Tag: arrigo benedetti

- di Redazione

Il giornalismo degli umili, fatto per i governati e non per chi governa

Una edizione dedicata al giornalismo al femminile quella andata in scena sabato mattina a Barga per il Premio Giornalistico Arrigo Benedetti, giunto alla nona edizione, vinto da Concita De Gregorio e Costanza Spocci; una edizione che al femminile è stata anche per quanto riguarda la sezione dedicata alle scuole vinta dalla giovanissima Alice Pini dell’Istituto Tecnico Professionale Pieroni di Barga e dall’altrettanto giovane e brillante Viola Pieroni del Liceo Scientifico Galilei di Castelnuovo Garfagnana. Una edizione bella e interessante perché, forse nella prima volta in nove anni, si è affrontato il mestiere di giornalista non nella visione più alta di intendere questo mestiere, con i grandi valori e gli insegnamenti che sono venuti da mostri sacri come Benedetti, ma soprattutto dei problemi, delle grandi difficoltà dell’essere giornalista oggi e soprattutto del rischio per la propria autonomia. Da quello di essere giornalista donna ancora in un  mondo, come in tutti o quasi i mondi professionali, al maschile soprattutto per i posti…

- di Redazione

Barga ricorda Nazareno Giusti

In occasione del Premio giornalistico Arrigo Benedetti, che si terrà sabato 13 aprile alle ore 11 a Barga presso l’aula consiliare a Palazzo Pancrazi – che sarà consegnato alle giornaliste Concita De Gregorio e Costanza Spocci –  l’amministrazione comunale dedicherà un momento in ricordo di Nazareno Giusti. Il giovane originario di Coreglia, scomparso pochi giorni fa, collaboratore di Avvenire, dell’inserto La Lettura del Corriere della Sera, saggista autore del libro “Giovanni Palatucci” edito da Tralerighe libri, documentarista, ha collaborato per anni con molti enti e soggetti culturali, diventando un punto di riferimento per la ricerca storica della provincia di Lucca. Giusti era anche un disegnatore, autore tra le altre opere, di un libro su Giovanni Guareschi. Stava lavorando alla realizzazione di un documentario sulla storia del primo Novecento in Valle del Serchio. Per Avvenire ha scritto numerosi articoli con ricerche storiche, mentre per la Lettura ha illustrato specifici progetti. In questi anni ha più volte collaborato anche con fondazioni ed istituzioni…

- di Redazione

Il Premio Arrigo Benedetti 2019 a Concita De Gregorio e Costanza Spocci: la consegna sabato 13 aprile a Barga

Il Premio giornalistico Arrigo Benedetti – Città di Barga, nona edizione 2019, è stato assegnato a Concita De Gregorio e Costanza Spocci. Il Premio dedicato al giornalista lucchese fondatore dell’Espresso e dell’Europeo sarà consegnato sabato 13 aprile alle ore 11 presso la sala consiliare di Palazzo Pancrazi a Barga, città che ospita, presso la Biblioteca comunale “Fratelli Rosselli”, il fondo librario appartenuto a Benedetti. L’iniziativa, di prestigio e alto valore culturale, è organizzata dal Comune di Barga, in collaborazione con la Provincia di Lucca, la famiglia Benedetti e Toscana Energia. A consegnare il premio sul palco saranno il sindaco Marco Bonini, Arrigo Benedetti, l’assessore alla cultura Giovanna Stefani. Coordina l’evento Andrea Giannasi. Concita De Gregorio, giornalista e scrittrice, è editorialista e inviata del giornale la Repubblica, per il quale cura anche una rubrica quotidiana, “Invece Concita”. Il suo primo libro, del 2001, è Non lavate questo sangue, diario dei fatti del G8 di Genova. Dal 2008 al 2011 ha diretto l’Unità. Tra i suoi…

- di Redazione

Aperto il bando 2019 del premio giornalistico Arrigo Benedetti

È indetta la nona  edizione del “Premio Giornalistico Arrigo Benedetti Città di Barga”, riservato a giornalisti professionisti e, con una sezione speciale, agli studenti delle Scuole Secondarie di secondo grado della provincia di Lucca. Organizzato dalla Provincia di Lucca e dal Comune di Barga, in collaborazione con il Centro Europeo di Studi “Arrigo Benedetti” e la famiglia Benedetti, il Premio, istituito nel 2011, a cadenza annuale, intende valorizzare i migliori articoli o le migliori inchieste che abbiano saputo raccontare l’Italia contemporanea in modo libero, indipendente e veritiero, com’era nello stile del fondatore dell’Europeo e dell’Espresso. Sono previsti un premio senior (per giornalisti con una carriera già avanzata) e junior (giovani di capacità ad inizio di carriera).Gli articoli che saranno presi in questione  dovranno essere apparsi su carta stampata, online o su ogni altro mezzo di comunicazione tra il maggio 2018 ed il marzo 2019. C’è poi una sezione dedicata invece alle scuole; ai migliori due elaborati, scritti nella forma dell’articolo…

- di Redazione

Il premio Arrigo Benedetti ai “giornalisti con la schiena dritta”, Massimo Bordin e Claudio Cordova

Un premio al giornalismo fatto con la schiena dritta, come diceva proprio Arrigo Benedetti. Un premio di sostegno a chi è giornalista con la schiena dritta. Così in breve la motivazione che ha visto assegnare stamani nella sala consiliare di Palazzo Pancrazi  a Barga, l’edizione 2018 del premio Arrigo Benedetti a Massimo Bordin ed a Claudio Cordova; una storia ed un percorso diverso, il primo indissolubilmente legato ad una lettura attenta e professionale della situazione politica del nostro paese ed alla storia di Radio Radicale ed il secondo al giornalismo online d’inchiesta nella terra malata di mafia della Calabria. La premiazione alla presenza  tra gli altri di Arrigo Benedetti junior e del sindaco Marco Bonini convinto più che mai dell’importanza di questo riconoscimento nel nome di un grande giornalista come Arrigo Benedetti. Ad introdurre la mattinata l’editore Andrea Giannasi . Bordin, dopo la consegna del premio,  tra le altre cose, nel  suo intervento ha associato a Radio Radicale l’aver fatto …

- di Redazione

È aperto il bando del Premio Arrigo Benedetti 2018 riservato agli studenti delle Scuole Secondarie di secondo grado della provincia di Lucca

È indetta l’ottava edizione del “Premio Giornalistico Arrigo Benedetti Città di Barga”, riservato agli studenti delle Scuole Secondarie di secondo grado della provincia di Lucca. Organizzato dalla Provincia di Lucca e dal Comune di Barga, in collaborazione con il Centro Europeo di Studi “Arrigo Benedetti” e la famiglia Benedetti, il Premio, istituito nel 2011, a cadenza annuale, intende valorizzare i migliori due elaborati, scritti nella forma dell’articolo di giornale e senza vincolo di argomento, realizzati dagli studenti delle classi quarte e quinte delle Scuole Secondarie di secondo grado della provincia di Lucca nell’anno scolastico 2017/2018, al fine di avvicinare maggiormente i giovani al mondo ed alla professione del giornalista. All’edizione 2011 il Presidente della Repubblica ha destinato una medaglia quale suo premio di rappresentanza. Barga è la città che, per volere della famiglia Benedetti, ospita, nella Biblioteca Comunale “Fratelli Rosselli”, la biblioteca personale del grande giornalista lucchese. Il Premio è articolato in una sezione unica riservata agli studenti delle classi…

- di Redazione

La “piccola ginestra” nell’inferno della prima guerra mondiale

Come tutti gli anni, a margine del Premio Giornalistico “Arrigo Benedetti”, pubblichiamo i testi vincitori della sezione riservata alle scuole superiori della Toscana.Quest’anno il premio è andato a di Martina Ruberti dell’ISI Pertini di Lucca e Wesley Giannelli del Liceo Scienze Umane Pascoli dell’ISI di Barga.Ecco il lavoro di Wesley Giannelli: La “piccola ginestra” nell’inferno della prima guerra mondiale Guerre del passato lontano, guerre del passato vicino, venti di guerra oggi quasi a dire che la storia non è magistra vitae ma alunna distratta dimentica degli errori del passato. La guerra dal doppio volto: definita ora come uno dei mali più grandi del mondo, portatrice di distruzione, paura e morte , ora come naturale e necessaria nella vita dell’uomo, “ sola igiene del mondo” dai Futuristi, madre di tutte le cose da Eraclito, aspetto determinante e imprescindibile secondo Schopenhauer, comun denominatore di tutte le epoche trascorse. Diverse accezioni per un’unica parola ma su una cosa non possiamo non essere d’accordo:…

- di Redazione

E tu che bambola sei?

Come tutti gli anni, a margine del Premio Giornalistico “Arrigo Benedetti”, pubblichiamo i testi vincitori della sezione riservata alle scuole superiori della Toscana.Quest’anno il premio è andato a di Martina Ruberti dell’ISI Pertini di Lucca e Wesley Giannelli del Liceo Scienze Umane Pascoli dell’ISI di Barga.Ecco il lavoro di Martina: E tu che bambola sei? Il nome Barbara Millicent Roberts non è certo noto quanto il suo diminutivo. Se dicessi che è figlia dell’azienda Mattel ed è conosciuta come Barbie, l’immagine che si presenterebbe davanti agli occhi di tutti sarebbe quella di una ragazza perfetta: bionda, occhi azzurri, senza difetti di alcun genere, alta quanto basta, magra e con un po’ di curve, senza esagerare, solo nei punti strategicamente giusti. Dal 1959, uscita della prima Barbie, le critiche sull’aspetto della bambola che si sono mosse nei confronti dell’azienda sono state tante, arricchite da diversi scandali. È nel 2014 che l’azienda si è attivata per accontentare tutte quelle persone, perlopiù donne,…

- di Redazione

Il premio Benedetti a De Bortoli e Angeli: nel segno di una professione che ha bisogno di coerenza e di guardare al bene comune

Indubbiamente quella di mercoledì 321 maggio al teatro dei Differenti di Barga è stata un’altra edizione nel segno del grande giornalismo italiano. Così il Premio Arrigo Benedetti consegnato a Barga a Ferruccio De Bortoli per la sua grande carriera ed alla giornalista di d’inchiesta Federica Angeli che da anni vive sotto scorta proprio per il coraggio dimostrato nella sua professione. Occasione di grande riflessione ed alla fine anche toccanti, specialmente quelle di Federica Angeli, le parole pronunciate dai due premiati. Entrambi si sono rivolti in particolare ai ragazzi presenti in platea; entrambi hanno indicato la via e le poche regole, ma basilari, per seguire le orme del buon giornalismo che furono di Benedetti e quelle dettate dalla loro esperienza di vita. Più che raccontarle, merita ascoltare le parole di Ferruccio De Bortoli (QUI) e di Federica Angeli (QUI) Un premio, quello a loro consegnato dal sindaco Marco Bonini e dal nipote di Arrigo, Alessandro Benedetti, ad un uomo ed una…

- di Redazione

Il Premio giornalistico “Arrigo Benedetti” 2017 a Ferruccio De Bortoli e Federica Angeli. Un riconoscimento speciale a Gabriele Del Grande

A Ferruccio De Bortoli e Federica Angeli il premio giornalistico “Arrigo Benedetti – Città di Barga” 2017. L’iniziativa di prestigio e alto valore culturale organizzata dalla Provincia di Lucca e dal Comune di Barga, in collaborazione con il Centro Europeo di Studi “Arrigo Benedetti”, la famiglia Benedetti, e il sostegno di Toscana Energia, vedrà la premiazione sul palco del Teatro dei Differenti di Barga, mercoledì 31 maggio alle ore 11. Ferruccio De Bortoli riceverà il premio alla carriera. Il giornalista, nato a Milano il 20 maggio 1953 è stato due volte direttore del Corriere della Sera, dal 1997 al 2003 e dal 2009 al 2015; ha diretto anche il Sole 24 Ore dal 2005 al 2009. Di famiglia bellunese, si è laureato in Giurisprudenza alla Statale di Milano. La sua carriera giornalistica inizia nel 1973, quando viene assunto come praticante al Corriere dei ragazzi. Lavora successivamente per il Corriere d’Informazione (pomeridiano del Corriere), Corriere della Sera, L’Europeo. Nel 1987 torna…

- di Redazione

A Gabriele Del Grande una sezione del premio giornalistico “Arrigo Benedetti”

“Il Comune di Barga istituirà una sezione speciale del Premio giornalistico “Arrigo Benedetti” anno 2017 in onore del giornalista Gabriele Del Grande, prevedendo un particolare riconoscimento, nel segno di una solidarietà attiva nei confronti di questo giornalista che indubbiamente è più che degno di rappresentare la storia e la tradizione di giornalismo civile ed impegnato che fu di Arrigo Benedetti.” Così il sindaco di Barga Marco Bonini in risposta alla lettera inviatagli dall’ex primo cittadino di Barga, Umberto Sereni che invitava il comune a premiare proprio Gabriele Del Grande nella prossima edizione del premio giornalistico (la trovate sotto). “Accogliamo volentieri la bella proposta che viene dal capogruppo di opposizione nonché ex primo cittadino di Barga, il prof. Umberto Sereni, perché ci sembra meritevole e condivisibile; il giusto contributo che anche dall’Amministrazione Comunale di Barga, ma in generale da tutta la popolazione barghigiana, può venire per sostenere l’impegno locale ma anche nazionale per la battaglia per la verità e la libertà…

- di Redazione

Cibo e consumatori: problemi e ossessioni

Come come fatto ieri per Giinevra Riccomi, pubblichiamo anche il lavoro di Davide Popolizio, il secondo studente che ha vinto la sezione del Premio Giornalistico “Arrigo Benedetti”, riservata alle scuole superiori della Toscana. L’alimentazione è sempre più considerata di estrema importanza. Una necessità. Uno dei caratteri principali della cultura e delle tradizioni di un popolo. Ma non si mangia più per vivere. O meglio, per sopravvivere. Si vive per mangiare. Controllare l’alimentazione è considerato fondamentale. I comportamenti seguiti con ossessione sono tanti. Attenzione maniacale alle diete. Controllo sui cibi sani. Visite da dietologi e nutrizionisti. Siamo continuamente edotti (e vogliamo esserlo) sui principi dell’alimentazione sana. Certe abitudini sono ritenute basilari proprio per questo e come la Dieta Mediterranea, considerata in un rapporto dell’UNESCO “alla base dei costumi sociali”. Spesso si è gelosi di certe ricette e non le condividiamo. Tutte queste informazioni, controlli e atteggiamenti sembrano non essere sufficienti a combattere i numerosi problemi legati all’alimentazione. Molte persone non si…