Ambiente

- di Emilio Bertoncini

La natura sincera dell’ospitalità

E’ successo lo scorso 12 luglio, ma quasi non importa dato che quanto accaduto ha il sapore delle cose senza tempo. Si chiama “ospitalità” ed è un concetto difficile da spiegare ma capace di riempire il cuore. “Ospitalità” è ciò che è successo ad un gruppo di sognatori che da qualche anno si affanna sotto il nome di “AT&NA – associazione territorio e natura“. Un affanno che vuole riportare le persone al centro dell’attenzione, che vuole ricollocare uomini e donne nel territorio in cui vivono, che cerca di ricollegare l’uomo alla natura. In questi mesi tutto questo si sintetizza in un progetto dal titolo forse un po’ troppo lungo ma che spiega bene il tentativo: “Memoria e paesaggio dell’area lucchese – dal collasso al recupero dei valori identitari legati al paesaggio”. Ebbene uno dei capitoli di questo progetto riguarda l’esplorazione delle memoria dei testimoni dei luoghi e del tempo che si è svolto nella forma di una serata a veglia,…

- Commenti disabilitati su Rifiuti, da oggi a disposizione dei cittadini l’Ecocentro di S. Pietro in Campo di Maria Elena Caproni

Rifiuti, da oggi a disposizione dei cittadini l’Ecocentro di S. Pietro in Campo

Con questa mattina, un altro degli impegni del comune di Barga verso l’ambiente è giunto a compimento. Si tratta dell’apertura al pubblico dell’Ecocentro di San Pietro in campo, sede operativa dell’ATI Sistema Ambiente – Valfreddana Recuperi (attuale gestore della raccolta dei rifiuti) e da oggi anche spazio dove i cittadini potranno conferire autonomamente i più svariati materiali. Dopo l’implementazione della raccolta differenziata estendendo e potenziando il servizio porta a porta, infatti, l’altro progetto per il quale Barga si era impegnata era quello di creare stazioni ecologiche (o ecocentri che dir si voglia) dove poter smaltire anche oli esausti, elettrodomestici, inerti, legno, materiali ingombranti e quant’altro, sensibilizzando così la popolazione a disfarsi di questi materiali in modo corretto non abbandonandoli o mescolandoli con altre cose riciclabili. Ecco così che presso il capannone sito in località Stefanetti a San Pietro in Campo (0583 724428) sono stati allestiti appositi contenitori distinti dove le utenze domestiche potranno conferire rifiuti ingombranti, Raee (rifiuti da apparecchi…

- di Redazione

Rifiuti, si inaugura la stazione ecologica di San Pietro in Campo

Nuovo step domattina per quanto riguarda l’intensificazione della raccolta differenziata dei rifiuti nel comune di Barga. Dopo l’estensione ed il miglioramento del servizio raccolta porta a porta, con il passaggio al gestore dei rifiuti nuovo (ATI Sistema Ambiente – Valfreddana Recuperi), domani alle 11 ci sarà l’apertura ufficiale a San Pietro in Campo, in loc. Stefanetti, della stazione ecologica di Barga. La stazione sarà attiva tutti i giorni feriali e, previa comunicazione telefonica Informazioni allo 0583724428), qui i cittadini potranno autonomamente conferire tutti i tipi di rifiuti. Dalla plastica al vetro, dagli olii esausti a piccole quantità di materiali inerti, dai rifiuti ingombranti alle pile. Insomma proprio tutto. In realtà il servizio è già attivo da settimane – commenta l’assessore all’ambiente Giorgio Salvateci – ma da domani sarà tutto ufficiale ed operativo. Si tratta di un servizio in più a tutta la popolazione che così avrà un nuovo punto di riferimento per provvedere alla differenziazione dei rifiuti in modo adeguato…

- di Maria Elena Caproni

Dal Silenzio degli innocenti a Menchi, ecco a voi la Sfinge testa di morto

Dicono che porti sfortuna, disgrazie e morte e – suo malgrado – è stata utilizzata da scrittori e registi per tirare in ballo il mondo del soprannaturale, del mistero, della follia. Protagonista di questa vasta e tetra cultura popolare è la Sfinge testa di morto, una grossa falena la cui caratteristica principale è quella di avere sulla schiena una macchia chiara che ricorda la forma di un teschio. Una caratteristica che la rende particolare, immediatamente riconoscibile e un poco sinistra, ecco perché è associata agli aspetti negativi che citavamo all’inizio. Speriamo non sia davvero così, dato che abbiamo prova che almeno un esemplare di Acherontia Atropos è stato avvistato (e fotografato) dalle nostre parti, per la precisione nella zona di Menchi a Filecchio. La segnalazione ci viene dall’amico e collaboratore Vincenzo Passini che, con amici e parenti a godersi il fresco del giardino, domenica scorsa ha avuto il piacere e l’onore (speriamo non la sfortuna, in barba alle superstizioni) di…

- di Silvia Petruzzelli

La Cucina della Salute

Cibarsi per prendersi cura di se stessi. “Curare” la nostra alimentazione è la base per conservare Salute e Benessere.La Salute secondo IppocrateCos’è la salute? La risposta più semplice è definire la salute come “assenza di malattia”. Il rischio, o l’eccesso, della medicina moderna è quello di trasformare la medicina scienza della salute a scienza della malattia, discostandosi dagli insegnamenti del grande Ippocrate, padre del Medicina.Già 2500 anni fa, Ippocrate definiva la salute in termini di armonia e malattia è il risultato di un “disordine della natura” che determina la perdita di questa armonia. E’ dovuta ad una causa, derivante da un errore che l’individuo compie nel momento in cui va contro le leggi della propria natura, la malattia è una perdita di armonia. Ancora prima di Ippocrate, il Neijing, l’antico trattato di Medicina Ciense, sosteneva l’importanza di assumersi la responsabilità della propria salute, attraverso la cura di se stessi fisicamente, mentalmente, emotivamente, spiritualmente. “L’uomo, dunque, deve cercare l’equilibrio. L’alimentazione è…

- di Redazione

Corso di biodanza

Vuoi aumentare la resistenza allo stress, migliorare il tuo rapporto con gli altri, elevare il tuo grado di salute e stimolare la tua creatività artistica ed esistenziale?La BIODANZA o DANZA DELLA VITA ti permette tutto questo.Attraverso esercizi che uniscono musica-movimento-incontro la Biodanza migliora la capacità di dare e ricevere affetto, favorendo la relazione con gli altri. Aumenta l’energia vitale e la coordinazione. Incrementa la stima di sé.Ogni sessione dura circa due ore.Biodanza è per tutte le età, uomini e donne.Non è necessario saper danzare, è sufficiente sentire il desiderio di muoversi.Attraverso la musica e gli orientamenti del conduttore ciascuno trova il suo proprio movimento entrando in connessione con se stesso, con gli altri e con l’ambiente che lo circonda.Biodanza produce i suoi effetti benefici attraverso la frequenza settimanale.I corsi si tengono ogni mercoledì dalle 18 alle 20 al Centro Diurno in via dell’Asilo 1 a Fornaci di Barga (LU). Sono condotti da Laura Del Conte seguendo il metodo Rolando Toro,…

- di Silvia Petruzzelli

Mal di gola? dalla Natura un rimedio … “Essenziale”

Il Mal di Gola, molto comune nella stagione fredda, è una malattia infiammatoria dell’apparato respiratorio, causato, generalmente, da agenti esterni quali virus o batteri, aria troppo secca o troppo umida, variazioni repentine della temperatura e cibi o bevande troppo calde.Dalla Natura ci viene un rimedio dalle formidabili capacità antisettiche ad ampio spettro (antibatteriche, antimicotiche, antivirali), che svolge oltretutto un’azioneimmunostimolante (promuovendo la funzione delle cellule di difesa dell’organismo) e antinfiammatoria.Si tratta dell’Olio Essenziale di Tea Tree o “albero del tè” (nome botanico: Malaleuca Alternifolia), pianta originaria dell’Australia. In realtà il Tea Tree non ha niente a che vedere con la pianta del tè: il nome gli fu attribuito dal capitano James Cook che, sbarcato in Australia, conobbe questa pianta dalle foglie aromatiche con le quali si poteva preparare un ottimo tè speziato. Ma cosa sono gli Olii Essenziali? Gli olii essenziali sono miscele di sostanze odorose prodotte “naturalmente” dalle piante (raccolte sotto forma di gocce). La loro particolarità è quella di…

- di Silvia Petruzzelli

Elisir di Lunga Vita? Respira…

Fin dalla nascita noi respiriamo: è la prima cosa che si fa quando si viene al mondo. Non possiamo decidere di non respirare: è istintivo. In tutte le culture, il respiro è legato al concetto di vita e l’assenza di esso corrisponde all’idea di morte. La respirazione è ciclica: si alternano la fase di inspirazione e quella di espirazione. E’ attraverso questi due atti che possono avvenire le fasi funzionali del polmone. Inspirando, prendiamo ciò che serve, l’ossigeno, che sarà distribuito dal sangue a tutti i tessuti del corpo. Espirando, eliminiamo ciò che non serve, l’anidride carbonica. Il respiro ci nutre e ci rigenera.Diversi fattori possono incidere sulla qualità del nostro respiro, anche negativamente. Ansia e stress accentuano la fase inspiratoria, determinando un aumento della frequenza cardiaca, della pressione arteriosa e della frequenza respiratoria. Per le culture orientali (Medicina Tradizionale Cinese, Medicina Tradizionale Indiana) il respiro ha un’importanza fondamentale per il raggiungimento di un benessere olistico (corpo, mente e spirito).Attraverso…

- di Silvia Petruzzelli

Il Massaggio Psicosomatico: “Tocco di Vita”

Il Massaggio come tocco di Benessere, di nutrimento di Vita … un massaggio secondo la concezione psicosomatica significa favorire sensazioni diverse e nuove forme di consapevolezza di se stessi. Cos’è il Massaggio?La parola massaggio deriva da un termine greco che significa impastare … una forma primordiale di trattamento dei cibi. E’ una tecnica che utilizza la mano (uno degli strumenti più antichi dell’uomo!) ed è fondamentale per il benessere e l’equilibrio psicofisico dell’essere umano.Il protagonista principale è l’organo del tatto: la pelle (… primo senso a svilupparsi nell’embrione umano). Ed è proprio questo senso che ci permette di stabilire un con-tatto con l’ambiente circostante e di porci in relazione con gli altri.Il tocco è la prima esperienza sensoriale dell’individuo: non dimentichiamo che la prima forma di massaggio è … la carezza … nutrimento fondamentale sin dai primi mesi di vita (o forse anche prima!). E’ proprio attraverso il contatto diretto con la pelle materna, grazie alle carezze e ai massaggi…

- di Silvia Petruzzelli

Il Cuore: “Il Signore dell’Infinito”

Il Cuore è il “Signore” che ci dà la Vita. Trasporta le nostre emozioni ed è la sede della nostra intelligenza, della nostra capacità di percepire … del nostro Infinito.Il circuito infinito del CuoreSu antichi testi di Medicina Tradizionale Cinese si legge “Il Cuore ha la carica di Signore e di Maestro, emana lo splendore degli spiriti”.Il Cuore è posto al centro di un circuito a forma di 8, un numero che, dal punto di vista simbolico, ha una valenza Infinita. Già … provate a rovesciare l’8 … avrete ∞, ovvero …Il Cuore è diviso in due metà: una parte destra che spinge il sangue proveniente dal corpo nella circolazione polmonare (piccola circolazione) euna parte sinistra che spinge il sangue proveniente dai polmoni nella circolazione generale (grande circolazione).Ovvero la parte sinistra spinge il sangue arterioso che permette la vita, fornendo ossigeno e nutrimento a tutti i distretti corporei. E, all’interno di questo circuito Infinito, il sangue venoso (ricco di anidride…

- Commenti disabilitati su – di Redazione