Al Vittoriale degli Italiani il bis della firma tra le fondazioni che rappresentanto Pascoli, Puccinie D’Annunzio

-

Festa grande era stata promessa e festa grande è stata sabato scorso a Gardone Riviera dove il Vittoriale degli Italiani, sede della casa museo di Gabriele d’Annunzio ha ospitato la replica della firma degli accordi tra la Fondazione Giovanni Pascoli, la Fondazione Puccini e il Vittoriale: un patto per l’arte che unisce negli intenti ufficialmente per il futuro, i luoghi legati a questi protagonisti del Novecento. Dopo la firma degli accordi

avvenuta a Castelvecchio Pascoli il 10 agosto scorso con la presenza del senatore Andrea Marcucci nella Casa Museo del poeta Giovanni Pascoli, è stato il Vittoriale a Gardone Riviera, ad ospitare l’evento con una cerimonia molto bene organizzata. Un vero e proprio evento-spettacolo. Il Presidente del Vittoriale degli Italiani, Prof. Giordano Bruno Guerri lo aveva intitolato “Gli spiriti luminosi” per descrivere il brillante e ricco futuro in comune “da poter nutrire il germe della più alta speranza”, come recitano le parole di Gabriele d’Annunzio.

Per la nostra terra e per rappresentare Pascoli era ovviamente presente tra gli altri il presidente della Fondazione, Alessandro Adami, che ha firmato insieme ai rappresentanti delle fondazioni pucciniane e dannunziane, ma c’era anche il sindaco Marco Bonini in rappresentanza del comune di Barga.

Per quanto riguarda “casa nostra”, tra i presenti anche, a sovrintendere il coordinamento generale del progetto Franca Severini di ZonaFranca casa editrice, con la collaborazione artistica delle barghigiane Caterina Salvi e Sandra Rigali.

Primo dei progetti che coinvolkgeranno le tre fondazioni, una grande mostra dedicata ai rapporrti intercorsi tra Giovanni pascoli, Giacomo Puccini e Gabriele D’Annunzio che verrà organizzata a Casa Pascoli, Lucca e Gardone Riviera.

Tag: , , , , , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*