Uno studio europeo sulla situazione sanitaria della Valle. Lo annuncia Biggeri

-

Un finanziamento europeo per uno studio sulla situazione sanitaria della Valle del Serchio. Così rilancia il Movimento La Libellula, riportando un articolo del Prof. Annibale Biggeri

Secondo quanto afferma Biggeri, il progetto pilota italiano riguarderà la Valle del Serchio e prevede la collaborazione dei Comuni di Barga, Borgo a Mozzano, Coreglia Antelminelli, Fabbriche di Vergemoli, Fosciandora, Gallicano, Pieve Fosciana, dell’Agenzia Regionale di Sanità della Toscana, nonché la partecipazione di cittadini e associazioni locali, in particolare del gruppo per l’ambiente della Valle del Serchio La Libellula.

Il tutto rientra nel progetto “Citizen Science for Urban Environment and Health” nell’ambito dei bandi Horizon 2020 dell’Unione Europea, che coinvolge cinque nazioni tra cui l’Italia.

Come riporta Biggeri, la Valle del Serchio è un’area densa di contraddizioni, con aree di grande valore naturalistico e storico da un lato, e situazioni di inquinamento ambientale dall’altro. “Fin dagli anni ottanta – scrive – esistono documentate criticità per alcuni indicatori tra cui le polveri fini ed i metalli pesanti. Studi epidemiologici recenti evidenziano eccessi di mortalità generale, di malattie cardiocircolatorie e respiratorie croniche, insufficienze renale, che possono essere correlati a quegli inquinanti ambientali. Ciò ha causato serie preoccupazioni nella popolazione, che ha dato vita a molte associazioni per promuovere la consapevolezza dei problemi ambientali e stimolare politiche di miglioramento”.

Tra gli obiettivi del progetto creare sinergie per cambiare la modalità di rapporto tra amministratori e cittadini nella gestione di problemi ambientali e sanitari: “Che nel recente passato – scrive ancora Biggeri – ha portato ad un crescente allontanamento dei cittadini dalla politica”.

Il progetto partirà dal primo gennaio 2019 e sarà coordinato, data la natura partecipata della ricerca, dalla società no profit Epidemiologia e Prevenzione (www.epiprev.it).

Tag: , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*