Mangiare sano fuori casa. Secondo posto meritato per Nicola e Filippo dell’alberghiero di Barga

-

Una storia di impegno, sacrificio ed anche e soprattutto di tanta e tanta passione per il mestiere e l’arte che si sta imparando. E’ il caso di Nicola Gargani e Filippo Celli, studenti dell’Istituto Alberghiero “Fratelli Pieroni” di Barga  frequentanti la classe V KB.

Nicola abita a Monti di Villa, Filippo a Barga ed in questi giorni sono stati protagonisti del concorso gastronomico per gli Istituti professionali alberghieri “GUSTO & SALUTE….ANCHE FUORI CASA”, promosso dall’Azienda USL Toscana nord ovest, in collaborazione con Regione Toscana, Confcommercio Lucca e Massa Carrara, Fondazione Palazzo Boccella, Comune di Capannori, Provincia di Lucca ed Associazione Cuochi Lucchesi, che si è svolto martedì 20 novembre a Palazzo Boccella a San Gennaro (nel comune di Capannori.

Hanno conquistato la piazza d’onore, peraltro non aggiudicandosi il primo premio solo per pochissimi punti, ma ricevendo comunque dalla giuria tanti complimenti per il loro piatto ed il loro impegno.

Il concorso di Palazzo Boccella era infatti riservato agli studenti delle classi quarte e quinte degli Istituti professionali alberghieri presenti nel territorio dell’Azienda USL Toscana nord ovest ed ogni scuola ha partecipato con due allievi, accompagnati da un docente tecnico-pratico.

L’obiettivo era quella di proporre piatti di una cucina salutare anche fuori casa, con ricette con pochissimo utilizzo di sale, ma con l’aggiunta di erbe aromatiche e spezie. E comunque anche con la valorizzazione del prodotto del proprio  territorio.

Accompagnati dal prof. Daniele Mangiafave, Nicola e Filippo hanno interpretato i dettami del concorso più che alla lettera, con anche inventiva ed estro; alla fine ne è nato un innovativo Raviolo di farina di castagne ripieno di funghi porcini e nepitella con salsa di ricotta di pecora garfagnina, olio aromatizzato, scorza di limone e spinaci croccanti.

Una ricetta interamente ideata e preparata da loro, provata prima a casa e poi anche a scuola fino ad arrivare alla sapiente miscela di tutti gli ingredienti. Il tutto, come detto, per l’apprezzamento massimo della giuria che ha appunto assegnato ai ragazzi il secondo premio.

La giuria, che ha avuto molte difficoltà a scegliere i piatti più meritevoli, vista l’alta qualità generale, era composta da importanti medici, maestri di cucina e grandi chef: iL’evento era inserito nel contesto del progetto regionale “Pranzo Sano Fuori Casa”, che ha l’obiettivo di promuovere l’adozione ed il mantenimento di comportamenti corretti per la salute e per il benessere, aumentando la possibilità per chi mangia fuori casa di consumare un pasto nutrizionalmente bilanciato, sano, gustoso e sicuro. Il progetto vuole infatti valorizzare concetti quali la stagionalità e la tipicità dei prodotti e l’importanza delle produzioni locali a filiera corta, intesi come sinonimo di ricchezza nutrizionale. Questo per favorire la possibilità di reperire anche nei pubblici esercizi gli alimenti, e quindi i piatti, che contraddistinguono il nostro territorio, a tutela della freschezza, di una corretta composizione nutrizionale ed anche di un gusto adeguato.

Tag: , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*