Restauro della Rocca e polo museale dedicato all’Ariosto. A Castelnuovo un cantiere aperto lungo 18 mesi

-

CASTELNUOVO DI GARFAGNANA –  Diciotto mesi di cantiere aperto al pubblico, tra attività ed eventi per un progetto di riqualificazione tra i più innovativi realizzati in Toscana sarà presentato nell’assemblea pubblica in programma il 12 maggio al Teatro Alfieri. Si tratta del restauro della Rocca di Castelnuovo di Garfagnana, una vera e propria “audace impresa” nel segno di uno dei più geniali scrittori della tradizione letteraria italiana, Ludovico Ariosto, che dal 1522 al 1525 governò la Garfagnana per conto del Ducato Estense di Ferrara. 

Interverranno Nicola Poli, presidente Unione Comuni della Garfagnana, Pier Romano Mariani, sindaco di San Romano in Garfagnana, Andrea Tagliasacchi, sindaco di Castelnuovo di Garfagnana, Luigi Ficacci, soprintendente ai Beni Archittettonici e Ambientali di Lucca e Massa Carrara, Marco Dezzi Bardeschi, coordinatore del progetto, Lina Bolzoni della Scuola Normale Superiore di Pisa, Vincenzo Suffredini, R.U.P. Comune di Castelnuovo di Garfagnana, Pierluigi Panza del Politecnico di Milano, Sabina Magrini, segretario regionale MiBACT per l’Emilia Romagna e Giorgia Muratori, segretario regionale MiBACT per la Toscana.

Il progetto del gruppo Dezzi Bardeschi pone le condizioni affinché tutti gli attori della città e della valle, enti locali, associazioni e cittadini, possano attivamente contribuire ad un processo organizzato di rilancio territoriale.

Tag: , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*