ISI Barga verso il primo giorno di scuola con l’organico ridotto all’osso.

-

Primo giorno di scuola lunedì 17 settembre per le classi prime delle scuole che fanno capo all’ISI di Barga con quasi 300 studenti che inizieranno il loro nuovo percorso scolastico  presso l’Istituto Alberghiero, il Liceo Pascoli (che comprende linguistico ,scienze umane e economico sociale), il Liceo Classico a Barga e l’ITI Ferrari a Borgo a Mozzano.

Le lezioni poi dal 18 settembre inizieranno per tutte le altre classi per un totale di circa 1050 ragazzi.

Non mancano però le problematiche da risolvere per alcune scuole dell’ISI ed in generale quella più impellente è relativa  alla mancanza di certezze circa l’organico a disposizione. “Alla data odierna – ci spiega la dirigente scolastica Catia Gonnella – manca ancora, e non era mai successo  l’organico di fatto e questo ci porta a non pochi problemi per l’organizzazione degli orari. Le nomine avverranno dopo il 26 settembre e quindi fino ad allora e forse anche dopo di allora sarà difficile organizzare tutti gli orari. Proprio per tale motivo per la prima settimana l’orario,  sarà fortemente ridotto”.

Le lezioni infatti si terranno per sole 3 ore giornaliere, dalle 8,15 alle 11,15, per tutta la settimana prossima.

“Nella speranza che poi nei prossimi giorni sia possibile mettere posto un po’ di tasselli – continua la dirigente. Peraltro – prosegue – abbiamo problemi anche per il personale ATA anche qui le nostre richieste sono state completamente disattese e non ne capiamo il perché”.

I problemi non mancano anche nel settore edilizia scolastica.

Dopo i grandi lavori di edilizia degli anni passati, per quanto riguarda le scuole dell’ISI di Barga, secondo quanto ci spiega la dirigente, a Barga le problematiche sono in buona parte risolte anche se alcune questioni rimangono: “Sono partiti finalmente i lavori per risolvere i problemi di riscaldamento dell’ISI 2 in Canteo e questo ci fa ben sperare che non si ripresenteranno i problemi dello scorso anno – esordisce la Gonnella – Sono poi terminati i lavori della palestra dell’ISI di Barga ristrutturata dalla Provincia ma ancora non ne è stato autorizzato dall’ente provinciale il suo utilizzo. Speriamo che questo avvenga entro il 17 settembre…”.

Problemi diversi invece per l’ITI di Borgo a Mozzano  dove c’è da risolvere l’allaccio dei gas tecnici dei laboratori; si attende di sapere circa l’acquisizione del terreno attualmente di proprietà delle Ferrovie per l’ampliamento dell’area laboratoriale e la possibile installazione di 2 container in attesa dell’ampliamento dei laboratori, ma non solo: “L’ITI di Borgo a Mozzano è cresciuto e sta crescendo – continua Catia Gonnella- e per questo c’è bisogno di individuare  di concerto con il Comune di Borgo a Mozzano e la Provincia anche due aule in più per l’ITT Chimico. Per il momento abbiamo ricevuto solo la disponibilità a collaborare, ma di fatto le due aule mancano ancora.

Stiamo chiedendo anche il completo rinnovo di sedie e banchi per l’ITI. I tempi c’erano per risolvere la richiesta visto che se ne parla dallo scorso anno, ma al momento non abbiamo risposta sulla problematica e non vorrei ritrovarmi con una fornitura di materiale usato e non adeguato in grado di risolvere il problema. Il materiale fornito lo scorso anno comunque non è più utilizzabile”.

Per ultima c’è poi la questione ricostruzione della parte dell’ISI di Barga dove ora sono gli uffici e le aule del Liceo scienze umane ed economico. Dopo la demolizione e la ricostruzione ex novo completata lo scorso anno dell’ex magistrale, la provincia in estate ha annunciato che era stato inserito ai primi posti nella graduatoria dei finanziamenti possibili, anche questo intervento per 4,7 milioni di euro; anche qui si tratterebbe di demolizione e ricostruzione della vecchia ala rimasta in piedi (costruita negli anni ’60). : “Vorremmo – chiede la dirigente – che la Provincia ci aggiornasse per sapere a che punto siamo. Per noi è una questione fondamentale e gli enti preposti sappiano che per effettuare i lavori di demolizione e ricostruzione noi siamo pronti a muoverci, liberando questa ala dell’edificio, anche da subito”.

Tag: , , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*