Defibrillatori agli impianti sportivi dalla Provincia… e a Barga? Niente

-

Da oggi (mercoledì 27 aprile) fare sport in 15 impianti del territorio provinciale di Lucca tra piscine, palasport, campi di calcio e palestre polifunzionali, sarà ancora più sicuro grazie ai defibrillatori che il Servizio Politiche Giovanili Sociali e Sportive della Provincia ha potuto acquistare con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca. Stamani, infatti, è stato firmato il protocollo con cui l’amministrazione provinciale ha affidato gli apparecchi ai gestori degli impianti sportivi. Alla firma, svoltasi a Palazzo Ducale, c’erano i rappresentanti di Provincia di Lucca, Azienda USL 2 di Lucca e 12 di Viareggio, dei Comuni di Castelnuovo di Garfagnana, Gallicano, Borgo a Mozzano, Lucca, Capannori, Altopascio, Forte dei Marmi, Seravezza, Camaiore, ASD Garfagnana Nuoto, Liceo Scientifico ISI Simoni, ASD San Michele di Corsagna, ASD Circolo Nuoto Lucca, Capannori Servizi Srl, Atletico Lucca, ASD Folgor Marlia, Tau Calcio, Viareggio Patrimonio Srl, F.C. Esperia Viareggio, S.C. Centro Giovani Calciatori Viareggio, ASD Bluwater, Pluriservizi Camaiore. A seguito di un’attenta analisi fatta in collaborazione con le due Aziende Sanitarie e con il 118, tenendo conto dell’affluenza di pubblico e del numero di atleti che utilizzano gli impianti, considerando anche che alcuni già possiedono un defibrillatore, sono state individuate le seguenti collocazioni: la piscina comunale di Castelnuovo Garfagnana, la palestra polifunzionale del Liceo Scientifico ISI Simoni, gli impianti sportivi di Gallicano, il centro sportivo “San Michele” di Corsagna, la piscina provinciale dell’ITI Fermi, la piscina comunale di Capannori, il palazzetto dello sport di Lucca, gli impianti dell’ “Atletico” Lucca, gli impianti sportivi del Folgor Marlia, gli impianti sportivi del Tau Calcio, lo Stadio dei Pini di Viareggio, il palazzetto dello sport di Viareggio, la piscina comunale di Seravezza e la piscina comunale di Camaiore. Un defibrillatore sarà collocato anche a Palazzo Ducale, sede della Provincia. Il protocollo prevede che i gestori degli impianti installino il defibrillatore e mettano a disposizione delle ASL di riferimento personale da formare in modo che impari ad usare correttamente l’apparecchio. L’acquisto dei defibrillatori rientra nel progetto “Sicurezza nello Sport e nel Lavoro” che è stato finanziato con il contributo di 20mila euro della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca. Questo il comunicato nudo e crudo emesso dalla Provincia di Lucca. E a Barga, vien da chiederci? Come mai nessuno dei tanti impianti sportivi barghigiani, palestre che utilizzano diverse associazioni sportive, piscina comunale, campi da calcio dove si formano grandi vivai giovanili, il polo scolastico dell’ISI dove si allenano ogni giorno centinaia di ragazzi, verrà dotato di un defibrillatore. A Barga già si possiede detta attrezzatura oppure no? Chi ci vuole dare una risposta?

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*