Tag: giovanni pascoli

- di Redazione

Stamani Giovanni Pascoli e Barga su Rai Tre. Ecco il servizio

Stamani è andata in onda sulla rubrica “Spazio Libero”, su RaiTre una puntata interamente ambientata nel centro storico di Lucca e dedicata alla XVIII edizione del  premio letterario Racconti nella Rete, organizzato dal festival LuccAutori. L’inviata di Rai Parlamento, Marina Giraldi ha fattro visita anche al presidente della Fondazione Giovanni Pascoli Alessandro Adami che ha parlato  dei rapporti di Giovanni Pascoli con la città e dei preziosi manoscritti del poeta conservati presso la Biblioteca Styatale di Lucca, tra cui l’autografo de “Il gelsomino notturno”. Per chi lo avesse perso, il servizio è visibile qui: http://www.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-b3122ffa-04f5-4efa-a286-34fd5cf50584.html?popup&fbclid=IwAR24p8NPHSLjXma5FkKBTKqf-Kl59Whwn6WNJY7ordlstCudfPYXSu3ANC0    

- di Redazione

Pascoli va in onda su Rai 3

Mercoledì 20 febbraio alle ore 11.20 su Rai 3 la Fondazione Giovanni Pascoli sarà presente all’interno della trasmissione “Spazio Libero” di Rai Parlamento, interamente ambientata nel centro storico di Lucca e dedicata alla XVIII edizione del  premio letterario Racconti nella Rete, organizzato dal festival LuccAutori. L’inviata di Rai Parlamento, Marina Giraldi fa visita, tra i vari luoghi, alla Biblioteca Statale di Lucca, con l’intervista alla vice direttrice Ela Dell’Osso e al presidente della Fondazione Giovanni Pascoli Alessandro Adami che parleranno dei rapporti di Giovanni Pascoli con la città e dei preziosi manoscritti del poeta conservati presso la Biblioteca, tra cui l’autografo de “Il gelsomino notturno”. Sabato 23 febbraio alle 7.50, sempre su Rai 3 ma a diffusione regionale, andrà in onda un servizio sul premio letterario con un intervento di Demetrio Brandi e Cristiano Militello, ospite di “Autori All’Agorà”.

- di Redazione

Nel nome di Guelfo Marcucci, assegnati gli assegni di ricerca per l’approfondimento del patrimonio pascoliano

Lunedì 11 febbraio è avvenuta a Casa Pascoli  la presentazione degli assegni di ricerca promossi dalla Fondazione Giovanni Pascoli in memoria di Guelfo Marcucci. Una iniziativa nuova promossa in collaborazione con la Scuola Normale Superiore di Pisa in memoria appunto dello storico imprenditore a capo della dinastia del Ciocco e della Famiglia Marcucci scomparso tre anni orsono, fondatore e storico Presidente della Fondazione. E’ stato proprio grazie anche al contributo della famiglia Marcucci, che ha finanziato questa iniziativa, che si è dato vita al progetto volto  alla valorizzazione ed all’approfondimento del patrimonio pascoliano tramite importanti lavori di ricerca. Alla presentazione era presente una nutrita rappresentanza della famiglia Marcucci, dalla moglie di Guelfo, Iole Capannacci, ai figli Andrea e Marialina Marcucci con le loro famiglie. A fare gli onori di casa il presidente della Fondazione Pascoli, Alessandro Adami ed il sindaco di Barga, Marco Bonini, mentrela Scuola Normale di Pisa era presente con il prof. Daniele Menozzi, professore ordinario di Storia…

- di Redazione

Un video per la promozione di Casa Pascoli

Un’ape o una farfalla che, partendo dal campaniletto di San Niccolò, vola all’interno del giardino di Casa Pascoli per poi arrivare, attraverso l’altana, nello studio del poeta; in sottofondo, il coro muto della Butterfly e la lettura dei versi de “L’ora di Barga”. E’ questo il video promozionale prodotto dalla Fondazione Giovanni Pascoli che è stato presentato in anteprima stamani, 22 dicembre, nella sala consiliare di Palazzo Pancrazi. Realizzato dal regista Alessandro Bertolucci, già attivo collaboratore della Fondazione da anni, in particolare nell’organizzazione della serata del 10 agosto, questo video sarà a breve diffuso sul sito della Fondazione e sui suoi canali social, andando a costituire una sorta di vetrina promozionale delle prossime attività. La realizzazione è stata impegnativa, come hanno sottolineato il Presidente della Fondazione Alessandro Adami e Bertolucci: riuscire a riassumere e trasmettere tanta della poetica pascoliana e della bellezza del luogo in pochi secondi (lo spot dura poco più di un minuto), come impongono i tempi di…

- di Redazione

“… in Barga è un fitto di stelle”. Aspettando Natale con la Fondazione Giovanni Pascoli

Sabato 22 dicembre alle ore 10.00 presso la Sala Consiliare di Palazzo Pancrazi si terrà l’iniziativa “… in Barga è un fitto di stelle. Aspettando Natale con la Fondazione Giovanni Pascoli”. L’evento, organizzato in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, sarà l’occasione per lo scambio degli auguri natalizi con la Fondazione e per assistere alla proiezione di uno spot promozionale di Casa Pascoli, realizzato dal regista Alessandro Bertolucci, che sarà teaser per le prossime iniziative della Fondazione, di cui si annuncia un ricco calendario nel 2019. Sarà anche occasione per approfondire lo sguardo di Giovanni Pascoli sul Natale e sulle festività, di cui visse particolarmente le tradizioni del nostro territorio (il titolo dell’iniziativa difatti è ripreso da una citazione contenuta nel racconto “Notte di Natale”).

- di Redazione

Il Doppio e la fiaccolata dell’Immacolata

Ad aprire le festività natalizie a Barga come da tradizione sarà il “Doppio dell’Immacolata”,  il tradizionale “concerto” di campane del Duomo di Barga che, alla vigilia dell’Immacolata Concezione vengono suonate per un’intera ora dai valorosi campanari di Barga. Come ogni anno, dalle 21 alle 22, la squadra dei campanari di Barga, riunita al gran completo, regalerà così questa emozione immancabile per tutti i barghigiani: un vero e proprio concerto dove le immense campane barghigiane saranno suonate a distesa da una squadra davvero nutrita di suonatori che si daranno il cambio nel difficile e faticoso compito di tirare le tre antiche campane: diffonderanno per tutta la vallata il loro dolce suono che tanto ispirò anche il poeta Giovanni Pascoli, tanto da scrivere la celebre L’Ora di Barga. Il “doppio” dell’Immacolata è un appuntamento atteso dai barghigiani e rappresenta uno dei momenti irrinunciabili delle festività made in Barga. In concomitanza con il doppio infatti, si accendono in tutto il comune le illuminazioni natalizie perché…

- di Redazione

Si premiano i vincitori del premio di poesia Giovanni Pascoli

Si terrà quest’anno presso l’aula magna “Carradini” dell’ISI di Barga la premiazione del premio di poesia “Giovanni Pascoli – L’Ora di Barga” che andrà in scena sabato 20 ottobre alle 16 con l’organizzazione di Unitre Barga, Comune di Barga, Pro Loco, Tra le righe Libri, Fondazioni Conservatorio santa Elisabetta e Pascoli, Biblioteca Comunale e Pari Opportunità. La sesta edizione vedrà la premiazione dei vincitori ma  anche, come consuetudine, la lettura delle poesie vincitrici del premio a cura di Graziella Cosimini, Gaia Biagioni e Matteo Naletta. Ci saranno anche alcuni intermezzi musicali con il tenore Gianluca Martinelli ed il pianista Massimo Salotti. L’evento  è diventato un’occasione importante, al livello nazionale, per la valorizzazione del patrimonio culturale del nostro territorio barghigiano e non solo. La partecipazione a questo premio da anni si è consolidata al livello nazionale con moltissimi concorrenti provenienti da tutta la penisola che ogni anno colgono l’occasione, aderendo all’iniziativa, anche per visitare le bellezze paesaggistiche barghigiane e soprattutto i…

- di Redazione

Premio di poesia Giovanni Pascoli: a Barga sabato 20 ottobre la premiazione

Sabato 20 ottobre alle ore 16 a Barga presso l’aula magna “C. Carradini” dell’ISI, si terrà la cerimonia di premiazione del Premio Nazionale di Poesia “Giovanni Pascoli – L’Ora di Barga”. Unitre Barga, con la Biblioteca comunale e Tralerighe libri, con il patrocinio della Regione Toscana e del comune di Barga e la collaborazione della Fondazione Pascoli, del Conservatorio S. Elisabetta, della ProLoco di Barga e della Commissione pari opportunità, assegneranno i premi alle poesie vincitrici della sesta edizione del prestigioso concorso letterario. Concorso che ogni anno vede un crescente numero di partecipanti da tutta Italia, dimostrando che la poesia è più viva che mai. Presiede l’evento la presidente Paola Stefani. Le letture sono affidate a Graziella Cosimini, Gaia Biagioni e Matteo Naletto. L’evento sarà allietato dalla partecipazione straordinaria di Gianluca Martinelli e Massimo Salotti. “Quest’anno sono ben 301 le poesie in concorso –  ricorda Paola Stefani – di cui 96 nella Sezione Giovani, circa 70 in più rispetto allo…

- di Redazione

Gli amici lucchesi di Giovanni Pascoli. Presentato il libro alla Fondazione Ricci

I rapporti di Giovanni Pascoli con Barga sono ormai ben assodati nella vulgata biografica e letteraria del poeta. Meno conosciuti forse i legami con la vicina Lucca, che eppure gli conferì la cittadinanza onoraria nel 1905, e che lo vide partecipe alla vicende culturali cittadine dell’epoca, soprattutto in virtù dei rapporti di amicizia con personaggi di spicco dell’intellighenzia lucchese. Tra questi, un ruolo fondamentale lo ricopersero due personaggi molto diversi tra loro: Gabriele Briganti e Alfredo Caselli. Briganti, funzionario della Biblioteca Statale, che in alcuni periodi diresse brillantemente, fu stretto amico di Pascoli che gli dedicò una delle sue più celebri liriche, “Il gelsomino notturno”; Caselli, proprietario del Caffè Carluccio in Fillungo, amante del lusso e delle arti, ebbe con lui un rapporto simbiotico, costellato di alti e bassi e rivelatore di tanti, piccoli aspetti quotidiani della vita del poeta. Di questi due personaggi si è parlato sabato scorso alla Fondazione Ricci, in occasione della presentazione degli atti del convegno…

- di Redazione

Gli amici lucchesi del Pascoli. Si presenta il volume alla Fondazione Ricci

Gli amici lucchesi del Pascoli. Sabato 6 ottobre alle 16 presso la Fondazione Ricci di Barga (in via Roma), si presenta questo volume che come sottotitolo porta “La centralità della figura di Gabriele Briganti” Gli amici lucchesi di Giovanni Pascoli sono la raccolta degli atti del convegno che si è tenuto il 1° ottobre 29016 alla Biblioteca Statale di Lucca (ed è edito da Maria Pacini Fazzi). Il volume è stato realizzato dalla Fondazione con il contributo della Fondazione Banca del Monte di Lucca. Alla presentazione interverranno Paolo Razzuoli, presidente Associazione Amici del Machiavelli; Monica Maria Angeli, direttrice biblioteca statale di Lucca e curatrice del volume; Pietro Paolo Angelini, Berto Corbellini Andreotti, Paolo Fantozzi e Sara Moscardini, coautori del volume

- di Redazione

Conclusa la vendemmia del vino pascoliano

Dal 2014, proprio come ai tempi in cui c’era Giovanni Pascoli, nella cantina di Casa Pascoli, a Castelvecchio, si è tornati a produrre il vino pascoliano; proprio come quello che lui stesso produceva nelle vigne del suo giardino, da lui stesso chiamato “Flos vineae”. Lo fanno un gruppo di volontari che si sono presi la briga di valorizzare l’antica vigna di Casa Pascoli, curata un tempo dal poeta. Tra i filari oggi si trova l’uva bianca romagnola Albana, ed anche, per fare il quello che il Pascoli chiamava il Flos Vineae, merlot, ciliegiolo e sirah. Parte di questa uva, l’Albana, è arrivata nel 2013, in occasione del centenario pascoliano, direttamente da San Mauro Pascoli, dalle terre del Pascoli, a rendere così ancora più genuina questa operazione che in questi anni ha dato buoni frutti. Nel senso che l’uva, curata con passione, è cresciuta bene ed il raccolto alla fine è stato più che soddisfacente, con un vino bianco ed il rosso…

- di Luca Galeotti

Pascoli, musica e poesia nella notte delle stelle cadenti

Oltre 800 spettatori per una nuova serata di grande successo di pubblico quindi, un’atmosfera unica come solo il giardino della casa museo di Giovanni Pascoli sa regalare in queste notti stellate di agosto, dove la musica e la poesia si fondono al dolce cantare dei grilli; tanta bella musica, eseguita senza indugi dall’Ensemble Le Muse, dirette dal Maestro Andrea Albertini al pianoforte, a sostenere le ottime prove del tenore Alessandro Fantoni, del baritono Marzio Giossi, del basso Matteo Peirone. E poi Alessandro Haber, a cui era affidato il reading delle poesie pascoliane, con una interpretazione sicuramente diversa dal solito, una lettura tutta sua, nel più puro stile di questo grande artista che ha “destabilizzato” un po’ una parte della platea ma che comunque è stata più apprezzata nella seconda parte quando l’attore ha saputo forse entrare maggiormente nella poesia pascoliana con il finale che ha visto  la lettura del Gelsomino notturno, de La Mia sera ed infine, immancabile, dell’Ora di…