Uno stemmario del territorio di Barga

-

La tendenza a contraddistinguere il proprio casato con un simbolo ideografico è piuttosto diffuso nella Valle del Serchio. Anche la comunità di Barga è ricca di stemmi gentilizi che, quasi sempre, ornano portali. Su questo tema Francesco Boni de Nobili, studioso di origini garfagnine ma residente a Pordenone, ha fatto ricerche e catalogazioni in Friuli e Toscana ed ha pubblicato alcuni blasonari. Per un suo lavoro, la revisione e integrazione dell’opera “Libro d’argento delle famiglie venete” di Giovanni Dolcetti, nel 2014 gli stato assegnato il Gran Premio Scudo d’Oro, rilasciato dalla Cancelleria del Centro Studi Araldici.

Ha anche scritto libri di narrativa e, realizzando i testi di diversi documentari storici, per la televisione. Relativamente alla Garfagnana ha pubblicato “Suggestioni araldiche a Trassilico in Garfagnana” e “Blasonario della Garfagnana”, entrambi nel 2007.

Nel 2014 ha pubblicato il saggio “La rivolta antifrancese di Castelnuovo nel 1796. La Garfagnana estense del XVIII secolo”.

L’ultimo suo lavoro è proprio lo “Stemmario di Barga e del suo territorio”. Chi fosse interessato può acquistarlo QUI 

 

Tag: ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*