La pagina dei Lettori

- di Redazione

Rifiuti abbandonati

Altre segnalazioni di comportamenti incivili ed in particolari di abbandono di rifiuti, in alcuni casi anche assai eclatanti. Qui la colpa non è da attribuire di certo alle istituzioni, ma all’inciviltà dei singoli individui che se ne fregano del bene comune e dell’ambiente, pur di disfarsi dei propri rifiuti… anche se trattasi di un’auto intera abbandonata in mezzo ai rovi che ormai la stanno inglobando. Va detto che poi tutto questo, quando rimosso, solitamente ha anche un costo per la comunità e fortuna vuole che l’Amministrazione Comunale in questi anni si è impegnata a far rimuovere le discariche abusive segnalate senza aggravi di costi per i cittadini. Almeno quando è possibile. L’invito comunque e a tenere presente queste situazioni. Certo è che non si può continuare a fregarsene dell’ambiente in cui viviamo in questo modo e questa è una riflessione che dobbiamo fare tutti noi. I rifiuti segnalati si trovano in località Domenichetti (l’auto) e sotto uno ponte lungo la…

- di Redazione

Piante da potare

Grande lavorazione intorno alle piante in Barga, allora a questo proposito, allegata alla presente allego foto con segnalazione di piante da potare e abbassare all’inizio di Via Marconi. Da curare, potare e abbassare anche i tigli del Parco Kennedy. Già che si fa, se possibile, facciamolo anche qui. Grazie.       Giuseppe Luti

- di Redazione

Sulla giusta… Strata. Gli studenti dell’ISI Barga al cinema Roma per i cambiamenti climatici

Martedì 5 marzo presso il cinema Roma di Barga si è tenuto un incontro fra gli studenti dell’ISI di Barga e lo scrittore e studioso di problematiche ambientali Max Strata il quale ha efficacemente esposto il problema dell’aumento delle temperature nelle sue cause e in tutti i suoi risvolti. Nella sua esposizione Max Strata ha illustrato i vari aspetti del cambiamento climatico e si è soffermato in particolare sulle cause umane del riscaldamento globale: l’uso dei combustibili fossili per il sistema produttivo e per il settore dei trasporti, il disboscamento, l’allevamento industriale – che è responsabile del 25% delle emissioni di gas serra in atmosfera – e un sistema alimentare talmente globalizzato che un prodotto del supermercato mediamente percorre 1500 km prima di arrivare sullo scaffale. Dopo Max Strata è intervenuto anche Bruno Fracasso, studente di biologia all’Università di Pisa, il quale ha contribuito ad iniziare il movimento FFF – Fridayforfuture – di Pisa sull’onda dell’appello lanciato dalla giovane ragazza…

- 2 di Redazione

Barga mi ha reso felice

Nei giorni scorsi ha lasciato per sempre il centro storico un’attività che sicuramente ha rappresentato per tanti e tanti anni un angolo di grande artigianato e di design di arredamento all’interno di Barga Vecchia., Qualificandone di sicuro anche l’immagine. Ha chiuso i battenti L’alcova di Paolo Caravacci che prima di lasciare Barga ha però affisso alla vetrina dei locali che occupava in via di Borgo, una toccante lettera, omaggio a Barga. Piena di gratitudine e di affetto per la cittadina e la sua gente; ed anche momento di riflessione su quello che è stata Barga in questi anni ed anche su quello che è diventata; abbrutita anch’essa forse da una crisi economica che ha lasciato poco spazio alla bellezza ed alle cose positive anche da noi. Paolo se ne va, questo è quello che ci ha in particolare colpito, con tanta gratitudine nel cuore per la nostra cittadina e leggendo le sue parole ci dispiace ancor di più averlo perduto.…

- di Redazione

L’AS Barga chiede quando riprenderanno i lavori allo stadio

Perché i lavori sono fermi da settembre? Se lo chiede l’AS Barga che non riesce a capire il motivo per il quale si sono fermati i lavori in corso per l’adeguamento impiantistico ed il completamento di alcune strutture riguardanti lo stadio “Johnny Moscardini” di Barga. Un intervento da oltre 120 mila euro. Mentre allo stadio di Fornaci i lavori relativi alla recinzione sono terminati, allo stadio di Barga manca da completare l’intervento che è più sostanzioso e che riguarda anche la realizzazione di due nuove gradinate coperte, ciascuna di 100 posti, che devono essere realizzate con una speciale struttura  prefabbricata e non in muratura. La recinzione, fa sapere l’AS Barga, è stata ultimata, ma il cantiere rimane aperto in quanto ancora non è stata realizzata la gettata, sul lato opposto del campo sportivo rispetto a quello dove sorge la vecchia tribuna, dove poi dovranno essere innalzate le due tribune prefabbricate. Che cosa è successo e perché, nonostante le tante richieste,…

- di Redazione

L’ecologia al centro di ogni politica: il messaggio di Maurizio Pallante a Filecchio

Venerdì 1 febbraio, nonostante la pessima serata con allerta meteo, cento persone si sono ritrovate nella sala parrocchiale di Filecchio di Barga e partecipato ad un incontro con Maurizio Pallante sul tema della politica ecologica, dopo una buona cena vegetariana a base di polenta. Nato a Roma nel 1947, Pallante è piuttosto conosciuto in Italia per aver fondato, nel 2007, il Movimento della Decrescita Felice di cui è stato anche Presidente Onorario. Da questa carica si è poi dimesso per farsi promotore, nel novembre scorso, di un Appello mirante ad esplorare la possibilità della costituzione di un nuovo soggetto politico; un soggetto che non abbia la forma di partito ma che risponda alla necessità affrontare la crisi ecologica in atto attraverso l’uso di tecnologie miranti al risparmio di energia, materie prime, risorse, acqua in primis. L’idea di Pallante è quella di arrivare a reimpostare la politica economica industriale italiana in modo che l’attività economica non sia più finalizzata alla crescita della produzione ma alla…

- 5 di Redazione

Storia di una pietra e di un muro

C’era una pietra, una delle tante di un muro che da tanti anni protegge la strada che da Filecchio va a Tiglio.  Un giorno di due anni fa questa  pietra, cadde nella cunetta. Poveretta, si sentiva sola e smarrita. Allora un passante chiamò il Comune e  disse: “C’è una pietra caduta, potete rimetterla al suo posto?” Il Comune rispose: “ci pensiamo noi”. … però la pietra fu presa dalla cunetta è gettata nella selva…  In questi giorni,  dopo la pioggia, sono cadute due pietre nella cunetta  ed il muro si è molto indebolito… alla fine che succederà? succederà che alle prossime  piogge la cunetta ostruita, anche da foglie e altre pietre, riverserà l’acqua nella scarpata, che trascinerà terrà, ghiaia ed altre cose nella strada sottostante interrompendo il transito…i bambini non andranno a scuola… il Comune farà un intervento di somma urgenza…. Si chiederà una stanziamento alla Regione, la quale di rivolgerà a Bruxelles. Il tutto  per una povera è misera…

- di Redazione

I componenti del gruppo A.F.A. di Fornaci: “Siamo trattati come zerbini. Dateci un posto idoneo per le nostre attività”

Una lettera firmata da tante persone ed indirizzata al sindaco ed alla giunta comunale di Barga ed all’Azienda Sanitaria Locale. La scrivono i componenti del gruppo A.F.A. di Fornaci di Barga che chiedono un posto idoneo, dopo tanti peregrinare ed anche tanti disagi, per poter svolgere la loro attività A.F.A. vuol dire  Attività Fisica Adattata e sono attività accompagnate dagli istruttori delle palestre e associazioni sportive del territorio dell’Azienda USL. L’Attività Fisica Adattata, rivolta agli anziani ma frequentata in realtà dai 55 anni in su, è un programma di esercizio fisico, non sanitario, svolto in gruppo e indicato per cittadini con disabilità correlate a sindromi algiche da ipomobilità o a sindromi croniche stabilizzate. Ma questa attività viene utilizzata anche per altre patologie più gravi. “Siamo il gruppo AFA di Fornaci composto da circa una sessantina di persone, scrivono i firmatari della lettera – che vorrebbero fare la loro ginnastica in un posto idoneo, senza essere sbatacchiati da un posto all’altro…

- di Paola Marchi

Il problema del ponte Lombardini. “La strada sta sprofondando: occorre intervenire”

Scrivo queste parole sperando di arrivare al cuore di chi legge. Vivo a Barga dal 2009 e sono innamorata di questo luogo, ne apprezzo cose che forse sfuggono forse a chi qui ci vive da sempre, e cerco di trasmettere ciò che questo luogo mi regala ogni giorno. Ogni giorno ringrazio la bellezza che mi circonda e non la do per scontata, vivere nel bello infatti ha un suo peso, da non sottovalutare nel bilancio della qualità della vita. Sono quindi grata a questa terra, perché è fantastica e viva, anche se per coglierne l’essenza, bisogna applicare la tecnica dell’ascolto profondo. Premesso questo che ritengo doveroso, voglio proporre una riflessione, che tutto vuole essere fuorché polemica. Non ne voglio fare un discorso politico e ci tengo a sottolinearlo. Siamo, come paese, reduci da una catastrofe che ha smosso i nostri animi: il crollo del ponte di Genova. Non so voi, ma io da quella autostrada ci sono passata molte volte…

- di Redazione

Il ponte Lombardini, i rifiuti abbandonati sistematicamente ed il problema dei parcheggi

Allego foto fatte in questi giorni:  tubi staccati e a penzoloni dal ponte Lombardini e sacchetti del sudicio fuori in orario e giorno non dedicato alla raccolta dei rifiuti urbani come da calendario. A proposito del ponte, sarà anche tutto sotto controllo, ma forse un intervento per fermare meglio in qualche modo quei tubi a penzoloni andrebbe fatto. Le mattonelline rosse ormai si stanno staccando in buona parte, ce ne sono addirittura una quindicina che sono rigonfiate su due file di esse, che quando si passa si abbassano e spruzzano l’acqua che hanno accumulato sotto di loro e sono in procinto di staccarsi definitivamente. Possibile che nessuno di voi, addetti ai lavori, non si si mai accorto di niente, che nessuno sia mai passato sui marciapiedi del ponte? Poi quel buco accanto alla fontana ogni giorno cala di millimetri. Ma ci volete mettere mano? Spesso le persone inciampano su quelle “zanne” e rischiano seriamente di farsi del male. Specialmente le…

- di Redazione

Dalla scuola primaria di Filecchio un grosso grazie

Nel periodo antecedente il Natale la Scuola Primaria di Filecchio ha ottenuto due donazioni. Una prima fornitura, consistente in un impianto Minivolley e di 2 basket a colonna, ha integrato gli attrezzi sportivi della scuola ed è stata donata da Smurfit Kappa Italia S.P.A. La seconda fornitura, consistente in materiale didattico (pennelli, abaco, pallottoliere, giochi matematici, tamburelli, campanelli ecc.) è stata donata dal Consorzio Pluvioirriguo di Miglioramento Fondiario delle Piane di Filecchio e Coreglia Antelminelli. Per questa ragione la Dirigente Scolastica, a nome di tutti i docenti della Scuola,  ringrazia il dott. Listi Massimiliano (Smurfit Kappa Italia S.p.A.) e il presidente Mario Castelli (Consorzio Pluvioirriguo di Miglioramento Fondiario delle Piane di Filecchio e Coreglia Ant.lli) per la generosità dimostrata nei confronti della scuola. I materiali didattici e sportivi ricevuti permetteranno di migliorare la qualità dell’Offerta Formativa resa all’utenza. La Dirigente Scolastica Prof.ssa Patrizia Farsetti

- di Redazione

Un appello per il tetto della Pieve di Loppia

Cari amici, barghigiani e loppiesi all’estero, come sapete, nel patrimonio architettonico, artistico, affettivo del territorio da cui provenite, c’è un monumento dalla storia molto importante, la Pieve di Santa Maria Assunta in Loppia. Edificio religioso dalla vita millenaria, è madre naturale delle chiese della Valle del Serchio, in epoca medievale legate ad essa per ragioni spirituali e storiche. Il suo primato è incrementato da un ricchissimo patrimonio artistico e architettonico frutto di secoli di storia e di fede. Ma la Pieve di Loppia, ancora oggi aperta al culto, non è solo un edificio di muratura, ma soprattutto un luogo del cuore cui tante persone si sentono legate da ricordi personali, da aneddoti, da rapporti familiari e amicali. Questo luogo è stato per lunghi secoli il punto di riferimento dei nostri avi: per i momenti lieti e tristi della vita di ogni fedele, per i giorni di festa e i tempi di dolore della comunità, per importanti eventi storici e per…