Scuola

- di Redazione

La Primaria di Fornaci in evidenza al concorso Artigianato e Scuola

Ottimo risultato quello ottenuto dai bambini della scuola primaria di Fornaci di Barga alla XXXVII edizione del concorso “Artigianato e scuola” promosso dalla Confartigianato di Lucca. Grazie alla presentazione del lavoro “Una finestra nel cielo e vedo te mamma”, hanno vinto un premio in denaro di 200 euro. Alunni e docenti della scuola sono stati poi invitati domenica scorsa a Lucca dove è stato loro consegnato il premio presso il teatro del Giglio.

- di Redazione

ISi Barga e ISi Castelnuovo insieme nel nome di D’Annunzio e Tosti

Sabato 27 maggio 2017 al Teatro Alfieri di Castelnuovo di Garfagnana si terrà una iniziativa culturale organizzata da ISI Barga e ISI Castelnuovo di Garfagnana e rivolta agli studenti delle classi V dei due istituti. “Tosti e d’Annunzio tra parole e musica” è il titolo dell’iniziativa; una pièce teatrale, in cui si fondono notizie letterarie (si parla di Gabriele d’Annunzio) e musicologiche (Francesco Paolo Tosti), alternate a esecuzioni musicali delle romanze da camera, che la collaborazione dei due ha consegnato alla storia della musica. L’evento, con il patrocinio dei rispettivi comuni, vuole essere uno strumento per l’ampliamento dell’offerta formativa degli studenti e si inserisce tra le attività di Musica e Teatro, al fine di educare le nuove generazioni ad ampliare gli orizzonti culturali dando delle opportunità di crescita e di nuove conoscenze. Come sottolineano i due Dirigenti scolastici, la Prof.ssa Catia Gonnella dell’ISI di Barga e il Prof. Massimo Fontanelli dell’ISI Castelnuovo, l’idea di coinvolgere le due scuole superiori della…

- di Redazione

Quarto posto per i bimbi di Barga al concorso “Eureka! Funziona”

Un bel risultato quello ottenuto dai ragazzi della Vb della scuola primaria “Pascoli” di Barga nell’ambito del concorso “Eureka! Funziona!” promosso dalla LU.ME Lucca metalmeccanica, che mette insieme le principali aziende del settore presenti in provincia di Lucca tra i quali KME. Il concorso era dedicato a “Pneumatica & Attuatori” con la presentazione da parte di bambini e bambini delle terze, quarte e quinte classi delle primarie della provincia di giocattoli pneumatici da loro creati. Tra i pochissimi finalisti chiamati a Lucca, per la fase finale, appunto i ragazzi della Vb di Barga che si sono ritrovati presso la Chiesa dei Servi a Lucca insieme ad altri 400 alunni, per la finalissima e la premiazione ottenendo alla fine un più che onorevolissimo quarto posto. Nella finale in gara circa una ventina di giocattoli tra i quali, per Barga, un ‘Carretto preistorico’, davvero ben congegnato dai ragazzi barghigiani. Il quarto, non è il primo posto ma in questi casi quello che…

- di Redazione

Glassharing, la primaria di Barga tra le tre finaliste

Un primo responso c’è ed è quello più importante. I ragazzi delle classi quarte della scuola primaria di Barga sono tra i tre finalisti chiamati a Roma per la vittoria finale di Glassharing, il concorso per le Scuole promosso da Assovetro Servizi e Co.Re.Ve, in collaborazione con il MIUR, grazie al quale i ragazzi hanno avuto l’occasione di prendere il posto “in cattedra” dei loro insegnanti e far conoscere, grazie al proprio lavoro e alla propria fantasia, tutto quello che di incredibile hanno imparato sull’affascinante mondo del Vetro. Ad essere scelto il video musicale “Andiamo a riciclare” attribuito alla IV B della Primaria barghigiana, ma sul quale hanno lavorato entrambe le quarte della “Pascoli”. A maggio i ragazzi sono stati invitati a Roma e nella capitale apprenderanno il responso della giuria di qualità circa il primo, il secondo od il terzo posto. Sono attesi il 25 maggio presso la sede del Ministero dell’Istruzione, in viale Trastevere. Le soddisfazioni per la…

- di Redazione

All’Alberghiero Fame di Guerra e Slowfood day

Nell’ambito dello Slowfood day, anche il tra le righe di Barga winter festival ha voluto sottolineare l’appuntamento con una mattinata di letteratura ed anche di cucina organizzata grazie alla collaborazione tra la scuola alberghiera di Barga, Comune di Barga, Isi Barga, la condotta Slowfood Garfagnana e Media Valle e Tra le rige libri. Intanto la presentazione del libro Fame di guerra” di Simonetta Simonetti.Si tratta di un viaggio tra la prima guerra mondiale e gli anni cinquanta alla scoperta dei cambiamenti della cucina italiana. Dalla penuria e la nascita della cucina del poco e del senza, alle ricette di guerra; dalla tavola autarchica fino all’educazione della donna all’essere “maestra del riciclo e del riuso”. Uno slogan su tutti: “La cucina del poco e del senza”. A sottolineare i temi del libro, a riproporre alcune delle ricette povere realizzate in anni ed in tempi difficili dove scarseggiava la materia prima per fare cose più elaborate, ci hanno pensato i ragazzi dell’istituto…

- di Redazione

Glassharing; due lavori della primaria di Barga in finale al concorso nazionale

Glassharing è il nuovo Concorso per le Scuole promosso da Assovetro Servizi e Co.Re.Ve, in collaborazione con il MIUR, grazie al quale i ragazzi hanno l’occasione di prendere il posto “in cattedra” dei loro insegnanti e far conoscere, grazie al proprio lavoro e alla propria fantasia, tutto quello che di incredibile hanno9imparato sull’affascinante mondo del Vetro. Il concorso era riservato agli studenti della scuola primaria ed a quelli della scuola secondaria e per la prima sezione, alla fase finale, tra gli 11 finalisti che poi si aggiudicheranno al vittoria finale, figurano non uno, ma due lavori della scuola primaria “Giovanni Pascoli” di Barga: quelli realizzati dalle classi IV A e B. Già una bella soddisfazione per la scuola barghigiana che vede un importante riconoscimento del proprio lavoro. I progetti sono stati due ma il lavoro è stato unico in verità, nel senso che entrambi i progetti ora arrivati alla fase finale sono stati realizzarti dai ragazzi a classi aperte con…

- di Redazione

In visita al Giornale di Barga

Una gradita visita quella dei ragazzi della V A della scuola primaria di Barga che insieme alle loro insegnanti Giuseppina Maria Sframeli e Maria Rosaria Favoino, ci sono venuti a trovare nella redazione del Giornale di Barga per approfondire le ricerche che stanno conducendo sul giornalismo e sui giornali. Al direttore del Giornale Luca Galeotti hanno rivolto tante domande intelligenti sulla storia del Giornale di Barga, ma anche sul che cosa vuol dire oggi essere giornalista, sul come si realizzano i servizi e su tante altre informazioni relative alla vita di un giornale dalla scrittura dlele notizie, alla composizione del giornale fino alla stampa. Tante domande interessanti alle quali il nostro direttore ha risposto molto volentieri nella speranza di aver aiutato questi piccoli amici nelle loro ricerche. Alla prossima, ragazzi!

- di Redazione

Aci Lucca a Fornaci di Barga per insegnare l’educazione stradale nelle scuole

Proseguono i corsi di educazione stradale che Aci Lucca porta nelle scuole del territorio provinciale. La delegazione con sede in via Catalani, infatti, ha avviato in questa settimana la prima delle due giornate dedicate ai bambini della scuola primaria “G. Pascoli” di Fornaci di Barga. Una mattinata di divertimento, di gioco, ma anche di studio per imparare come ci si comporta in strada, quando si è semplici pedoni e quando si viaggia in sella alla bicicletta. Insieme ad altri membri dell’Aci Lucca, il direttore Luca Sangiorgio ha incontrato le classi quarta e quinta con le insegnanti Monica Bertieri, Annarita Marchetti, Carlotta Orsi, Antonella Cassettari, Mara Biagioni, Carmela Donnici, e ha presentato agli studenti i due percorsi di sicurezza stradale, “A passo sicuro” e “Due ruote sicure”: attraverso attività divertenti e pratiche, i bambini sono messi alla prova con i cartelli stradali e con la conoscenza delle norme di comportamento in strada. «Dopo Lucca e Camaiore – spiega il direttore del…

- di Redazione

L’esule Claudio Bronzin a Barga per il Giorno del Ricordo

Per il Giorno del Ricordo Barga (sabato 11 febbraio alle ore 11 presso l’aula magna dell’ISI) ospiterà Claudio Bronzin, esule di Pola, testimone oculare 70 anni fa della più grande strage avvenuta sul territorio della Repubblica italiana in tempo di pace. Organizzato dall’amministrazione comunale in collaborazione con ISI Barga, Tra le righe libri e ANVGD Lucca (l’associazione che riunisce gli esuli istriani, dalmati e giuliani), l’incontro vedrà la presenza del sindaco di Barga Marco Bonini, dell’assessore alla cultura Giovanna Stefani, della dirigente scolastica Catia Gonnella e di Nadia Stossi delegata per le associazioni degli esuli. Il testimone, che sarà intervistato da Andrea Giannasi, oggi residente a Firenze, all’epoca dei fatti aveva 11 anni. La strage di Vergarolla avvenne nell’agosto del 1946 e causò ufficialmente circa 75 morti (ma la stima più precisa parla di 110/116 morti vista la fortissima deflagrazione e la presenza di numerosi esuli non registrati) e indusse anche i più riottosi cittadini italiani ad abbandonare definitivamente le…

- di G.M.

Alla scoperta del cavallo. Un bel progetto per i ragazzi del Comprensivo di Gallicano

Grande successo per il Progetto “Alla scoperta del cavallo” promosso dalla scuola secondaria di primo grado dell’Istituto comprensivo di Gallicano. Il progetto, promosso dal docente di Educazione Fisica Giancarlo Marchione, si è svolto nello splendido scenario del Club Ippico Barga e prevede due uscite (una per quadrimestre , a gennaio e ad aprile ). L’ obiettivo formativo per i ragazzi, è la scoperta di opportunità sportive del proprio territorio, che non siano i tradizionali sport di squadra; oltre naturalmente ad un approccio nuovo ad un animale splendido, stimolando sensibilità e promuovendo la cultura dell’amore per l’animale in generale. Ogni giornata, che a turno ha visto alternarsi tutte le classi dell’istituto, prevede una parte iniziale teorio-introduttiva nella suggestiva taverna del Centro Ippico. Il titolare, Sergio Da Pra, con la compagnia del fuoco di un rustico camino d’altri tempi, è riuscito nel difficile duplice compito di divertire e coinvolgere i ragazzi, portandoli contemporaneamente a riflettere si importanti tematiche sociali, attualissime, partendo dal…

- di Redazione

Voci. Dentro e fuori dal coro

In occasione della Giornata della Memoria venerdì 27 gennaio alle ore 9,30 presso l’aula magna egli istituti scolastici Isi di Barga, gli studenti porteranno in scena uno spettacolo liberamente tratto dalla storia di Giovanni Palatucci, il poliziotto che a Fiume nel 1944 salvò centinaia di ebrei. Arrestato dalla Gestapo nel settembre del 1944 venne poi condotto nel campo di concentramento di Dachau dove morì il 10 febbraio del 1945. L’evento è stato curato e coordinato dalla prof.ssa Silvia Redini in collaborazione con Tra le righe libri editrice che nel 2014 ha pubblicato il saggio di Nazareno Giusti che ricostruisce la storia del poliziotto italiano. Lo spettacolo, con la regia di Nicola Soldani e Lucia Bernardi, si intitola “Voci. Dentro e fuori dal coro”. In scena: Lucia Bernardi, Ramona Bianchi, Ylenia Corti, Wesley Giannelli, Ilaria Mariani, Gabriele Mazzoni, Ludovica Moscardini, Samuele Pizzitola, Matteo Rossi, Martina Scarafile, Nicola Soldani, Orlando Tazzioli, Sofia Venchi. Durante la mattinata si svolgeranno due rappresentazioni a partire…

- di Andrea Giannasi

Giornata della Memoria; a Barga mercoledì 25 gennaio il Prof. Marcello Buiatti

Un rifugio, una casa segreta, la salvezza dai campi di concentramento. Si salvarono nella chiesa sconsacrata di San Jacopo in Campo Corbolini a Firenze alcune famiglie di ebrei e tra questi Marcello Buiatti. Lui un bambino era appena rientrato fortunosamente con il padre e la madre dalla Libia, dalla quale erano fuggiti, e si trovarono al centro delle ricerche dei nazisti. Si nascosero nell’appartamento collegato alla chiesa lui il padre, italiano, che era già nei partigiani di «Giustizia e libertà», e la madre, una ebrea polacca. Ma non erano soli. Con loro, c’era la famiglia Fiandra: ebrei triestini, due figli di 20 anni che, appena poterono, andarono con i partigiani. C’era una zia, polacca, fuggita da un campo di concentramento italiano il giorno prima dell’arrivo dei nazisti che l’avrebbero portata in Germania. Poi Imre Schwed, anche lui ebreo, con il figlio, Riccardo. Tra i bombardamenti aerei, i rastrellamenti, la fame e anche il tifo (il piccolo Buiatti venne salvato grazie…