Ambiente

- di Redazione

Prova

Watch live video from giornaledibarga on www.justin.tv

- di Redazione

Presentato Progetto Meteo Barga: previsioni su misura per la nostra zona

Si è svolta questa mattina presso la Sala Consiliare di Palazzo Pancrazi a Barga la presentazione delle nuove mappe di previsione probabilista legate alle condizioni meteorologiche sul nostro territorio.L’ambizioso progetto, introdotto dalle parole del Sindaco Marco Bonini che sin da subito ha manifestato ampia disponibilità per la sua realizzazione, è stato sviluppato dal meteorologo del Giornale di Barga David Sesto in collaborazione con l’Amministrazione Comunale avvalendosi dell’apporto tecnico fornito da Centrometeo.“Progetto Meteo Barga”, in sostanza, va a fornire una serie di parametri, ben 38, utili ai fini dell’elaborazione di una previsione del tempo che farà su Garfagnana, Mediavalle fino alla piana di Lucca, il tutto prendendo come punto di riferimento proprio la cittadina di Barga. Il modello, come ha illustrato David Sesto, appassionato meteo che cura l’apposita sezione sul nostro giornale online, utilizzando i dati provenienti dal centro di calcolo statunitense gestito dal NOAA (agenzia federale americana che dipende dal Governo degli Stati Uniti), viene implementato e corretto da tutta…

- di Redazione

Un progetto meteo dedicato alle previsioni su Barga. Sabato 29 la presentazione in Comune

Nella nostra memoria è ben vivo il ricordo del difficile inverno che abbiamo trascorso, una stagione caratterizzata da una piovosità inusuale e decisamente superiore alle medie del periodo e che, purtroppo, ha determinato ingenti danni e grandi disagi a tutta la popolazione e ci siamo chiesti cosa potessimo fare, in ambito di previsione di un evento meteo, per poter avere un ulteriore segnale di allerta da affiancare a quelle che, è sempre bene ricordarlo, sono le criticità evidenziate dalla Protezione Civile Nazionale, unico ente autorizzato a lanciare allerte per un determinato territorio.Dopo mesi di lavoro, e grazie alla collaborazione di Centrometeo.com, piattaforma on line che fornisce anche le mappe di previsione nazionali utilizzate dal Cap. Paolo Sottocorona nella rubrica meteo su “La7”, siamo orgogliosi di annunciare di aver realizzato un modello fisico-matematico di previsione incentrato su Barga con risoluzione di 4km e che in gergo si chiama WRF (weather research and forecasting model). Il progetto verrà presentato sabato mattina, 29…

- di Redazione

Alla scoperta del paese fantasma di Bacchionero, tra Barga e Coreglia

L’associazione di guide ambientali escursionistiche Officina Natura organizza per domenica 16 marzo un’escursione a Bacchionero (970 mslm), paese fantasma alle pendici del monte Giovo, al confine tra i comuni di Barga e di Coreglia. Bacchionero è un villaggio abbandonato che si trova nel cuore della montagna tra i comuni di Barga e Coreglia; in antichità spartiacque dell’ antico confine tra lo stato Fiorentino e quello Lucchese. Un tempo faceva parte del territorio del comune di Barga e da anni è disabitato anche se mai dimenticato dalla popolazione di questa zona. Ad oggi del paese restano soltanto pochi ruderi e una manciata di rovine sommerse dal verde dei boschi.Durante l’escursione si comprenderà come vivevano le popolazioni in montagna, i loro usi e le loro tradizioni, cosa è cambiato e cosa ancora è rimasto invariato. Ritrovo ore 8 presso il parcheggio di fronte all’Esselunga di San Concordio (LU). Per info e costi: Federica 3387901829 o scrivi a fe.pisani73@gmail.com

- di Redazione

Contenitori maxi a disposizione della popolazione per la raccolta del rifiuto verde

L’Amministrazione Comunale e la Società che opera sul territorio per la raccolta e smaltimento rifiuti (ATI Valfreddana Recuperi/Sistema Ambiente) informano che saranno disponibili per le utenze domestiche dei contenitori da 360 litri carrellati destinati alla raccolta del verde, forniti gratuitamente dalla società titolare del servizio. I nuovi contenitori saranno a disposizione di quanti hanno necessità di smaltire quantità significative di verde, permettendo una migliore raccolta del materiale. Per quanti invece hanno piccole quantità di verde, questi potranno continuare a esporre i sacchi nelle stesse modalità effettuate fino ad ora.Le richieste dei nuovi contenitori dovranno essere inviate al numero di fax 0583724428 oppure alla e-mail erica.r@valfreddanarecuperi.com specificando con chiarezza il nome e cognome del richiedente, indirizzo e numero telefonico di contatto. Per ulteriori informazioni contattare il numero verde 800300644

- di Redazione

Regolare meglio il ricorso a impianti a biomasse. SEL chiede alla provincia di discutere la propria mozione

Bisogna regolare maggiormente il ricorso alle energie dagli impianti a biomasse. Lo chiede a gran voce la federazione lucchese di Sinistra Ecologia e Libertà, che in particolare si rivolge all’Amministrazione Provinciale chiedendo che in consiglio provinciale venga finalmente discussa una mozione presentata a settembre scorso ed ancora inspiegabilmente inascoltata.camotage di vario genere”. “Il nostro partito da tempo chiede che sia regolato il ricorso alle energie da impianti a biomasse che stanno proliferando senza una programmazione che garantisca la salute dei cittadini e il rispetto dell’ambiente – scrive SEL – Non siamo ideologicamente contrari a tali tecnologie se utilizzate in territori non urbanizzati in sostituzione di fonti fossili più inquinanti o di difficile trasporto (cherosene, gpl, metano). Ma riteniamo sbagliato non porre un freno ai grandi impianti posti nei pressi dei centri abitati, spesso fatti solo per riscuotere gli incentivi statali.Per questo il nostro gruppo consiliare in provincia, a settembre scorso, ha presentato una mozione che prescrive la VIA – Valutazione…

- di Redazione

Legambiente presenta i numeri di Ecosistema Scuola, il rapporto annuale sulla qualità dell’edilizia e i servizi scolastici

I comuni toscani che rispondono al questionario di Ecosistema Scuola entrando in graduatoria sono Prato 2º a livello nazionale e prima a livello regionale, Siena (16º), Firenze (25º) e Livorno (28º), Arezzo (36°), Pistoia (38º), oltre Pisa (56º), Grosseto (62º), Lucca (71°). Firenze seconda in Italia nella classifica fra le grandi città. È questa la fotografia scattata da Ecosistema Scuola 2013, il rapporto di Legambiente sulla qualità dell’edilizia scolastica, delle strutture e dei servizi. Le pagelle dell’indagine di Legambiente promuovono alivello nazionale come esperienza modello ed esempio di un’edilizia sicura e sostenibile Prato che, salita di due posizioni rispetto al 2012, si colloca al secondo posto della top ten per qualità di edilizia scolastica. Il comune toscano con le scuole migliori per sicurezza degli immobili e qualità dei servizi offerti agli studenti si posiziona al primo posto con (134,5 punti) anche nella graduatoria delle buone pratiche. Si distingue anche per l’installazione di impianti di energia rinnovabile in 47 edifici sui…

- di Redazione

ENEL: nel 2013 altri 6,5 MW di rinnovabili in più per il fabbisogno elettrico provinciale

Nel 2013 la provincia di Lucca si conferma una delle aree più virtuose in materia di rinnovabili: il territorio provinciale, infatti, si è arricchito di 802 impianti da fonte rinnovabile per un totale di 6,5 MW in più di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili, dal fotovoltaico all’eolico, dalle biomasse all’idroelettrico fino al geotermico di piccola taglia. A dirlo sono i dati delle connessioni alla rete elettrica che “Enel Infrastrutture e Reti Toscana” ha effettuato nell’anno appena concluso: complessivamente, a livello regionale, la Toscana si è arricchita di 74,5 MW di rinnovabili con 5.915 nuovi impianti allacciati alla rete regionale. Si tratta per la maggior parte di centrali di piccola taglia, dai 3 ai 20 kw, la cui quantità è pari a circa il 95% del totale delle attivazioni, ma non mancano impianti di potenza superiore da 1 MW fino a un massimo di 10,5 MW, corrispondenti al 5% come numero di allacci ma al 61% quanto a potenza installata.…

- di Redazione

Una grande luce in cielo sopra le Apuane. Tanti gli avvistamenti da Barga

Che cosa era quella luce intensa che ieri sera si è potuto ammirare dopo il tramonto da Barga, ben stagliata sul cielo sopra le Apuane?Impossibile dirlo con certezza, ma solo azzardare ipotesi da poveri profani.Dopo il tramonto in diversi anche a Barga hanno avvistato la luce, ben visibile, guardando dalla nostra cittadina , prima sopra il monte Palodina e poi più a destra sopra Trassilico. Una luce veramente intensa, ben maggiore di quella prodotta solitamente da una stella. Molto più intensa anche di quella prodotta da un satellite di passaggio che oltretutto si muove con maggiore velocità. In questo caso la luce si è spostata, calando poi dietro le Apuane, con maggiore lentezza. E’ stata visibile per circa un’ora, un’ora e mezza fino a poco dopo le 19.Per alcuni la spiegazione più plausibile è che si tratti di Venere che in effetti in dicembre brilla appena dopo il tramonto in direzione Ovest ed è particolarmente luminosa in questo periodo. Per…

- di Redazione

Tra vecchi e nuovi mestieri: l’uso della canapa come opportunità imprenditoriale

Le opportunità occupazionali e imprenditoriali derivanti dall’uso della cannabis sativa, ossia la canapa non psicotropa, cioè priva di THC. E’ questo il tema centrale dell’incontro “Le coltivazioni tradizionali tra vecchi e nuovi mestieri” in programma domani – giovedì 21 novembre – alle 16.00, al “Cantiere Giovani” sulla via del Brennero (civico n. 673) promosso dalla Provincia di Lucca nell’ambito del progetto #occUpi dell’Upi Toscana che vede la partecipazione in rete delle dieci Province toscane.L’iniziativa finanziata attraverso il bando “Azione Province Giovani” aprirà una riflessione sulle opportunità agricole e imprenditoriali di questo tipo di coltivazione la cui lavorazione, in passato, era diffusa non soltanto nei Paesi produttori (Cina, Corea, Ungheria, Romania, Polonia, oltre all’Italia e alla Francia). In Italia, in particolare, la canapa veniva utilizzata per realizzare tessuti più resistenti e cordame ed è legata all’espansione delle Repubbliche marinare. Ora si assiste ad una“riscoperta” di questa pianta della famiglia delle cannabacee per uso tessile, edile o per la produzione della carta.…

- di Redazione

230 diari per educare al rispetto dell’ambiente, grazie a Pinocchio

Un progetto dedicato alle classi terza, quarta e quinta delle scuole primarie di Barga, Fornaci e Filecchio per insegnare agli alunni a essere cittadini virtuosi. In tutto, verranno coinvolti circa 230 bambini. Il progetto, che si chiama “Pinocchio ripensa il mondo” è stato presentato a Palazzo Pancrazi dal sindaco, Marco Bonini, dall’assessore all’Ambiente, Giorgio Salvateci, dall’assessore alla Scuola, Renzo Pia, e dalla dirigente scolastica Patrizia Farsetti. Intervenuti anche Alessandro Bianchini di Valfreddana Recuperi e Simonetta Lanzarini, responsabile del progetto, della ditta Cosea Ambiente spa di Bologna. Quest’ultima infatti è la società che ha realizzato per il territorio su cui operala raccolta dei rifiuti, la montagna bolognese e pistoiese, il progetto; coinvolgendo anche la Fondazione Nazionale Carlo Collodi che sostiene l’iniziativa. Adesso l’iniziativa sbarca anchea Barga, grazie ad un accordo tra Cosea Ambiente e Valfreddana recuperi (che permetterà peraltro di realizzare l’iniziativa per qust’anno a costo 0). Nei prossimi giorni saranno distribuiti una serie di diari (circa 230: il primo, per…

- di Redazione

“Sui sentieri della distruzione”

Associazione Amici delle Alpi Apuane, No al Traforo della Tambura, Salviamo le Alpi Apuane, Rete Ambientale della Versilia, Massa Picta, Legambiente Massa Montignoso, WWF Lucca, Gruppo Indipiendentes Apuanos promuovono la seconda escursione “Sui sentieri della distruzione”, per continuare l’opera di sensibilizzazione e informazione sul disastro ambientale che sta distruggendo un’intera catena montuosa, le Apuane. Nello scorso giugno tutti coloro che sono impegnati nella difesa delle Apuane si erano incontrati al Passo della Focolaccia, il passo violato, emblema, come sostengono i sostenitori di questa battaglia, della volontà annientatrice dell’uomo e dell’inosservanza delle leggi. Adesso, il prossimo 17 novembre, attraverso facili sentieri, vecchie mulattiere, in un ambiente misto tra la macchia mediterranea ed il castagneto e ricco di segni dell’oomo primitivo, si potrà guardare da vicino lo scempio provocato dall’attività estrattiva delle cave. Itinerario ad anello con partenza da Basati (400m) – Ponte sul Canale del Giardino (430m) – Ponte della Zingola (198m) – Basati. Tempo di percorrenza ore 3.30, dislivello m.…