Burns Supper alla Trattoria da Riccardo

-

Come ogni anno a Castelvecchio si ricorda con un banchetto il poeta Giovanni Pascoli, anche la numerosa comunità scozzese di Barga rende tributo a un indimenticato poeta, il “Bardo di Scozia” Robert Burns (Alloway, 1759 – Dumfries, 1796),
che ebbe il merito di cantare l’identità di un popolo scrivendo i propri componimenti in scots.
Così, come in tutta la Scozia, da ormai quattro anni presso la Trattoria da Riccardo sul Fosso, nella ricorrenza della nascita del Bardo (25 gennaio), scozzesi, barghigiani e cultori delle tradizioni a vario titolo si riuniscono per celebrare la Burns Supper, una cena con un preciso cerimoniale che da almeno duecento anni si tiene tra chi sente l’orgoglio e l’appartenenza al popolo scozzese.
Il menù della Burns Supper, tra le altre cose, prevede l’immancabile haggis, uno stomaco di pecora riempito delle sue interiora e quanto mai tipico in Scozia, che nel caso della cena barghigiana è arrivato la mattina stessa da Glasgow; la cena però non ha inizio prima che sia stato recitato il Selkirk Grace (“Ringraziamento di Selkirk”) e spesso, il piatto principale è portato in tavola da una giovane (Pussy Nancy) accompagnata da un suonatore di cornamusa che introduce solennemente l’haggis ai convitati.
Alla Trattoria da Riccardo non sono mancate neanche queste due figure, impersonate da Adele Orsucci nella veste di Pussy Nancy e dal mastro cerimoniere Nick MacVicar con la sua cornamusa, che ha accompagnato l’haggis tra i tavoli finchè è stato ritualmente affettato con il coltello tipico degli abiti tradizionali scozzesi.
La cena prosegue poi con la narrazione dei versi di Robert Burns, e, neanche a dirlo, con dolci e brindisi che sul Fosso si sono protratti fino a tardi.

Tag: , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.