna barghigiana

-

Un lungo black-out elettrico ha interessato questa mattina la montagna barghigiana. È durato dalle nove a mezzogiorno ed ha riguardato circa una novantina di utenti tra Renaio, Bebbio e zone limitrofe.
Già ieri sera i primi black-out di minore durata che peraltro avevano interessato per una serie di problematiche tecniche, anche il centro abitato di Fornaci.
Il guasto principale ad una linea di medio alta tensione nella montagna barghigiana che anche stamattina ha interessato inizialmente circa 200 utenti. Per la maggioranza il problema si è risolto in pochi minuti, mentre è rimasto appunto per un centinaio di utenti.
C’era infatti qualcosa che  bloccava la linea che non veniva rialimentata in quanto si attivava il dispositivo di sicurezza che sospendeva la corrente in automatico
C’è voluto un po’ di tempo ed anche un po’ di lavoro per individuare alla fine il problema: un volatile (non si sa se abbattuto da qualche cacciatore oppure incappato nella linea accidentalmente) che per una serie di circostanze sfortunate era rimasto impigliato nella linea attivando però il cosiddetto arco (il contatto) che causa la scarica elettrica (e che non succede ad esempio quando i volatili si depositano sulle linee in sospensione senza altri contatti).
Comunque sia sulla linea si era attivato il dispositivo di sicurezza che sospende l’erogazione di corrente.
Trovata la causa e risolto alla fine il problema, la corrente è tornata regolare da dopo mezzogiorno, risolvendo peraltro le legittime preoccupazioni, come quella dell’unico ristorante della zona, il Mostrico di Renaio, che rischiava di dover affrontare un po’ di problemi per servire i clienti già in arrivo nella mattinata.
A proposito di montagna barghigiana, per martedì potrebbero esserci, per alcuni lavori programmati, nuove problemi di interruzione elettrica che comunque nei prossimi giorni verranno debitamente programmati e segnalati all!utenza ed alle zone interessate.

Tag: , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.