La guerra a Barga

- 3 di Sara Moscardini

1 gennaio – 28 aprile 1945: gli eventi della guerra a Barga

Riportiamo di seguito la versione integrale del timeline degli eventi apparso sull’ultimo numero del “Settantesimo”, uscito lo scorso 25 aprile. Gennaio: il maltempo, la pioggia torrenziale e la neve rovinano sui massi di macerie a cui è ridotta Barga, provocando ulteriori danni e pericoli. I bombardamenti nei mesi a venire proseguiranno senza sosta. Bombardamenti si hanno nei giorni: 1, 2, 3, 4, 6, 7, 8, 9, 10, 12, 13, 14, 15, 17, 18, 20, 21, 22, 24, 25, 26, 27, 29, 30. A metà mese le truppe indiane si ritirano, per il temporaneo ritorno dei soldati della Buffalo, che riempiono la cittadina di mitragliatrici, cannoni e carri armati. Si torna progressivamente alla normalità con il ripristino della Giunta comunale. Febbraio: bombardamenti si hanno nei giorni 1, 2, 3, 4, 5, 6, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 17, 22, 23, 24, 26, 28. Verso la fine del mese il Genio militare alleato avvia la costruzione di uno…

- di Ivano Stefani

I rastrellati raccontano 5 – Flaminio Santi

Da Il giornale di Barga, n. 184 del 19-07-1964 I RASTRELLATI RACCONTANO: Flaminio Santi Fuggì dal bastione Da diversi giorni tutte le volte in cui uscivo di casa, la mia povera moglie diceva : Fai attenzione, ho sentito dire che oggi rastrellano – Io rispondevo rassicurandola con una scrollata di spalle. Per andare al gabinetto dentistico in Via di Mezzo, ex sede della Cassa di Risparmio di Firenze, prendevo per via della Circonvallazione, fermandomi al “Paolo” a bere un surrogato di caffè. Quel pomeriggio fu come tutti gli altri. Da una settimana gli americani avevano liberato Lucca. A Barga facevamo progetti per quando sarebbe toccato a noi, rassegnati oramai ad avere la guerra in casa. Unica speranza era quella che gli americani facessero una avanzata rapida. Ahimè! non fu proprio così, che a giungere a Barga impiegarono un mese e qui ci stettero dall’ottobre 1944 all’aprile 1945. Ero nella retrostanza intento a lavorare attorno ad una dentiera balorda alla quale…

- di Ivano Stefani

I rastrellati raccontano 4: Antonio Biagiotti e Benedetto Tortelli

Un ponte di Ostiglia (bombardamento del 26 luglio ’44) – foto tratta da ostigliatreviso.altervista.org Da Il giornale di Barga, n. 186 del 20-09-1964 I RASTRELLATI RACCONTANO 4: Antonio Biagiotti (1) e Benedetto Tortelli (2) Da Ostiglia, uno di loro non fece più ritorno: Omero Salvadori Le Casermette Rosse a Bologna si trovano nelle vicinanze della stazione ferroviaria, la quale poche ore dopo che i rastrellati di Castelnuovo erano giunti, fu oggetto di uno spietato bombardamento aereo. Le Casermette miracolosamente non vennero colpite, ma gli spostamenti d’aria ferirono e contusero alcuni dei rastrellali. I rastrellali rinchiusi nelle camerate al secondo piano, (…) sotto trauma psichico per la bestiale violenza subita, angosciati, guardavano dalle finestre il polverone che si alzava dalla stazione, ascoltando perplessi le grida di aiuto dei feriti rimasti sotto alle macerie. Un gruppo di rastrellati di Barga era composto da Alberto Cordati, Pietro Mori, Omero Salvadori, Antonio Vannucci, Benedetto Tortelli, Antonio Biagiotti ed alcuni di Fornaci. In quel tragico…

- di Ivano Stefani

I rastrellati raccontano 3: Felice Menichini ed il ritorno da Barbarano

Da Il Giornale di Barga n. 186 20 settembre 1964 Il ritorno di Felice Menichini da Ponte Barbarano. Nell’estate de 1944, assieme ad altri impiegati ed operai dello stabilimento metallurgico di Fornaci, fui a lavorare ad una strada a Gragliana nel Comune di Fabbriche di Vallico. Ricordo: Sergio Villani, Vittorio Capecchi, Rolando Risaliti, Fernando Vergamini, Renato Casali, Ugo Nardi. Di altri, ora, a venti anni di distanza mi sfugge il nome, chiedo perciò venia dell’involontaria omissione. La mattina del 12 settembre lavoravamo alla stracca come sempre, quando i capi squadra ci dissero di sospendere i lavori e ci condussero a Fabbriche di Valico, ove ci fecero deporre gli attrezzi dicendoci di metterci in fila. Nello stesso istante soldati tedeschi armati di «machine pistol» ci presero in consegna. Solo allora capimmo, ahimè! troppo in ritardo, che ci avevano giocato nel dirci che ci avrebbero portati a lavorare in una località vicino. Anche noi, come i rastrellati di Barga del giorno avanti,…

- di Redazione

Settantesimo della Liberazione, ecco tutti gli appuntamenti nel comune di Barga

Quello di quest’anno sarà un 25 aprile dal significato speciale, dato che ricorrono i settanta anni dalla Liberazione dal dominio nazifascista.Un tema molto sentito nel territorio di Barga, che ebbe la sventura di trovarsi al centro del fronte a partire dall’autunno del 1944, un periodo che è rimasto indelebile nei ricordi dei più anziani e che è stato ben interiorizzato dai posteri. Le celebrazioni, come sempre patrocinate dall’amministrazione comunale, inizieranno già a partire dal 18 aprile con la presentazione di un’importante testimonianza sulla resistenza in Garfagnana. L’evento si terrà alla biblioteca comunale Fratelli Rosselli in collaborazione con Tra le Righe Libri, e si tratterà della presentazione del libro “Iena. Diario di un partigiano dietro la Linea Gotica in Garfagnana” di Giuseppe Lazzarini; durante l’incontro sarà trattata anche la storia della Resistenza in Garfagnana. Venerdì 24 aprile alle ore 11 si terrà invece una conferenza all’aula magna degli istituti superiori di Barga durante la quale interverranno Marco Bonini, sindaco di Barga,…

- di Ivano Stefani

I rastrellati raccontano 2: Franco Nutini

(la foto di Castelnuovo Garf.: panorama ponti Santa Lucia èdistrutti dai bombardamenti è di proprietà di Pierfrancesco Cavani) Da Il Giornale di Barga n. 185 del 23 agosto 1964 Il primo a fuggire: Franco Nutini Fin dal primo momento in cui i tedeschi mi agguantarono al Giardino in casa degli amici Pietro, Adolfo, Vittorio Turri ove pochi istanti prima mi ero rifugiato con la speranza di nascondermi, pensai a come scappare. Sapevo per esperienza recente quanto fosse difficile una fuga del genere affidandomi alle mie sole forze, perciò pensai di cercarmi un compagno che come me fosse disposto ad affrontare qualsiasi avventura. Era in gioco la pelle, bisognava essere pronti a tutto. Sotto il cedro, sul Bastione, col pugile Enrico Bertola di Carrara, un giovane al quale non mancava la forza né il coraggio, ci mettemmo d’accordo più che a parole con gli sguardi. Al momento della partenza manovrammo in maniera di salire per gli ultimi sul camion di coda…

- 1 di redazione

Barga sulla linea Gotica: il diario della guerra a Barga

27 dicembre 1944: “Barga è un deserto; mi risulta che pattuglie tedesche sono a Porta Reale, al Giardino e nei Viali attigui; truppe incolonnate marciano verso Fornaci. Una densa colonna di fumo si eleva dai magazzini Nardini sul Fosso; sono botti di nafta che bruciano. Suppongo che ugual sorte stia toccando ai cereali e alla farina. Cannonate e mitragliate si sentono verso Loppia e Fornaci” 27 dicembre 1944: L’ invasione (via del Pretorio in centro storico distrutta dai bombardamenti) La nottata è stata pessima. Alle 6 del mattino di mercoledì 27 i tiri tedeschi rinforzano notevolmente. Alle 6,30 si ha una sosta. Quindi una ripresa, ma in grande stile. Atroce! Più che una grandine di proiettili era un annaffiamento. Da tutto il semicerchio montano si centrava la disgraziatissima Barga. Saprò poi da un testimone della Pieve Fosciana che dalle batterie postate in quei dintorni si sparava come si suonasse un organo! E lì erano tutti pezzi di grosso calibro. Questo…

- di Redazione

Il ‘tragico Natale Barghigiano’ ricordato con un concerto della Pace. Prossimo appuntamento a Sommocolonia

Si è conclusa con un concerto gospel la giornata – quella del 13 dicembre scorso – che l’amministrazione comunale ha voluto dedicare al settantesimo anniversario del “tragico Natale Barghigiano”, quando cioè, durante la seconda guerra mondiale, il conflitto tra le forze dell’Asse e gli Alleati presenti nella nostra terra si inasprì tanto da sfociare nella battaglia di Sommocolonia e in un sistematico bombardamento del capoluogo e di alcune frazioni. Il genere gospel è stato scelto in virtù del fatto che al tempo era presente a Barga e Sommocolonia la 92° divisione Buffalo, composta da soli soldati di colore, i quali sicuramente intonarono gospel e spiritual per festeggiare il Natale. Un tipo di canto, così diverso dai nostri tradizionali, che è rimasto in mente a chi lo udì, tanto che tra le molte testimonianze tramandate c’è anche questa. A interpretare i canti, presso il teatro dei Differenti, il Voices of Heaven Gospel Choir di Pisa, che ha proposto canti “traditional” e…

- di MeCap

Natale 1944 – Natale 2014: Barga ricorda il 70° della guerra

È stata inaugurata questa mattina la mostra che sancisce il secondo momento di celebrazione e ricordo del passaggio della guerra a Barga, di cui quest’anno ricorre il settantesimo anniversario. Era infatti il 1944 quando, a partire dal mese di ottobre il nostro territorio venne a trovarsi al centro del fronte, con Alleati e Tedeschi che si fronteggiavano per la posizione. Il tutto culminò poi nella tragica battaglia di Sommocolonia, uno scontro a viso aperto delle due formazioni che coinvolse anche i civili. Perché questa memoria, ancora viva, non sbiadisca con il passare del tempo, il comune di Barga ed un apposito gruppo di lavoro ha creato un secondo momento (il primo fu ad ottobre, anniversario dell’arrivo dei Brasiliani in sostituzione del dominio nazifascista) per rinnovare nella comunità la consapevolezza di un altro importante passaggio della nostra storia. Il “tragico Natale barghigiano” del 1944, quando l’offensiva tedesca scosse – nei giorni maggiormente improntati alla pace – tutto il territorio causando morti…

- di Redazione

Il Settantesimo: impressioni e ricordi

Pubblichiamo la versione integrale dei ricordi della popolazione apparsi sul numero di dicembre del giornale Il Settantesimo: Quando arrivarono gli Alleati abitavo al Frascone e avevo 13 anni, erano gli ultimi giorni di settembre del 1944. I primi ad arrivare furono i brasiliani i quali raggiunsero S. Pietro in Campo e si spinsero fino a Sommocolonia. Allora i tedeschi cominciarono a sparare cannonate su Mologno, sul Frascone e su Fornaci. La famiglia Cavani abitava dove ora c’è il parcheggio dei pullman. Alle prime cannonate i Cavani lasciarono la casa per andare nella stalla del Colletto dove era stato preparato un rifugio fra due muri facendo un’apertura nel muro esterno. Purtroppo da Monteperpoli li videro entrare nella stalla e immediatamente spararono cannonate sulla capanna, certamente di grosso calibro perché i proiettili perforarono il tetto e il pavimento della capanna e raggiunsero la stalla uccidendo tre persone e ferendone altre che non avevano fatto in tempo a rifugiarsi fra i due muri.…

- di Ivano Stefani

Il “Temporale d’inverno” del Natale 1944 visto dal fronte di Fosciandora di Ivano Stefani

Il fronte di guerra che interessava il Comune di Fosciandora, passando per il crinale di Lama, andava dal Ponte di Campia fino all’Uccelliera e quasi sembrava scorresse lungo il confine naturale con quello di Barga. Il piccolo borgo di Treppignana era praticamente in prima linea (alla fine della guerra se ne vedranno le terribili conseguenze). Già alcuni giorni prima di quel Natale 1944 nei paesi fosciandorini, inaspettatamente, comparvero numerosi soldati nazi-fascisti. Quei militari, senza tante storie, irruppero nelle abitazioni ancora non occupate da soldati e vi si acquartierarono. All’approssimarsi del Natale ne giunsero parecchi altri: in una delle case di Ceserana ne alloggiarono, turbando la famiglia che lì viveva, ben diciotto; un movimento importante di truppe, spintesi fin lassù da La Villa, avvenne nella zona delle Prade Garfagnine; nel paese di Riana, tanto che “neanche un chicco di grano” sarebbe caduto a terra (ricordo di un residente), la vigilia fu alquanto movimentata; anche dalla frazione di Lupinaia, insieme a muli…

- di Sara Moscardini

12 ottobre – 31 dicembre 1944: gli eventi della guerra a Barga

Qui potete trovare la versione integrale del timeline pubblicato sul secondo numero del giornale Il Settantesimo: Ottobre, 12: Una trentina di brasiliani (“educati e silenziosi”) si acquartierano presso la canonica, avvisando mons. Lombardi che “la notte non sarà tranquilla”. Con queste parole annunciano uno dei primi bombardamenti e cannoneggiamenti che flagelleranno quasi quotidianamente il territorio di Barga nei mesi successivi; nel capoluogo e nelle frazioni saranno sempre più devastanti i danni agli edifici, alle chiese, alle abitazioni, mentre il numero delle vittime si accresce di giorno in giorno. Ottobre: Bombardamenti, sia americani che tedeschi, si hanno nei giorni 14, 15, 16, 17, 18, 20, 25, 26, 27, 29, 30, 31. Ottobre, 15: Si sospendono le funzioni religiose in Duomo, considerato troppo esposto. I brasiliani sono attestati lungo la linea Arsenale – Corsonna – Riovillese – Sommocolonia. Ottobre, 18-20: I tedeschi ordinano lo sfollamento di Castelvecchio. Castelvecchio, Caproni e Albiano rimangono per lunghi mesi terra di nessuno: “per lì convenivano pattuglie…