Tag: renaio

- di Redazione

Alla scoperta dell’Appennino barghigiano

Il servizio che vi proponiamo per GiornaledibargaTV ci riporta anche stavolta in montagna. Siamo nel comune di Barga. In località Vetricia era prevista il 6 luglio 2019 la partenza della Scarpinata nell’Appennino Barghigiano, una marcia non competitiva con diversi tracciati possibili tutti alla scoperta delle bellezze dell’Appennino che tocca il comune di Barga. Le immagini che i proponiamo in particolare riguardano il percorso più lungo, 13 km, che dalla Vetricia sale fino al bivacco della Caciaia per poi salire la “nuda” ed arrivare fino al pazzo del Terzino; da qui alla Basserella ed infine, prima di fare ritorno al punto di partenza, con una sosta a Capo Corsonna, dove nasce il torrente tanto caro a tutti i barghigiani. Il tutto con un dislivello di 450 metri, E’ un bel tracciato, che permette di ammirare alcuni dei luoghi più suggestivi degli appennini della provincia di Lucca. L’organizzazione della manifestazione è stata a cura di ASBUC e Cai di Barga che hanno…

- di Redazione

In 138 alla Scarpinata nell’Appennino Barghigiano

ASBUC e CAI Barga, con il patrocinio del comune di Barga, hanno organizzato sabato scorso, in una splendida giornata di sole, l’undicesima edizione della Scarpinata nell’Appennino barghigiano, manifestazione aperta a tutti ed inserita nel trofeo Podistico Lucchese nell’ambito de “Il sabato si vince…”. Tra le novità di quest’anno l’inserimento di un nuovo e facile percorso di 3,5 km che dalla Vetricia, luogo di partenza della manifestazione, raggiungeva località Capo Corsonna: una facilissima passeggiata con un modesto dislivello. Il nuovo tracciato si sono aggiunti a quelli tradizionali,  di 4km; di 8km (Vetricia – Bivacco Caciaia – Vetricia, dislivello 350m); di 13km (Vetricia – Bivacco Caciaia – Passo del Terzino – Basserella – Capo Corsonna – Vetricia, dislivello 450m). Alla fine la partecipazione è stata buona con 138 iscritti di cui 119 appartenenti a gruppi che sono stati in totale 18. Per la classifica dei gruppi più numerosi ha vinto il gruppo di San Pancrazio con 20 iscritti, seguito a pari merito…

- di Redazione

La preparazione del formaggio

Per GiornalediBargaTV alcune immagini girate in località Montate con la preparazione del formaggio a cura dei fratelli Marisa e Giulietto Marchi. Abbiamo appreso nell’occasione anche alcuni termini legati agli attrezzi che oggi come decenni e decenni orsono servono ancora per preparare il formaggio e per ottenere dal resto la ricotta. La mestatoia (in abete), lo speciale mestolo per girare il latte e favorire la sua coagulazione, che dà origine alla cagliata; il cassino, il recipiente che poi serve, raccolto il formaggio, per farne uscire tutto il siero; la caldaia, ovvero il grande calderone dove si scalda il latte e poi il siero per arrivare alla produzione successivamente della ricotta… Poi la “creazione” del formaggio, fatta come sempre, come da tanto tempo ed anche in un passato meno recente si fa il formaggio da queste parti: ogni sera, tutto l’anno; dopo la mungitura delle pecore che avviene sia al mattino che alla sera, verso il tramonto. Abbiamo visto uscire tre belle…

- di Redazione

Castagni e problemi. E’ tornato il cinipide, ma la minaccia vera forse è il “marciume delle castagne”

E’ allarme cinipide, di nuovo? E’ presto forse per dirlo ma quel che è certo, e lo hanno notato in tanti anche nella montagna barghigiana, tanto che le segnalazioni che abbiamo ricevuto sono state più di una, è che qualcosa è cambiato nei boschi di castagni. La presenza delle galle di cinipide, quelle specie di bacche rosse che si trovano sui rami dei castagni, è tornata a farsi notare anche sui rami più alti e questo sta causando un po’ di apprensione per uno sgradito, quanto inatteso ai più, ritorno del cinipide galligeno; quella piccola vespa cinese che negli scorsi anni ha praticamente azzerato anche da noi la produzione dei castagni. Che ci sia una ripresa delle attività del cinipide, dopo che l’insetto antagonista lanciato gli scorsi anni, il Torymus sinensis aveva fermato il suo dilagare ed i suoi effetti sui castagni, è una realtà ed in questo confermiamo le impressioni degli abitanti della montagna. Il cinipide è tornato a…

- di Redazione

Maltempo febbraio, conclusi i lavori sulle frane stradali

Il comune di Barga  ha completato o sta completando in questi giorni  gli interventi di somma urgenza legati ai danni del 1° e 2 febbraio scorsi. Negli interventi figuravano anche i lavori, attesi dalla prima frana del l 2014 che riguardano un movimento franoso sulla strada di Renaio in località Le Rocchette. L’aggravamento della situazione dopo il maltempo dei mesi scorsi ha portato il comune ad intervenire con la messa in sicurezza dell’area. I lavori hanno visto anche ‘asfaltatura di alcuni tratti della strada di Renaio, soprattutto quelli danneggiati proprio dalla frana. L’intervento è costato in totale circa 50 mila euro Altri interventi completati sono stati quelli presso  la frana in loc. Ceragioli per una stima di circa 45 mila euro. Anche in questo caso si trattava di un aggravamento di un movimento franoso registratosi nel 2014. Anche sono stati sistemati i danni ed è stata riasfaltata la strada Altri 60 mila euro sono stati investiti per i lavori di…

- 1 di Redazione

Più controlli ed attenzione lungo la vecchia strada di Renaio

Gli abitanti della zona non ci stanno e chiedono più attenzione ed anche più controlli. Le foto in questione ci sono state inviate da uno dei cittadini che abitano lungo la vecchia strada di Renaio e testimoniano quanto è successo in questi giorni. Sabato  pomeriggio dei vandali hanno distrutto una macchina già incidentata e lasciata sulla strada vecchia di Remaio in località Piastra (la macchina è l’ abbandonata da un mese ed ora sono stati distruttui tutti i finestrini con i vetri sparsi anche lungo la strada). “La zona è già nota la notte –  fa sapere il cittadino, –  come ritrovo, e ora anche il pomeriggio sembra essere frequentata in modo non appropriato come luogo di ritrovo di gruppi”. Non è detto che la presenza di persone lungo la strada sia legato a quanto è successo all’auto in questione ovviamente; ma a proposito dell’auto comunque le autorità farebbero bene a rimuoverla in quanto non è bello, né sicuro lasciarla…

- 7 di Redazione

Chiusura strade nel comune di Barga in occasione del rally del Ciocco. Ecco tutte le informazioni

BARGA – La prossima settimana sulle nostre strade andrà in scena il 42° Rally del Ciocco e Valle del Serchio. Le ostilità si apriranno venerdì 22 dal lungomare del Forte dei Marmi con la PS spettacolo che detterà i primi tempi. Sabato 23 marzo invece il tappone che toccherà la Valle del Serchio che deciderà la gara che si profila di alto interesse tecnico e agonistico. Al fine di garantire un’adeguata viabilità per i residenti del Comune di Barga in particolare sulle strade interessate da una delle prove speciali (la PS Renaio) in programma per il giorno 23 marzo per due volte con partenze alle 10,45 ed alle 15,59, il Comune di Barga rende noto che per il corretto svolgimento della manifestazione e per la tutela dell’incolumità pubblica, la circolazione stradale, per quanto riguarda la strada comunale Pegnana – Renaio – bivio Montebono sarà così disciplinata: Giorno 23 marzo 2019 DIVIETO DI TRANSITO E SOSTA dalle ore 09,15 alle ore 12,25 e dalle ore…

- di Redazione

Maltempo 1 febbraio. Partono tanti lavori di ripristino dei danni. Si mette mano anche alla frana di Renaio

Saranno di circa 300 mila euro i lavori che il comune realizzerà con fondi propri nell’ambito degli interventi di somma urgenza legati al ripristino dei danni del maltempo del 1° e 2 febbraio scorsi. Tra gli interventi in programma il ripristino del versante della frana verificatasi in località La Mocchia in quei giorni, con la strada che è stata riaperta, per il momento a senso unico alternato anche per consentire il posizionamento di nuove reti di protezione, da pochi giorni. Negli interventi figurano anche i lavori attesi ormai dal 2014 per la frana di Renaio. Si è infatti aggravata la frana in località Le Rocchette, lungo la strada per Renaio e nelle prossime settimane partiranno i lavori di messa in sicurezza della frana e di ripristino della carreggiata per un totale stimato in 50 mila euro. La notizia dell’imminente avvio dei lavori e dei soldi che verranno investiti subito (con fondi proprie dell’ente) in questi interventi di somma urgenza, viene…

- di Redazione

Sport ed amicizia, la storia del Gruppo Sportivo di Catagnana

Erano gli anni ’70 quando nasceva il gruppo Sportivo di Catagnana. Per anni, con i suoi atleti, è stato in auge conquistando grandi risultati sia nel podismo, nella corsa campestre ed in montagna, che nel tiro della fune ed organizzando anche tante marce ed eventi sportivi. Ora quegli atleti sono tutti un po’ più in su con gli anni ed a parte qualche eccezione scarpette e funi sono stati per così dire appesi al chiodo; ma resta lo spirito sportivo e di amicizia che animava il gruppo tanti anni orsono e con questo spirito da cinque anni a questa parte si ritrovano a dicembre per ricordare quegli anni. E’ successo venerdì sera al ristorante Il Mostrico, dalla Franca Marchi a Renaio. Sono stati tanti i partecipanti al ritrovo conviviale, circa una trentina, tutti lì a ricordare tanti momenti di quei decenni:  la squadra del tiro alla fune capeggiata dal Giovannino di Valdivaiana; le memorabile imprese di corsa del Domenico Santi,…

- di Redazione

La macchinatura delle castagne

E’ in corso in queste settimane, laddove resistono anche i metati e quindi dove ancora si continua a lavorare le castagne per produrre la farina dolce, l’operazione di macchinatura, che permette, dopo l’essicazione per un paio di mesi nei metati, di pulire le castagne dalla buccia e dalle impurità, per poi proseguire con una pulizia più accurata a mano, prima di inviare le castagne secche al mulino dove le castagne saranno macinate a pietra per dar vita infine alla farina dolce.   Come al solito uno dei luoghi dove si fa la macchinatura tura è quello di Valdivaiana, nella montagna barghigiana, dove c’è il metato che cura con tanta passione il Giovanni Giovannetti, al secolo il Giovannino di Valdivaiana. Insieme a tanti abitanti della zona, da Renaio a Carpinecchio, si è macchinato anche quest’anno le castagne raccolte nelle settimane scorse. Una raccolta come peraltro non si faceva da anni con oltre 30 quintali di castagne. Qui vi mostriamo tutte le…

- di Michele Moscardini

La mondinata con il GVS, nel ricordo della Doli

Venerdì 10 novembre si è tenuta, presso la ex scuola di Renaio, la tradizionale mondinata dedicata ai ragazzi del GVS. Questa iniziativa, nata quindici anni fa per volontà della cara Doli Ghermati Marchetti, alla quale piaceva far trascorrere un pomeriggio in montagna ai suoi ragazzi, continua grazie alla figlia Laura. Come ogni anno, in collaborazione con l’Associazione Paesana di Renaio, Laura accoglie i “ragazzi” davanti al focolare che poi fanno merenda con le sue golose torte, le stuzzicanti focacce del Luca della Franca e naturalmente le mondine. Quest’anno l’evento è stato sponsorizzato dai Donatori di sangue Fratres di Barga che hanno anche partecipato con Marcello (il mondinaro), Renata e Luigi. Nel pieno ricordo di Doli, salutiamo tutti i ragazzi del GVS e tutti coloro che si prestano ogni giorno per il bene di questa bella associazione. Ci vediamo il prossimo anno.

- di Redazione

Le Quarantore a Renaio

Si sono celebrate ieri a Renaio le Quarantore con una santa messa e con il ritorno, dopo tanti anni, della processione in cui il Santissimo Sacramento è stato portato in corteo fino al cimitero, per onorare anche i defunti. La messa, davanti ad una chiesa gremita di fedeli giunti per l’occasione anche da tutti i dintorni e da Barga, è stata celebrata da don Giuseppe Cola con la collaborazione di don Antonio Pieraccini, un gradito ritorno per la comunità cattolica di Renaio dove don Antonio ha lasciato un bel ricordo e dove tutti lo conoscono. Don Giuseppe Cola, felice anche per la partecipazione alle Quarantore, ha ringraziato alla fine della funzione le donne che partecipano alle letture, le componenti del coro di Renaio ed infine i volontari che nei giorni scorsi hanno rimesso a posto i muri perimetrali del cimitero.