Due moduli prefabbricati per i ragazzi delle scuole medie di Barga

-

Per il prossimo anno potrebbero arrivare a Barga due moduli prefabbricati per ospitare due classi della scuola media di Barga. Di questo si parlerà sicuramente anche la prossima settimana in un confronto tra comune di Barga, dirigenza dell’Istituto comprensivo e genitori.

Questa sarebbe una delle soluzioni sul tavolo  per affrontare la mancanza di aule per il prossimo anno scolastico. Dalla scuola elementare di Barga sono in arrivo tre classi quinte, un numero di alunni superiore a quello solitamente previsti per le prime della scuola media. Oltretutto alla media di Barga da circa tre anni si deve anche rinunciare a tre aule di laboratorio . Non sono disponibili perché la Provincia di Lucca, titolare dell’immobile che ospita al piano superiore le scuole dell’ISI ed al piano terra la Media di Barga, le ha chiuse perché deve essere ancora concluso l’iter burocratico per dare il via  ai previsti lavori di adeguamento antisismico che riguardano anche queste aule. Proprio per tale motivo anche lo scorso anno le tre aule non sono state messe a disposizione della scuola media e così sarà anche quest’anno, nella speranza che comunque i lavori possano partire (è atteso il via libera del genio civile). Lavori che peraltro vedono anche una partecipazione economica del comune di Barga che ha già stanziato in bilancio 2019, 100 mila euro.

Tutto questo non favorisce di certo la soluzione delle ricerca delle aule necessarie per ospitare tutti i ragazzi ed anche per i laboratori. Di questo problema si era già parlato prima delle elezioni con un confronto tra i genitori, la scuola e l’ex sindaco Marco Bonini; la soluzione possibile emersa già allora è stata  appunto  quella di ospitare due classi in container appositi, come quelli già utilizzati e visti in passato a Barga per le scuole superiori, con l’auspicio che possa essere realizzato un progetto il più possibile funzionale e con le aule collegate con l’edificio delle medie. La durata eventuale della presenza dei container, qualora fosse deciso di procedere? Sicuramente almeno per un anno.

Di questo se ne deve adesso riparlare con la nuova amministrazione comunale che proprio ieri sera si è insediata ufficialmente. La questione sarà oggetto di un incontro previsto per la prossima settimana con la partecipazione di comune, scuola e genitori, per decidere la migliore soluzione possibile per tutti; che potrebbe essere anche quella di trasferire nei container i laboratori..

Tag: ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*