Economia & Commercio

- di Redazione

Ancora più bello il negozio Il Melograno di Melissa

FORNACI DI BARGA – Tra le ancora troppe notizie negative che riguardano il nostro commercio, è quanto mai significativo registrare invece le novità che arrivano dal nostro tessuto commerciale; da chi si impegna rilanciando sul futuro della propria attività. E’ il caso di Melissa Pardi e del suo negozio di abbigliamento di Fornaci, Il Melograno, che dal 10 novembre scorso ha aperto i battenti in più ampi locali di via della Repubblica 144 (dove fino a qualche tempo fa si trovava il Baloon express). Centro metri quadrati per questo locale che cresce dunque nelle dimensioni ed anche nella bellissima esposizione, tutta dedicata, peraltro con una scelta di capi di gran gusto che dimostrano quando Melissa se ne intenda i fatto di abbigliamento, al mondo al femminile. Capi dai prezzi accessibili, in grado di venire incontro alle esigenze di tutti; e tutti molto fashion, in grado di garantirvi di essere all’ultima moda in ogni dettaglio, dall’abbigliamento agli accessori. Un’altra scommessa vinta…

- di Redazione

Toscana, pastori sul piede di guerra

Sale la febbre nel comparto ovi-caprino toscano, già in sofferenza per il prezzo del latte in continuo calo e la situazione difficile per i continui attacchi dei predatori. Ultima tegola sul settore le disdette dei contratti di fornitura di latte che Alival e Granarolo stanno comunicando ai pastori in particolare di Grosseto, Siena e Pisa. Che la situazione del comparto non sia facile ne è testimonianza la chiusura ad inizio estate dello storico caseificio Ciolo di Castel del Piano che ha chiuso i battenti dopo quasi 35 anni di attività. Coldiretti Toscana davanti ad una situazione che può annunciarsi drammatica non ha esitato a prendere carta e penna e scrivere al presidente della giunta regionale Enrico Rossi e all’assessore all’agricoltura Marco Remaschi. “Riteniamo che se tale atteggiamento, che va ad aggiungersi ad una riduzione diffusa del prezzo, dovesse sostanziarsi – si legge nella missiva – il danno sui territori interessati sarebbe gravissimo sia in termini economici che occupazionali. Basta considerare…

- di Redazione

Raccolta delle castagne: annata record, anzi no

VALLE DEL SERCHIO – Durante la scorsa estate in più occasioni vi abbiamo parlato della straordinaria fruttificazione che stava maturando nel castagno. Si ipotizzava addirittura di una possibile annata record, poi, il prolungarsi dell’estate e la siccità hanno messo a dura prova l’ultima fase della maturazione dei frutti del castagno. Essendo quasi alla metà di novembre possiamo dire che è quasi completata la fase di raccolta delle castagne dedicate alla essiccazione dentro i metati per cui è anche il momento di fare il punto della situazione nella nostra provincia. Nonostante queste avversità però vogliamo ribadire che avremmo comunque una discreta farina di Castagne in Valle del Serchio, e sono tanti i metati accesi che in questo periodo stanno cullando quello che era detto il pane dei poveri. Vi ricordiamo che la procedura tradizionale per ottenere un’ottima farina di neccio prevede che le castagne rimangono ad essiccare al calore e al fumo prodotto dalla legna di castagno sopra i cannicci dei…

- di Redazione

Aperte le iscrizioni al bando Premiazione Fedeltà al Lavoro e Progresso Economico Anno 2018

LUCCA – Aperte le iscrizioni al bando Premiazione Fedeltà al Lavoro e Progresso Economico, indetto ogni anno dalla Camera di Commercio di Lucca, è rivolto ai lavoratori dipendenti nel settore privato, agli imprenditori, agli amministratori operanti in tutti i settori economici della provincia di Lucca. Il bando, che prevede l’assegnazione di 50 medaglie da parte della Giunta Camerale, è finalizzato a creare un incentivo alle attività economiche e a premiare l’impegno di imprese, siano esse individuali o società costituite in qualsiasi forma giuridica nonché consorzi o cooperative, imprenditori, amministratori e lavoratori della provincia operanti in tutti i settori economici. Possono concorrere all’assegnazione dei premi, per le rispettive categorie: i lavoratori dipendenti (o collocati in quiescenza successivamente al 31/12/2016) presso un’impresa avente la propria sede o unità operativa nella provincia di Lucca o presso un’associazione di categoria operante nella provincia di Lucca; se cittadini stranieri, devono essere altresì regolarmente soggiornanti in Italia gli imprenditori, gli amministratori operanti in un’impresa avente la…

- di Redazione

Torna il pesce fresco a tavola.  Sulla costa Toscana è terminato il fermo pesca

E’ durato per tutto il mese di ottobre il fermo biologico della pesca per le marinerie toscane che contano 580 imbarcazioni registrate. Un settore importante per la nostra regione con un pescato di 7400 tonnellate ed un fatturato di 50milioni di euro.  Finito il fermo pesca gli operatori della pesca professionale riprenderanno la via del mare con i loro pescherecci a Monte Argentario, Castiglion della Pescaia, Piombino, Livorno e Viareggio. In Italia più di 2 pesci su 3 consumati nei territori interessati dal blocco biologico vengono dall’estero. Per effettuare acquisti di qualità al giusto prezzo il consiglio di Coldiretti Impresapesca è dunque di verificare sul bancone l’etichetta, che per legge deve prevedere l’area di pesca (Gsa). Le provenienze sono quelle dalle Gsa 9 (Mar Ligure e Tirreno), 10 (Tirreno centro meridionale), 11 (mari di Sardegna), 16 (coste meridionali della Sicilia), 17 (Adriatico settentrionale), 18 (Adriatico meridionale), 19 (Jonio occidentale), oltre che dalle attigue 7 (Golfo del Leon), 8 (Corsica) e…

- di Redazione

A Ponte all’Ania se n’è andato un altro pezzo di storia degli ultimi 40 anni

A Ponte all’Ania ha chiuso i battenti il 28 ottobre scorso un locale pubblico che ha accompagnato la storia del paese. Dopo 39 anni e 10 mesi è cessata l’attività del Bar Ristorante di Vito Pieroni, gestito in società con la sorella Claudia, proprio all’ingresso del paese venendo da Fornaci, lungo via Nazionale. Ultimamente era un circolo, ma qui da sempre si è mangiato, anche la pizza; ed è stato innanzitutto anche un bar che ha vissuto la storia del paese di questo inizio secolo ed anche del secolo scorso. Il perché della chiusura è indubbiamente legato ad una crisi che da queste parti non ha certo mollato la presa, ma anche, come ci dice Claudia, alla vita di un paese, Ponte all’Ania, dove non c’è più niente; dove non ci sono occasioni per attirare la gente. Così la pensa Claudia, davvero molto addolorata per questa chiusura che è stata, ha aggiunto, inevitabile. “In questo momento non so che dire…

- di Redazione

Contro l’abbandono dei territori più fragili in arrivo 8,5 mln

CASTELNUOVO G. – Alla Fortezza di Mont’Alfonso l’assessore regionale all’agricoltura Marco Remaschi e il presidente dell’UC della Garfagnana Nicola Poli hanno sottoscritto il protocollo d’intesa per la l’attuazione della “Strategia d’area” Garfagnana-Lunigiana-Media valle del Serchio-Appennino pistoiese. Una firma per contrastare l’abbandono e avviare lo sviluppo di Garfagnana, Lunigiana, Mediavalle del Serchio, Appennino Pistoiese, grazie a un pacchetto di interventi per un totale di oltre 8,5 milioni di euro. Questo il senso del protocollo d’intesa sottoscritto oggi a Castelnuovo Garfagnana dal’assessore all’agricoltura Marco Remaschi e dal presidente dell’Unione dei Comuni Garfagnana Nicola Poli, capofila del progetto. L’intesa, propedeutica alla sottoscrizione di un Accordo di programma quadro, si colloca all’interno della strategia nazionale per le aree interne che ha visto nella firma dell’Accordo pilota per Casentino e Valtiberina, qualche mese fa, il primo passo di un disegno complessivo messo in campo dalla Regione per dare una risposta ai territori più fragili e periferici della Toscana. L’obiettivo delle azioni finanziate con la Strategia…

- di Redazione

Una vendemmia tardiva a 1000 metri in Alta Garfagnana

CAREGGINE – Il sogno è diventato realtà, solo 4 anni fa Marco, Gianluca e Andrea tre enologi amici e colleghi universitari versiliesi decisero di realizzare una produzione di uve in un luogo davvero speciale, Siamo in località “ le mesorette” alla Foce di Careggine, ovviamente nell’omonimo comune, esattamente a 1050 metri sul livello del mare. In questo luogo nessuno avrebbe mai pensato di realizzare una produzione vinicola. Ora, a soli 4 anni dal posizionamento dei 3500 vitigni di realsing e non senza emozione si è proceduto alla prima vendemmia. Adesso non resta altro che aspettare il risultato degli investimenti e della fatica e chissà, forse, dell’intuizione che potrebbe cambiare i connotati agricoli e il destino economico di questa parte dell’Alta Garfagnana nel cuore delle Alpi Apuane.

- di Redazione

Enel oltre 10 mila tecnici a lavoro in tutta Italia a seguito del maltempo

ROMA – L’intensificarsi della forte ondata di maltempo, che dalle prime ore di ieri mattina ha interessato tutta la penisola, ha provocato anche danni alle linee elettriche a causa della caduta di alberi ad alto fusto situati al di fuori della fascia di rispetto dagli elettrodotti, materiale divelto dalle intense raffiche di vento e allagamenti di cabine elettriche. Le regioni principalmente impattate sono Toscana (con particolare riferimento alle province di Massa Carrara, Livorno, Lucca, Siena e Grosseto), Lazio (province di Roma, Latina e Viterbo), Lombardia (province di Brescia e Bergamo), Veneto (province di Belluno, Treviso, Venezia e Vicenza), Friuli Venezia Giulia (provincia di Udine), Liguria (province di La Spezia e Genova) e Sardegna (province di Sassari e sud Sardegna). Il personale di E–Distribuzione, la società del Gruppo Enel che gestisce la rete elettrica di media e bassa tensione, ha operato e sta ancora operando per riparare le linee danneggiate. L’Azienda ha messo in campo oltre 10.000 persone tra risorse operative, tecnici e…

- di Redazione

Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca: nel 2019 contributi per 21 milioni di euro

LUCCA – E’ di 21 milioni di euro la somma che la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca destinerà agli interventi istituzionali 2019. Lo ha reso noto, nel corso di una conferenza stampa svoltasi questa mattina (26 ottobre) in San Micheletto, il Presidente Marcello Bertocchini, che ha illustrato il Documento programmatico-previsionale 2019, licenziato dall’assemblea dei soci – chiamata come da statuto ad esprimere un parere consultivo – e definitivamente approvato dall’Organo di Indirizzo. Presenti alla conferenza stampa, oltre a Bertocchini, la direttrice della Fondazione Maria Teresa Perelli e il Responsabile Progetti Massimo Marsili. Numerose le novità contenute nel Documento programmatico-previsionale 2019, nel quale si riscontrano soprattutto alcune precise impostazioni strategiche da parte nella Fondazione, in particolare nelle prassi di assegnazione dei contributi. “Il compito della Fondazione– spiega il presidente Marcello Bertocchini – è quello di saper intercettare le necessità del territorio, valutare le priorità, anche attraverso il confronto con gli enti locali e l’associazionismo, e tradurre queste analisi preliminari in…

- di Redazione

4 milioni dalla fondazione CRL per gli impianti sportivi sul triennio 2019-2021. 1 milione sul 2019

LUCCA  – È di 4 milioni l’importo stanziato nel triennio 2019-2021 dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca per la realizzazione di interventi di recupero e ristrutturazione di impianti sportivi nel territorio della provincia. Prima dell’apertura di un apposito bando (che nel 2019 metterà a disposizione 1 milione) la Fondazione sta inoltre conducendo un monitoraggio delle esigenze, sollecitando una manifestazione d’interesse da parte di enti pubblici e privati senza fini di lucro proprietari di impianti sportivi nel territorio della Provincia di Lucca o gestori, in virtù di contratti di lungo periodo che presentino i propri progetti di recupero e ristrutturazione previo accordo con i rispettivi enti proprietari. I soggetti interessati possono dunque inviare, debitamente compilati, i moduli disponibili sul sito www.fondazionecarilucca.it per presentare i progetti che, in seguito, potranno concorrere alle risorse stanziate dalla Fondazione nell’apposito bando. L’obiettivo della Fondazione, che si propone anche di affiancare i richiedenti nella ricerca di ulteriori forme di co-finanziamento, è di contribuire all’attivazione di…

- di Redazione

Quattro proposte di turismo sostenibile per i rilancio delle zone montane

Safari notturni, escursioni a dorso d’asino, raccolta di erbe, esperienze gastronomiche abbinate ad escursioni naturalistiche e negli allevamenti. Queste sono solo alcune delle proposte lanciate dagli operatori del settore turistico della Garfagnana, dell’Amiata e della Lunigiana nell’ambito del progetto ViviMed, volto a rivitalizzare i territori montani e dell’entroterra attraverso proposte culturali e turistiche innovative che sappiano coniugare la modernità con gli aspetti più tradizionali, promuovendo un turismo esperienziale e sostenibile. Grazie a questo progetto, che ha coinvolto oltre 300 tra stakeholders e PMI (124 in Amiata; 62 in Garfagnana; 71 in Lunigiana), si sono create delle reti di collaborazione spontanee che hanno portato alla nascita di idee innovative per il rilancio dell’esperienza turistica in zone con un grande potenziale ancora inespresso. E domani, venerdì 26 ottobre, nel Parco del Beigua a Sassello, in provincia di Savona, si parlerà proprio di questo, in occasione del terzo workshop interregionale che chiama a raccolta tutti i partner del progetto. L’incontro, a cui presenzieranno…