Cronaca

- di Francesco Talini

Isi Garfagnana, conoscere per scegliere; per un approccio consapevole alla scuola superiore

Il  31 gennaio prossimo scadranno i termini per le iscrizioni alle scuole superiori per l’anno scolastico 2018/19. I ragazzi che frequentano la III media sono quindi chiamati a compiere un passaggio importante: per alcuni la scelta sembra sicura, per altri ancora incerta, per tutti questo deve essere un momento in cui chiedersi: “Perché scelgo questa scuola? Verso quale progetto può portare la mia scelta?” Ecco allora che cogliere le opportunità di visitare le scuole, partecipare agli stage organizzati con la finalità di informare e rendere i ragazzi consapevoli delle conoscenze e competenze che si acquisiscono attraverso i vari indirizzi scolastici, diventa fondamentale. Le scuole dell’ISI Garfagnana (liceo Scientifico Galilei, IPSIA Simoni, ITET Campedelli e ITT Vecchiacchi) offrono ai ragazzi vari percorsi formativi che dallo scorso anno hanno visto nascere con successo l’ indirizzo Sistema Moda – “Tessile, abbigliamento e moda” presso l’ITT Vecchiacchi e nuove curvature presso Liceo  (Biologico-sanitario), Geometri-CAT (Bioarchitetura e Domotica), Ragioneria (Marketing del territorio), IPSIA (Tecnico meccatronico…

- di Redazione

Casa dell’Agnese. Ecco l’ordinanza di demolizione. Lavori entro la fine dell’anno.

Nuovi sviluppi nella vicenda della cosiddetta “Casa dell’Agnese” in pieno centro a Barga, nei pressi delle scuole elementari in via Roma. La casa, fatiscente da anni, tanto da imporre al comune di transennare anche parte del marciapiede per la pubblica incolumità, sarà abbattuta, come già annunciato, entro la fine dell’anno. La giunta municipale ha approvato in questi giorni l’ordinanza di demolizione del fabbricato pericolante. Come si sa la vicenda è di lunga data; da tempo il comune ha cercato di trovare gli eredi che nel corso degli anni si sono dispersi in tutto il mondo affinché intervenissero sull’immobile disabitato da 20 anni. La casa, costruita da Antonio Gonnella nel 1896, la prima casa realizzata nel Piangrande, risulta ancora intestata al catasto a diversi eredi della famiglia Gonnella che sono tutti deceduti. Il Comune è riuscito poi a reperire i nominativi di due eredi della famiglia stessa, residenti negli Stati Uniti ai quali si è così potuto notificare l’ordinanza ed è…

- di Redazione

Gassificatore, il comune presenta ricorso al Presidente della Repubblica contro la Regione Toscana

Continua la battaglia del comune di Barga contro l’eventuale realizzazione di un gassificatore costruito da KME a Fornaci di Barga. Battaglia che ora si estende anche alla giunta regionale chiamata in causa in un ricorso che verrà presentato alla Presidenza della Repubblica. Una vera e propria piccola bomba quella che ieri sera brevemente è stata annunciata ai consiglieri comunali dal sindaco Marco Bonini, nelle comunicazioni finali. C’era tempo fino a giovedì scorso per espletare la pratica del ricorso ed il comune, dopo attenta valutazione con i propri tecnici e legali, ha deciso di procedere. Come ha spiegato, spingere il tal senso la giunta municipale, i molti riferimenti a questo accordo che si ritrovano nella domanda di approvazione del progetto di KME presentata in Regione nei giorni scorsi. In data 14 novembre la giunta ha così comunale ha approvato una delibera  per la presentazione di un ricorso avverso alla deliberazione della giunta regionale Toscana del giugno 2018 . Il documento della…

- di Redazione

Non fiori ma goals di CR7. Il “Doro” ci lascia così

Non fiori ma….goals di CR7! Così il manifesto funebre che annuncia la morte, avvenuta ieri, di Mario Stefanini di 77 anni. Cittadino di Fornaci meglio conosciuto come il Doro. Mario era un grandissimo tifoso della Juve e con l’arrivo di Ronaldo ogni partita il desiderio era di vedere un suo goal. Così il figlio più grande Claudio, veterinario a Fornaci, ha voluto ricordare la sua fede e la sua passione per CR7 nell’annunciare la sua morte a tutto il paese. Mario aveva avuto un intervento importante ad agosto, ma si era ripreso bene. La sua morte è dunque arrivata inaspettatamente e improvvisamente. Lascia oltre a Claudio anche il figlio Pierfranco: a loro inviamo le nostre affettuose  condoglianze. … Chissà comunque se il suo desiderio sarà esaudito da CR 7? Di sicuro, si meriterebbe senza dubbio una dedica del suo beniamino al prossimo pallone messo in rete… (I funerali del Doro si terranno sabato 17 alle 15 presso il cimitero di…

- di Redazione

Marcucci su attacco KME: “Ben chiare le mie priorità: salute e ambiente della Valle del Serchio”

Non si fa attendere la replica del senatore Andrea Marcucci alle parole scritte nei suoi confronti circa l’azione contro il pirogassificatore da parte di KME. “Come parlamentare della Valle del Serchio, ho ben chiare quali siano le priorità del territorio, ovvero salute ed ambiente. Da questo punto di vista, non prendo lezioni da nessuno”. Questo dichiara il presidente dei senatori Pd Andrea Marcucci.

- di Redazione

Istruzione: nuovi indirizzi incrementano l’offerta formativa in alcune scuole superiori del territorio

Nuovi corsi, nuovi indirizzi e qualche classe in più ai corsi didattici già attivi negli istituti superiori. Sarà incrementata l’offerta formativa sulla Rete scolastica del territorio provinciale; questo è quanto prevede il Piano provinciale dell’offerta formativa e del dimensionamento scolastico 2019-2020 che contiene le indicazioni e gli indirizzi di programmazione della Rete scolastica, una competenza quest’ultima che la legge Delrio sulla riforma delle autonomie locali ha mantenuto alle Province. La delibera collegata al Piano è stata approvata ieri sera (giovedì 15 novembre) dal Consiglio provinciale di Lucca con i voti favorevoli sia della maggioranza che della minoranza. Soddisfatto il consigliere provinciale con delega all’istruzione Luca Poletti che ha illustrato in Consiglio i contenuti del documento ‘di sintesi’ di un percorso partecipativo cominciato a settembre dagli uffici provinciali con le istituzioni scolastiche. Poi le proposte sono state concertate con le Conferenze zonali, i sindacati della scuola e, successivamente, vagliate con gli organi politici e tecnici regionali competenti in materia. “Il Piano…

- di Redazione

Libellula: “Pirogassificatore, stessi inquinanti di inceneritori tradizionali”

BARGA – Sul sito della Regione è stato pubblicato il progetto della Kme e c’è subito un commento del movimento “La Libellula”, contrario al progetto: “Gli inquinanti dichiarati sono gli stessi degli inceneritori tradizionali”. Ecco il testo del comunicato della “Libellula”: “Dopo tanta attesa è stato pubblicato il mega-progetto di KME sul sito della Regione Toscana, dando il via all’iter amministrativo di 180 giorni per l’approvazione o meno dello stesso. Come annunciato più volte, il progetto promette un miglioramento dell’impatto ambientale dello stabilimento attraverso lo spegnimento dei forni a gas (già spenti da anni, per la cronaca), ma anche con una forte riduzione degli inquinanti emessi dai forni elettrici tramite interventi sui punti di emissione e sui sistemi di abbattimento per ridurre la concentrazione degli inquinanti; il calcolo delle emissioni viene fatto in base alla produzione fusoria autorizzata allo stabilimento, cioè 252.000 tons in entrambi gli scenari, presente e futuro. Domanda: questi interventi non erano possibili e forse addirittura opportuni comunque, indipendentemente dal progetto e soprattutto dal…

- di Redazione

La Libellula: “il progetto di KME conferma i nostri dubbi. Ci opporremo alla realizzazione di questo obbrobrio”

Il Movimento La Libellula ha fatto una prima valutazione del progetto di rilancio e della nuova piattaforma energetica di KME ora alla fase dell’iter autorizzativo con l’avvio della conferenza dei serviz ed il giudiuzio non è positivo. Per La Libellula sono tanti i punti che creano perplessità: “Il progetto promette un miglioramento dell’impatto ambientale dello stabilimento attraverso lo spegnimento dei forni a gas (già spenti da anni, per la cronaca), ma anche con una forte riduzione degli inquinanti emessi dai forni elettrici tramite interventi sui punti di emissione e sui sistemi di abbattimento per ridurre la concentrazione degli inquinanti; il calcolo delle emissioni viene fatto in base alla produzione fusoria autorizzata allo stabilimento, cioè 252.000 tons in entrambi gli scenari, presente e futuro”. Domanda: questi interventi non erano possibili e forse addirittura opportuni comunque, indipendentemente dal progetto e soprattutto dal gassificatore?” Soprattutto la Libellula si chiede perché è stato fatto per il raffronto  un calcolo di emissioni basato su un quantitativo di produzione fusoria così alto, ovvero sul massimo consentito  dalle…

- di Redazione

Sì dei lavoratori al piano di rilancio della Kme

BARGA – Quasi il 90% dei lavoratori Kme ha votato a favore dell’accordo sindacati – azienda, legato al piano di rilancio che passa attraverso il progetto del pirogassificatore.

- 1 di Redazione

Kme di nuovo all’attacco di Marcucci e Bonini

BARGA – Sul progetto del pirogassificatore a Fornaci la Kme torna ad attaccare Andrea Marcucci e Marco Bonini. In un comunicato l’azienda accusa il senatore e il sindaco di Barga di seguire interessi elettoralistici o personali. Secondo la Kme la politica seguita fino ad ora dai due esponenti Pd vuole semplicemente bloccare il progetto senza proporre soluzioni alternative credibili per la riduzione dei costi energetici. “Si tratta di una politica – scrive ancora la Kme – che non supporta sviluppo ed occupazione e che non è nemmeno ambientalista perché chiede di non presentare in Regione un progetto di riduzione dell’impatto ambientale”. Atteggiamenti di una politica, altrove paladina dello sviluppo sostenibile con dati verificabili e scelte razionali, che in Valle del Serchio cavalca strumentalmente logiche  “Nimby” (non nel mio cortile) forse per interessi elettoralistici o personali.Una politica che secondo KME: “Non segue le regole. Cerca di superare procedure e normative obbligatorie con proclami  pieni di luoghi comuni. Non si fida delle…

- di Redazione

Una crescita straordinaria di Mazze di Tamburo

BARGA – Tra le sorprese che la natura ci riserva ogni giorno vogliamo segnalarvi la nascita straordinaria di questi funghi: si tratta del Macrolepiota procera conosciuto localmente con il nome più comune di “mazza di tamburo”. A dire il vero in questa stagione hanno fruttificato in modo abbondante un pò su tutto il territorio provinciale. Qui ci troviamo in “pian grande” nei pressi di Barga. Vediamo e ammiriamo questi cappelloni nati ai piedi di alberi da frutto in quantità davvero abbondante. Nella valle del serchio esistono dei veri appassionati e cultori di questi funghi con lo scopo preciso di apprezzarne le qualità gastronomiche, Ma in genere . . . come vengono cucinati? Lo chef Andrea Bertellotti ci presente un piatto davvero interessante e succulento realizzato con le mazze di tamburoquesti funghiBertellotti

- di Redazione

La FIOM su contratto KME: “L’accordo getta le basi per garantire la ripresa produttiva e le garanzie occupazionali”

A commentare positivamente anche l’approvazione del contratto aziendale da parte dei lavoratori di KME è il coordinatore nazionale della FIOM KME, Massimo Braccini che oltre a sottolineare il grande risultato del 90% di sì, aggiunge: “L’accordo prevede il rilancio dei siti produttivi in Italia, investimenti, aumenti dei volumi produttivi, potenziamento delle linee di fusione, ripresa dell’attività di ricerca e sviluppo, creazione di un polo accademico, un progetto per la produzione di energia, specializzazione dello stabilimento di Serravalle nel settore barre, conferma del ruolo internazionale e di certo servizi della sede amministrativa di Firenze. Siamo molto soddisfatti dell’esito del referendum e ringraziamo tutti i lavoratori per la partecipazione. Riteniamo che questo accordo getti le basi per garantire la ripresa produttiva e le garanzie occupazionali di questo importante gruppo in Italia dopo una lunga fase critica. L’intesa prevede anche una commissione congiunta al fine di monitorare l’andamento aziendale e favorire relazioni industriali partecipative. Sarà nostro compito verificare costantemente la situazione al fine di garantirne l’applicazione”.