Alessio Ciacci alla PCMC di Fornaci di Barga

- 1

Alessio Ciacci è ospite di Paper Converting Machine Italia, in occasione di It’s Tissue 2018. Il Premio europeo Innovation in Politics 2017 farà infatti visita ai nuovi stabilimenti PCMC Italia di Fornaci di Barga nella mattinata di giovedì 28 giugno per conoscere una delle realtà produttive più all’avanguardia in Toscana e scoprire il nuovo rotolo no-core (senz’anima), un nuovo prodotto che dopo anni di ricerca oggi è finalmente realtà.

Sarà accolto in azienda dal presidente di PCMC Italia, Sergio Casella. Dall’inizio del suo impegno nelle istituzioni e nelle aziende che si occupano di servizi pubblici ed ambiente Ciacci, nato a Lucca nel 1980, ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti: nel 2013 è stato nominato Personaggio Ambiente italiano dell’anno, nel 2017 a Vienna come unico italiano è stato premiato al concorso europeo Innovation in Politics Awards e nello stesso anno a Bruxelles tra i “Campioni dell’economia circolare italiana”.Oltre ai numerosi impegni come consulente europeo in tema rifiuti e nei consigli di amministrazione di diverse partecipate in Italia, dal 2001 partecipa a convegni, conferenze e manifestazioni legate ai temi della sostenibilità e della partecipazione e dei beni comuni, a trasmissioni televisive tra cui “Annozero”, “Report”, “Presa Diretta”, “Geo & Geo”, “Ambiente Italia”, a programmi radiofonici come “Caterpillar” ed ha pubblicato interventi su testate giornalistiche nazionali.

PCMC Italia, nei giorni di It’s Tissue (25-29 giugno) sta ospitando clienti da tutte le parti del mondo, ed ha preparato per loro un nutrito programma di eventi all’insegna della “Carevolution”: una full immersion nella tecnologia di produzione “Made with care in Italy” firmata PCMC. Durante gli Open House PCMC Italia sta presentando la sua tecnologia e le sue novità: la tecnologia lnvisible O e il nuovo rotolo senza anima e un nuovo concetto di primo e secondo confezionamento e la tecnologia FORTE. Il rotolo no core rappresenta il più lontano orizzonte dell’impatto zero per il tissue: è un rotolo del tutto privo dell’anima di cartone e tenuto saldo da colla ad acqua, il che significa zero spreco per il consumatore e per il produttore. E sta piacendo in tutto il mondo.

Tag: ,

Commenti

1

  1. Gonnelli Claudio


    Forse andava fatto passare anche da kme !!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*